Cinema. Gli anni più belli

Cari amici,

Il commovente ritratto di una generazione che Muccino sa mettere a fuoco con una compiutezza senza uguali, la storia di quattro amici raccontata nell’arco di quarant’anni, dal 1980 ad oggi, dall’adolescenza all’età adulta. “Gli anni più belli” è 1° in classifica al Box Office

 

Sabato 29 febbraio, alla STANZA ROSSA (a Castelfiorentino in Via IV novembre 2/D) alle ore 17 presentazione del libro di poesie di Mario Marchionne L’AFFACCIARSI LIEVE DEL GIORNO” letture di MASSIMILIANO BARDOTTI e improvvisazioni musicali di STEFANO MONTAGNANI.

Ai partecipanti verrà offerto un petite brisée al cioccolato della Pasticceria Dei

 VI ASPETTIAMO! BUONE VISIONI !

L’ANGELO AZZURRO 

 

 

 

 

 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

mangià’, v.tr.: mangiare. Deriva dal franc. ant. “manger”, a sua volta dal lat. “manducare” tramite la “var. intermedia” ipotetica “mandicare” (DELI), ma un’espressione particolare tratta da due verbi in forma imperativa, usata nel gergo ciclistico toscano attorno a Fucecchio per indicare i saliscendi, come, per es.,  quelli tra Lamporecchio e Vinci, è “mangia e bei”, quest’ultimo da “bevi” è chiaro: tratti in fondo piacevoli a farsi, come appunto possono esserlo i saliscendi per un ciclista, a differenza della piatta e quindi monotona pianura, per non parlare poi di quella estesa e nebbiosa Padana. Un tempo a Fucecchio erano chiamati “mangia e bei” dei biscotti col rosolio e mele immerse nello zucchero fuso al fuoco, a fare i quali, oltre che la granita, erano specializzati i “Chichieri”.

Frase part.: “Con me ci mangi di magro!”: da me non ottieni nulla (risposta negativa a una richiesta fatta).

Un’altra ocuzione diffusa è: “Mangià’ pane e veleno”: convivere tristemente con le amarezze.

A Fucecchio c’è chi intende “ ’un ha mangiato la foglia” in senso favorevole, come quando viene detto metaforicamente “Non ha abboccato all’amo”, ma è un errore perché nell’italiano ufficiale “mangiare la foglia” significa “capire una cosa al volo” e “il detto deriva forse dall’osservazione di quegli animali che hanno il fiuto molto sviluppato” e perciò “riescono a distinguere subito le piante velenose da quelle buone” (G. Pittàno).

Mi risulta invece in disuso il detto volgare “mangià’ l’ovo in culo alla gallina”: spendere “i soldi prima di averli guadagnati” (M. Catastini), cosa quasi assurda come se uno cercasse di mangiare un uovo prima che la gallina l’avesse fatto, come sappiamo, dalla parte del deretano

mangiarino, s.m. dimin. del sost. mangiare: pranzetto squisito, specialmente nell’esclam.: “Che mangiarino da papi!” : che buon pranzetto! Talora si può sentir dire anche “i mangiari”: le pietanze, sost., quest’ultimo, derivato dal provenzale ant. “pietansa” = “pietanza”, ma poi “elemosina” perché originariamente “indicava il vitto dato ai poveri”; si tenga infatti presente il lat. “pietas” = “pietà” (DISC)

mangiatora, s.f.: mangiatrice e in modo analogo, in vernacolo, ma specialmente nel linguaggio familiare, possono essere formati  sostantivi, come, per es., “dormitora”: dormitrice, persona che dorme molto

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 4 marzo 2020

 

Campo di bocce e ping pong al Parco dei Mandorli

Sabato 22 febbraio alle 15.30 il Sindaco di Montaione Paolo Pomponi inaugurerà il campo di bocce al Parco dei Mandorli.
Recentemente è stato rinnovato il manto erboso del nuovo campo di calcetto.
Al nostro parco quindi abbiamo così un campo da basket/calcio interno, un campo di calcetto esterno, un campo da beach volley, un campo di bocce e un tavolo esterno da ping pong.

Cinema. Parasite

Cari amici,

Arriva lo straordinario film di Bong Joon-ho  che dopo la Palma d’Oro a Cannes,  stravince con 4 OSCAR (miglior film, miglior regia, migliore sceneggiatura orignale, miglior film straniero),una commedia deliziosa, nel suo raccontare l’infiltrarsi dei poveri nella vita quotidiana, nelle abitudini, nei pensieri dei ricchi, come un virus che entra nel loro sangue.

La lotta di classe raccontata senza slogan, bandiere, ideologie, operai, picchetti.

La lotta di classe raccontata con classe.

VI ASPETTIAMO! BUONE VISIONI !

L’ANGELO AZZURRO

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

mandragolone, s.m.: “imbroglione” (M. Catastini); si tratta di un termine (usato più che altro nell’ambito familiare) che deriva da “mandragola” di machiavellica memoria;  non c’è infatti un imbroglio anche nella famosa commedia dello scrittore fiorentino, nato secondo qualcuno da una Nelli di origine fucecchiese? Si tenga inoltre presente che il termine mandragola indica sì una pianta (“Atropa mandragora”) dalle “radici narcotiche”, ma in tosc. anche “imbroglio” (DEI) forse anche per tale motivo

mànfano, s.m.: “Tappo di legno per otturare il buco di fondo” anche dei tini, secondo G. Malagoli, in pisano, oltre che “membro virile” per estensione anche in livorn.; “furbacchione” in fiorent. e in senese “bastone maggiore del correggiato”; da noi, oltre ce “furbacchione” (M. Catastini), babbeo, rozzo, ignorante, arretrato o incivile, nel linguaggio di studentelli di qualche anno fa, ma è un termine in declino non solo dalle nostre parti

manfruito, agg.: “ermafrodito”, di cui era una “corruzione volgare” usata a Fucecchio (tanto simile alla voce pis. e livorn. “manfroito”) tramite la voce “popolare diffusa da Roma”(DEI) “manfrodito”, ottenuta –ritengo- mediante l’aferesi della sillaba iniziale del termine italiano (a sua volta dal gr. “Hermaphròditos”, indicante il figlio di Hermes e di Afrodite: Id.) e l’epentesi della –n-. Peraltro, oltre che avere il significato di persona di sesso incerto, pare che “manfruito” significhi “bacato, guasto”, ma non è difficile trovare un collegamento fra i due termini sia in riferimento a una persona che soffre di una particolare malattia del genere sia in riferimento a chi è perverso sul piano sessuale e morale, così da diventare tale

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 25 febbraio 2020

 

Cinema. Piccole donne

Cari amici,

La Gerwig  da una lettura personale di “PICCOLE DONNE che parla di donne, soldi, arte.  Perché non è più tempo per scegliere tra matrimonio e morte, un taglio preciso, che mette in luce gli ostacoli dell’autonomia femminile.

SEGNALIAMO UNO SPOSTAMENTO NELLA PROGRAMMAZIONE: “RITRATTO DELLA GIOVANE IN FIAMME” slitta al 7,8 e 10 marzo.  Il 22, 23 e 25 febbraio arriva “PARASITE” il capolavoro di Bong Joon Ho vincitore di 4 Oscar, seguirà poi “GLI ANNI PIÙ BELLI” di Gabriele Muccino.

VI ASPETTIAMO! BUONE VISIONI !

L’ANGELO AZZURRO