Visita guidata alla “Gerusalemme” di San Vivaldo e a “Trasumanar”in presenza dell’artista Fabio Calvetti

LA GERUSALEMME DI SAN VIVALDO – TRASUMANAR VISITA GUIDATA ALLA GERUSALEMME DI SAN VIVALDO E ALLA MOSTRA PERSONALE _TRASUMANAR_ ALLA PRESENZA DELL’ARTISTA FABIO CALVETTI
LA VISITA GUIDATA SI TERRÀ IL GIORNO DOMENICA 27 OTTOBRE ALLE ORE 16:00
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI PRESSO L’UFFICIO TURISTICO DI MONTAIONE TURISMO@COMUNE.MONTAIONE.FI.IT – 0571 699 255
Comune di Montaione Ufficio Informazioni Turistiche Via Cresci 17/19 50050 Montaione (FI)

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

lei, pron. pers. f. sing.seguito dall’avv. di luogo “là”, ma detto con una certa animosità, come avviene anche con altri pronomi personali analogamente seguiti da tale avv.

lendinoso, agg.: che ha tante lèndini, cioè “uova di pidocchio” (L. Bezzini) nel capo e perciò è tutt’altro che pulito; infatti oggi è usato nel senso di sudicio

lentàggine, s.f.: “lantana, specie di viburno”, nel lat. scientifico “Viburnum lantana” derivato dal lat. botanico “lentana” , divenuto “lantana” in Linneo e a sua volta derivato dall’ipotetico lat. “lentagine(m)” da “lentus” = “lento, flessuoso” secondo il DEI, per il quale Diz. la nostra è una voce pisana

lernio, agg.: schifiltoso; infatti il DEI parla di questa voce come termine toscano, ma il lucchese “lernia” significa “persona delicata” mentre da noi vien detto più propriamente in riferimento a una persona schizzinosa, con un tono senza dubbio sfavorevole come “uggioso”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 29 ottobre 2019

 

IHP: VOLTERRA: altri due cavalli morti al Centro di recupero

NOTA IHP 18 ottobre 2019
ALTRI DUE CAVALLI MORTI NEL CENTRO DI RECUPERO. IHP: VOGLIAMO RISPOSTE.
VOLTERRA Due cavalli sono stati trovati morti nel centro di recupero gestito da IHP, il primo nel tardo pomeriggio di giovedì 17 ottobre, il secondo nel primo pomeriggio di venerdì 18. Entrambi erano in buone condizioni di salute e appartenevano allo stesso branco; sono stati trovati al pascolo, in due diversi punti lontani tra loro. Nella serata di venerdì il trasporto a Livorno (Petracchi), dove veterinari IZS devono eseguire l’autopsia prima dello smaltimento. All’inizio dell’anno erano state 9 le morti improvvise rimaste senza spiegazione. Su un decimo decesso a luglio era stato richiesto l’intervento dell’IZS, che però proprio una settimana fa aveva escluso si trattasse di avvelenamento. Resta però anche per questo caso ignota la causa. Sonny Richichi, presidente IHP: “Ad oggi la causa delle morti è senza spiegazione. La tutela dei cavalli è e resta la nostra priorità e malgrado tutti gli sforzi fatti per proteggerli, abbiamo bisogno di aiuto concreto, di indagini approfondite e celeri e di risposte chiare per porre fine a questa strage. Rinnoviamo il nostro appello a tutte le istituzioni affinché ci supportino nella ricerca delle cause. Non possiamo accettare che anche queste morti restino senza risposta”.
_ _
_IHP ITALIAN HORSE PROTECTION ONLUS_
_Strada Privata Tignano_
_56048 Volterra (PI)_
_+39 0588 323307 – +39 327 9041393_

Ottobre rosa 2019

Dal 12 al 20 ottobre 2019 saranno molti i monumenti illuminati di rosa in ogni comune dell’Unione Empolese Valdelsa. A Montaione sarà illuminato di rosa “Viaggiatori a riposo”, scultura di Paolo Staccioli.
Ai partecipanti alla Passeggiata Rosa del 19 ottobre per le vie di Empoli sara’ offerto il biglietto omaggio per la visita ai Musei Comunali, tra cui il Museo Civico di Montaione e la Gerusalemme di San Vivaldo.

Conseguimento della ricertificazione GOLD European Energy Award

Comunicato stampa del 15.10.2019

AMBIENTE, ENERGIA

Montaione, Comune leader in Europa per le politiche ambientali. Conseguita la ricertificazione GOLD European Energy Award

Unico Comune europeo certificato ISO 14001, ISO 50001 e Gold Award. L’Amministrazione Comunale venerdì 11 ottobre era a Locarno (Svizzera) per la consegna ufficiale.

Venerdì 11 ottobre l’Amministrazione Comunale di Montaione era a Locarno al Forum annuale dell’European Energy Award. Insieme ad altri Comuni e Regioni europei ha ricevuto ufficialmente la Gold Award, una certificazione che premia l’efficacia delle politiche energetiche.

L’EEA è il più importante standard internazionale di gestione dell’uso e dell’approvvigionamento di energia, appositamente messo a punto per enti locali e regioni che intendono contribuire allo sviluppo urbano attraverso processi e politiche sostenibili, il quale ne misura le performance in materia di utilizzo razionale dell’energia e di impiego di fonti energetiche rinnovabili.

La ricertificazione Gold è per Montaione un ulteriore grandioso risultato ed è l’ultimo traguardo di un percorso virtuoso intrapreso ormai da molti anni, nel campo delle politiche ambientali.
Nel 2008 la EEA Silver; nel 2011 la certificazione ambientale ISO 14001 che attesta il sistema di controllo degli impatti ambientali delle proprie attività, e la ISO 50001 che certifica la qualità delle prestazioni energetiche. Nel 2015 la prima certificazione EEA Gold. Senza dimenticare che già dal 2010 il Comune ha aderito al Patto dei Sindaci europeo che impegna le città firmatarie alla riduzione delle emissioni di CO2.
La sensibilità ai temi dell’ambiente, dello sviluppo sostenibile, del consumo razionale delle risorse contraddistingue da sempre l’Amministrazione Comunale, e nel tempo ha saputo tradursi in atti concreti di grande rilevanza, quali: il Regolamento di edilizia bio-ecosostenibile; l’utilizzo di energia solare termica per gli edifici scolastici e lo stadio; il fotovoltaico per l’area cimiteriale; l’impiego di teleriscaldamento da fonti rinnovabili a biomassa legnosa locale per gli edifici pubblici; l’adeguamento della stragrande maggioranza dei punti luce dell’illuminazione pubbliche con lampade a LED, un elevatissimo livello di copertura dell’intero fabbisogno energetico delle strutture pubbliche con energia elettrica verde e mediante fonti rinnovabili, ed è in corso un progetto per un impianto fotovoltaico da 9kw a servizio dell’edificio scolastico e per l’ulteriore adeguamento di punti luce dell’illuminazione pubblica con lampade a LED.
“Siamo particolarmente orgogliosi dei grandi risultati conseguiti in campo energetico – afferma il Sindaco Paolo Pomponi – che certamente non devono rappresentare un punto di arrivo ma lo stimolo a migliorare sempre più gli standard raggiunti. Questa riconferma della certificazione EEAGold è il premio di un lungo lavoro iniziato anni fa e proseguito con successo anche nell’ultimo quadriennio. Per dare l’idea del valore di questo traguardo basti sapere che ad oggi sono solo due i Comuni italiani certificati Gold Award, e Montaione è ad oggi l’unico Comune in Europa – a potersi fregiare della triplice certificazione ISO 14001, ISO 50001 e Gold Award. La riconferma che Montaione è in tutti i sensi il “paese del turismo verde”.

Fonte, Comune di Montaione

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

leccino, s.m.: porcino nero (“Boletus aereus”): P. Zangheri, che giustamente lo considera una voce toscana

lecinino, agg.: debole (M. Catastini), ma la voce non è più usata

legàcciolo, s.m.: “striscia di pelle o nastro” per legare, a Fucecchio in particolare le scarpe, in Maremma svariate cose (M.P. Bini), e il DEI osserva che è attestato dal Trecento, ma da noi nel senso detto è un termine che non sembra certo in estinzione, per quanto le sia senza dubbio preferita la parola “stringa”

legativo, s.m.: legame che precede il fidanzamento ufficiale, ma si tratta di un vocabolo non più usato.

légolo, s.m. usato un tempo nell’espressione “fare il legolo”, ormai sostituita anche dalle nostre parti da “fare la cresta”: alterare “i prezzi per intascare il sovrapprezzo” (M. Catastini) e, nell’espressione corretta in italiano, “cresta” si comprende nel senso di “ciò che sporge, che eccede” secondo l’ipotesi del De Mauro che condivido, mentre “legolo” (in lucchese “legoro”), secondo il DEI, significa in toscano e specialmente in aretino “lucignolo” e deriva da “legare”: il motivo della sostituzione di cui sopra è perciò comprensibile

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 22 ottobre 2019