Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

impermalosito, agg.: impermalito, ma l’ampliamento usato da noi non è privo di efficacia sul piano semantico per l’influsso di “permaloso”, né si dimentichi che è part. pass. del v. “impermalosirsi” (non registrato nei vocabolari di italiano essendo un termine nostrano) quando si dice: “S’è impermalosito per questo”: “Se l’è avuta a male” (DISC) per questo motivo

imporpognà’, v.tr.: imporpognare, parola espressiva; “il penetrare dell’acqua” (M. Catastini) in un oggetto bagnandolo completamente

imporrito, part. pass.che diviene agg.: materiale, specialmente se gommoso, che presenta crepe “sulla sua superficie”: C. Giani e perciò voce usata anche nel Pisano

imposolato, agg.: individuo “sporcatosi durante il pasto” (M. Catastini), ma è venuto meno anche questo termine

improsà’, v.tr. volg.: ingannare, ma fortunatamente è un verbo in declino, derivando dal termine volg. “proso”, cioè culo, in cui vorrebbe dire metterlo, sia pur metaforicamente, in un linguaggio triviale. Tutto ciò vale anche per la variante anch’essa molto volg. “infrosà’ ”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 18 giugno 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

imbraa, s.f. che corrisponde a “imbraca”: “parte dei finimenti delle bestie da tiro passante dietro le cosce dell’animale”, che talora si appoggia ad essa “per fare un minor sforzo”: DISC e prima DEI, secondo il quale diz.si tratta di un deverbale da “imbracare” (da cui deriva anche il termine, usato pure nell’alpinismo, “imbracatura”, cioè, in senso stretto, in riferimento a persone, “mettere le brache”. Tale verbo acquista il significato di buttarsi alle “cattive”, metersi a fare lo sfaccendato, nell’espressione “Buttarsi nell’imbraa”

imbriaassi, v.rifl.: ubriacarsi

impallà’, v.tr.: impallare, cioè coprire derivando dal gioco del biliardo, quando la propria palla è messa in modo da impedire all’avversario di “colpirla direttamente senza abbattere i birilli o colpire il pallino” (De Mauro). È un verbo molto usato (e non è certo raffinato) dalle nostre parti, dove ha perduto il senso “tecnico-specialistico” (De Mauro) che prima aveva, per assumere il significato di impedire la visuale

impaurissi, v.rifl.: impaurirsi. Indicativo pres. 3a pers.pl.: “s’impauriscano” (anche in senese): si impauriscono

imperfidito, part. pass.: infettato “per essersi stuzzicato la ferita” (M. Catastini) diventata come “perfida”, cioè “infida”, insidiosa, possiamo dedurre dal De Mauro

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 11 giugno 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

imbarlaccito, agg.: divenuto malconcio e non solo in riferimento a un “uovo andato a male”, come è affermato nel DEI a proposito dell’agg. barlaccio”, da cui esso chiaramente deriva

imbaulito, agg.: diventato così grasso da far ricordare un baule e perciò quando si dice scherzosamente e col sorriso sulle labbra a un amico: “Oh come sei imbaulito!” si vuol dire in modo iperbolico, cioè esagerando, “Oh come sei ingrassato”

imbeerà’, v. tr.: imbeverare, ingannare con le parole, per es., nella frase: “ ‘un vi fate imbeerà’ co’ discorsi!”. Oltre che da “fassi”(farsi) “imbeerà’ è spesso preceduto nel vernacolo da “lasciassi” (lasciarsi), ovviamente riferendosi all’infinito pres. e in tali casi, i più diffusi in proposito, significa anche influenzare, condizionare negativamente. Una voce toscana meno vernacolare è “imbecherare”: “imbrogliare” e in pisano si trova “imbéhero” (DEI)

imbiffà’, v.tr. “imboccare a via giusta” (M. Catastini), “colpir nel segno, imbroccare”: DEI, secondo cui imbiffare deriva da “biffa”: “pertica di segnalazione” usata in agricoltura in quel di Lucca e di Prato, forse dal long. “wiffa” = “segno di confine”, ma pare che anche a Fucecchio venisse detto “E ‘un l’imbiffi mai”: non trovi mai il il modo giusto, ma oggi è ben più usato il verbo pis. “inzeccare” (DEI), nel vernacolo nostro “inzeccà’ ”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 4 giugno 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

Iddio, s.m.: Dio, ma deriva da “il Dio”, con l’ “assimilazione di tipo fiorentino” (F. Fochi) come nel caso del detto locale: “Se d’un male vuoi guarire, prega Iddio di non l’avere”, cioè di non averlo

ideoso, agg.: chi ha molte idee, ma solo allo stato velleitario oppure idee bislacche, che scava,  come si suol dire in fucecchiese, “di sottoterra”

ìeh!, interiez.: sì ironico, equivalente a no, figuriamoci! Si tratta di una interiez. usata da noi, ma molto di più nell’area fiorentina

imbaccinà’, v. tr.: imbaccinare, cioè “stendere sull’aia uno strato di sterco di vacca intriso d’acqua” (M. Catastini), ma è un verbo caduto in disuso per un motivo ben comprensibile: chi fa più un’operazione del genere da noi?

imbarazzo, s.m.: malessere, per es. l’espressione “Provare un imbarazzo d’intestino”: avvetire un certo malessere all’intestino. Il sost. è un deverbale d’“imbarazzare”, che in definitiva deriva dal portoghese “embaraças” = “impedire col laccio (baraço)” (DISC)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 28 maggio 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

ì’, v.intr.: ire, con evidente infl. dal lat. “ire”: andare, significato con cui veniva detto un tempo nel contado “ ‘Un ci ol’ ì’ ”: non ci “vuole andare” (M. Catastini). Attualmente di questo verbo, attestato sin dalla fine del Duecento, esiste solo il part. pass. “ito”, “per lo più nel signif. di morto” (DEI), ma in campagna ancora con quello di “andato”

ibò!, escl. di “sdegno” come la sua variante “Ohibò!”, la quale risale al ‘500 almeno in letteratura (DEI)

iboia!, escl. di disappunto: “che schifo!” (M. Catastini). È ancora nota a Fucecchio l’esclamazione della Calea: “Iboia la gente!”, su cui ella evidentemente esprimeva un giudizio negativo, addirittura una specie di disprezzo. Questo probabilmente a causa della maldicenza che purtoppo è diffusa in tante persone. In lat. “boia” significava “gogna”, “collare per condannati” (Georges-Calonghi), passando poi a indicare in it. da “strumento di tortura” il “carnefice” e nel tardo ‘500 nella “Pellegrina” del Bargagli “delinquente” (DELI); quanto alla i- iniziale, sono del parere che sia senza dubbio una i- prostetica, cioè aggiunta per un motivo eufonico, sulla scorta di ciò che è affermato nel DISC in generale. Invece in livorn. è molto diffusa, addirittura come intercalare, l’espress. Volg. “Boia, dé!”, senza che siamo ancora riusciti a scoprire l’origine di carattere espressivo di quest’ultima “esclamazione di richiamo, corrispondente a oh, ehi!”, la quale (V. Marchi) è “comunissima” a Livorno e provincia

icchesse, s.m.: nome della lettera x (ics) rappresentante in ital. l’unione delle due conson. c e s e che ha ispirato per la sua forma l’espressione “Gambe a icchesse”: gambe storte, dette anche “a roncola” per la forma “ricurva” di questo “strumento agricolo” (DISC)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 21 maggio 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

guasi, avv.: quasi, di cui è una variante toscana, ma anche “romanesca” (DEI). Che la lettera g- sia più congeniale a noi toscani e perciò a noi italiani che la q- non è certo un motivo di sorpresa, pensandoci bene, e da noi è anche ripetuta la g- nella loc. avv. “guasi guasi”: quasi quasi

guazzo, s.m., ma la loc. avv.tosc. “in guazzo”, per es. in riferimento alle ciliegie, significa “conservate sotto spirito” e deriva dal lat. “aquatio” = “luogo con acqua” con caduta di a- “per fusione coll’art.”: caduta che avviene anche nel caso del s.f. (tosc. secondo il DISC e invece comune secondo il De Mauro) guazza: “rugiada abbondante che bagna il terreno”

gunnella, s.f.: gonnella

gusto, s.m. che figura nel proverbio “un gusto solo ‘un fa sapore”: un solo gusto non soddisfa abbastanza; infatti almeno in generale l’uomo è onnivoro

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 14 maggio 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

grugnà’ con la var. meno espressiva e diffusa “gugnà’ ”, v.tr.: grugnare, invidiare, ma detto quasi sempre scherzosamente e tra persone con cui esiste confidenza come nell’espressione diffusa da noi e non altrove, come del resto altri termini “Me la grugni, èh?”: me la invidi, èh? Potrebbe derivare da agognare con aferesi

grullarello, agg.: grullerello, con dissimilazione della prima –e- e il suffisso dimin. –ello preceduto da un ampliamento con l’interfisso –r- dopo “grullo”. Si tratta di un termine, come del resto non pochi altri lemmi trattati in questo dizionario, usato più nelle campagne che nei centri abitati

grunciolo, s.m.: “avanzo” (M. Catastini), ma il termine, che non ho mai sentito usare, penso che sia almeno da tempo in disuso; fra l’altro, non ne è affatto chiara la derivazione

gruppe, s.f.: difterite e il termine deriva dall’ingl. “(to) croup” = “parlare fioco”, forse collegato con “ingrippato” (“occluso, intasato”), a maggior ragione tenendo presente che a Castagneto Carducci viene usato anche il termine “grippe” per indicare tale grave malattia (L.Bezzini)

guà’! interiez. tosc. attestata dal Seicento (DEI), ma ancora viva nel nostro vernacolo, così come “gaó”, che forse ne è una ulteriore contrazione, cui peraltro è aggiunta l’esclamazione di meraviglia “Oh!” sia pur ridotta, e che è probabilmente un’ “apocope” di “guata”, imperativo di “guatare” (attestato in letteratura dal Trecento: DEI) e che perciò propriamente significa “Guarda!”. Oltre che essere un’esclamazione di “meraviglia”, guà può esserlo di “disprezzo” e d’influsso pisano, come si può dedurre da B. Gianetti. Quando si dice “Gaoh!”, il significato da dare a questa espressione è “Che fesseria!”, specialmente se viene puntato l’indice verso chi l’ha detta. Comunque anche questa espressione pare che sia presente anche in pisano

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 7 maggio 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

grillaio, s.m., termine “tipicamente toscano” e in particolare fucecchiese almeno un tempo per indicare un falconiforme minore: il falco grillaio (“Falco naumanni”) e chiamato così “perché si nutre principalmente di insetti fra cui i grilli” (C. Romanelli)

groma, s.m., gromma, incrostazione lasciata dal “vino nella botte” o quella lasciata dal “tabacco nella pipa”, definita da un fucecchiese intervistato da M. P. Bini “roba molliccia, puzzolente di tabacco”

gronchio, agg. tosc.: “rattrappito dal freddo, detto per lo più delle mani” (DEI) e perciò in tal caso al plurale

grogge, agg., ma non sembra certo tale, per quanto la voce inglese (“groggy”), da cui deriva tale neologismo alterato, significhi propriamente “ubriaco” (DISC), nell’espressione, presente solo nel linguaggio giovanile “essere” o “sentirsi in grogge”: sentirsi molto stanco: la forma storpianta si può considerare una loc. avv., ma si tratta di una estensione arbitraria e perciò in definitiva erronea

grondon grondoni, loc. avv. tosc.: (camminare) “curvo in avanti, con andatura cascante”. Deriva da “grondare”, cioè “cascare giù” (DEI)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 30 aprile 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

gravatta, s.f.: cravatta, di cui è una lieve storpiatura (venuta meno, pare, per quanto in particolare nel vernacolo una certa confusione fra la c- e la g- continui a sussistere) non dipendente certo dal fatto che in portoghese, secondo il DEI, cravatta si dice “gravata”

gremigna, s.f.: gramigna, probabilmente per dissimilazione della –a-  nei confronti della lettera finale, così come si spiega che verso l’Anchione e Ponte Buggianese, cioè verso il Padule di Fucecchio, esista via del Gremignaio, nonostante che sia giustificato il termine “gramigna” derivando dal lat. “graminea(m)”, f. dell’agg. “gramineus” = “erboso” (De Mauro)

grembio, s.m. tosc.: grembiule, da questo lemma derivato secondo il DEI, che lo considera “pisano” e la derivazione si spiega per l’aggiunta del suff. tosc. “-ule” o, nel caso del meno frequente “grembiale”, per quella del suff. “-ale” per formare un sostantivo “denominale” (DISC), ma in più, nel caso di “piazzale” e “viale”, con “valore accrescitivo” (De Mauro). Comunque è a “grembo” (voce d’ “area toscana”) che derivano il lemma e le due voci sopra citate, secondo il DELI

greppa, s.f. var., rialente al ‘300, di greppo: “dirupo” (DEI); infatti via della Greppa indica a Fucecchio una via scoscesa, oltre che stretta. Nelle campagne vicino, come nel cerretese e presso Larciano, si può, ma più precisamente si poteva, sentir dire (e non raramente) “sgreppo” con lo stesso significato di “greppo”, ma con un prefisso intensivo o peggiorativo, comunque espressivo. Anche “casa Greppi” presso il Galleno, lungo l’ormai famosa via Francigena, è un toponimo derivato dalla sua posizione presso il “fianco scosceso di un’altura”

grétola, s.f.: persona che cerca “tutti i pretesti, fa di tutto” per ottenere un certo scopo, mentre in Maremma significa “persona chiacchierona o brontolona” e nella bella novella di Renato Fucini “Scampagnata”, nella raccolta “Le veglie di Neri”, al plurale significa “pretesti”, deduco da M.P.Bini.

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 23 aprile 2019 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

granocchio, s.m.: ranocchio con la g- iniziale  prostetica anche secondo Nerucci, ma su essa ha influito qual verso di questo anfibio, che deriva dal lat. tardo “gracitare” d’origine onomatopeica (DISC). Ancora in uso specialmente presso Ponte a Cappiano, tale forma si trova anche in altre parti della Toscana

graspollino, s.m., doppio dimin. di quel graspo che è un incrocio di “raspo” e “grappolo”, voce toscana (DEI) che si riferisce anch’essa all’uva, ma da noi è molto più usato “raspollino” d’uva

grassello, s.m.: pezzetto di carne grassa; secondo il DEI “vivo ancor oggi in Toscana” e specialmente nel Pisano e in Lucchesia

gratisse, avv.: gratis, con l’epitesi toscana : parola derivata dalla forma contratta del latino “gratiis”, propriamente “per le grazie”, per compiacenza e perciò in modo gratuito (DELI) ovviamente non preceduta dalla “a”, usata invece erroneamente da certe persone forse per analogia con la loc. avv. “a crai”

grattà’, v.tr.: grattare nel senso di rubare (accezione popolare), mentre quando vien detto “Gratta, Meo!” ha il significato di “stropicciare in modo insistente la pelle con le unghie per far cessare il prurito” (DELI).

Quanto a Meo, in tosc. significa “minchione” e deriva dal nome personale “(Bartolo)meo” con riferimento, appunto, a Bartolomeo Colleoni da Bergamo: cognome derivato –pare- dal lat. tardo  “coleone(m)”, class. “ coleus” =  “testicolo” (DEI) e il riferimento si nota anche nello stemma del noto condottiero di ventura. Non escludo peraltro che Meo possa essere un nome generico che suona bene col verbo precedente nel modo di dire scherzoso sopra registrato. Da notare anche l’espressione “Grattassi come le scimmie”: grattarsi (ripetutamente e specialmente in certe parti del corpo) come fanno le scimmie

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 16 aprile 2019