Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

damo, s.m. tosc.: “fidanzato” (De Mauro), corrispondente m. di “dama”, derivata dal francese “dame” e questa dal lat. “domina(m)” = “padrona” tramite la forma sincopata del lat. popolare “domna(m)” (DISC), donde è facile capire che deriva “donna” per assimilazione della –m- alla lettera successiva. Tale voce toscana è attestata con tale significato già in Andrea da Barberino prima del 1431 (DELI). Tuttavia è ormai in declino, a parte l’uso che ne può essere fatto scherzosamente

da lì essue, loc.prep.: da lì e su, con l’epitesi dopo il raddoppiamento della consonante nella parlata soprattutto contadina

dante, s.m.: più che “maggiolino” (accezione riportata da M. Catastini), grosso insetto come la cetonia dorata, chiamata in tal modo forse per le sue grosse dimensioni come insetto (in un campo ben diverso, come quello letterario, nessuno può negare la grandezza poetica di Dante Alighieri), ma si tratta di un termine non più usato, mi risulta, almeno dalle nostre parti, dopo pochi anni di distanza dalla seconda guerra mondiale, nonostante che questo bell’insetto sia diffuso nelle nostre campagne anche nei nostri tempi

debà, s.m.: dibattimento; voce passata nell’Ottocento dal fr. “débat” (derivato nel ‘200 da “débattre” = “dibattere”) in pisano e quindi passato al fucecchiese, dove peraltro questo francesismo è giustamente in disuso già da tempo e sta scomparendo anche nelle altre poche zone in cui era usato: M.P. Bini, riferendo l’opinione di un intervistato a Fucecchio, secondo il quale esso era meno “compli‘ato” del processo anche perché era fatto in “pretura”, ma da noi in modo ancor più popolare o volgare “complicato” viene detto “compriato” con un dileguo completo della –c- intervocalica, oltre che col rotacismo alla pisana “culu(m)”, ma noi possiamo dire “coda” + “erige”, imperativo di “erigere” = “ergere” per il fatto che tiene il “posteriore ritto”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 26 dicembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

cutrione, s.m.: codrione, ma da noi cutrione indica una parte ancora più in basso: il deretano del pollo. Infatti il corrispondente del codrione, definito giustamente dal DEI “l’estremità della schiena (…) degli uccelli” è in cortonese “cudirone”, che significa proprio “deretano”: stesso dizionario, che fa derivare codrione (cutrione ne è chiaramente una var. vernacolare) dall’incontro del latino “coda” con “posterio”, posterioris” (ma preferisco pensare all’accusativo posteriore(m)) perché perlopiù i nomi italiani derivano dall’accusativo latino

cuuglio, s.m. in declino: cuculo (“Cuculus canorus”), chiaramente onomatopeico (C.Romanelli), che comincia a fare il suo caratteristico verso ad aprile, quando inizia a fiorire quel “fior cuculo” che appunto da esso ha preso il nome: “Lychnis flos-cuculi”: specie di “garofanino selvatico” che, a causa dei “cinque petali” presentati, in lucchese e pisoiese è chiamato “manina di Gesù” (DEI

da, prep. sempl. usata anche nelle espressioni “Da oggi a otto”, più raramente “Da oggi a quindici” e ancora più insolitamente “Da oggi a ventuno”, cioè, comprendendo il giorno stesso in cui queste espressioni sono e, nell’ultimo caso, venivano dette: “Fra una settimana, due settimane o venti giorni” 

dà’, v.tr.: dare, con un significato particolare, per es., nella frase: “Te lo do io!”: te la faccio pagare io. Si tenga presente anche la frase: “Che sugo c’è a dà’ i biscotti a’ maiali?”: che soddisfazione c’è a dare i biscotti ai maiali e cioè a fare uno spreco inutile? È inoltre da notare il raddoppiamento della –v- nella frase, per es.: “Perché davvela vinta?”: perché darvela vinta? in riferimento alla partita

daddoli, s.m.pl. tosc.: “moine, smorfiette.”: DEI, secondo cui è una voce del “linguaggio infantile”, ma, come altre, è usata anche da adulti. Comunque si tratta di una voce espressiva, come si desume anche dall’abbondanza delle –d- in essa presenti

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 19 dicembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

curtella, s.f.: coltello al femminile, ma “indica una misura più grande” per “partire”, cioè per dividere il pane

curtello, s.m.: coltello probabilmente da una forma già dissimilata nel latino tardo “curtellus” ipotizzato dal DEI

custodì’, v.tr.: custodire, in toscano “mantenere”, come nel proverbio: “Chi custodisce la salute, custodisce un gran tesoro”. Da noi abbastanza diffusa anche la var. pop. “costudire”, che penso si possa considerare una metatesi rispetto al verbo considerato dal De Mauro “fondamentale”

cutenna, s.f.: cotenna, ma la voce usata ancora da noi, è più vicina all’etimo, provenendo tale parola dal lat. ipot. “cutinna”, a sua volta da “cutis” = “pelle”, oltre che “cute”: etimo giustamente accennato dal     DEI

cutèra, s.f.: “scutèrzola” o “cutèrzola”, “formica alata” o “formica rossa che punge” (DEI), aggressiva appunto. Corrisponde alla “cudera” in castagnetano (Bezzini) ed è una voce anche pisana, ma da noi acquista o acquistava un significato metaforico nella frase “Sei una cutèra”: sei un’ intrigante oppure una donna litigiosa. È interessante l’etimo riportato dal DEI: dal lat. “culu(m)”, ma noi possiamo dire “coda” + “erige”, imperativo di “erigere” = “ergere” per il fatto che tiene il “posteriore ritto”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 12 dicembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

culo fradicio, s.m. con l’aggiunta di un agg. in questo caso volg. indicando tale espressione un sodomita per un motivo di facile comprensione

culònia, s.m. coniato recentemente in un ristretto ambito giovanile per indicare un posto lontano, così come il più raro “monculi”, entrambi volgari, come si può facilmente arguire da una parola in entrambi presente, così come (con lo stesso significato, ma più rara della prima) “culismània” (luogo remoto, difficilmente raggiungibile: iperbole comunque), ma son vocaboli ristretti a pochi giovani studenti universitari

cuore, s.m. con un significato particolare quando vien detto “Se l’è presa proprio a cuore!”: si adopera davvero con tutte le sue forze a favore di tale persona!

cupola, s.f.: “costruzione fatta a volta” (DEI): forse anche per tale aspetto, ma più probabilmente – viene fatto di pensare – per il fatto che comincia con la stessa sillaba, quando viene detto volrgamente “Vai in cupola!” si vuol dire in modo ancor più volgare e perciò triviale “Vai in culo!” (espressione rispetto alla quale la nostra è perciò un eufemismo), peggiore che dire “Va’ via!” anche per il tono particolarmente adirato con cui tale espressione viene di solito detta. È da tener presente che l’uso di tale eufemismo (e andare in cupola o, peggio, in “culo” a una persona significa anche fregarsene, ingannarla) è attestato anche a Firenze nell’Ottocento secondo P. Fanfani

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 5 dicembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

culaia, s.f., usato nella diffusa espressione piuttosto volgare (anche se simpatica) derivando da “culo”, “Fa culaia”: il tempo cambia in peggio: si tratta di un modo di dire toscano (ne parlava anche P.Fanfani), che si spiega, secondo L. Bezzini, per il fatto che i nuvoloni che preannunciano la pioggia possono far venire in mente per la loro forma grosse natiche o, come dice lui “enormi glutei”

culaiòlo, s.m.volg.: fortunato, dall’accezione volg. di “culo” come fortuna

culatta, s.f.: “parte posteriore” del barchino del Padule di Fucecchio

culizione, s.f.. colazione, ma, per quanto sia stato registrato da M. Catastini, non l’ho mai sentito dire: anche per questo penso che sia un vocabolo scomparso

culo, s.m. volg. Modi di dire: “Avé’ ar culo”: avere al culo, cioè dispiacere, come nella frase “L’ho ar culo”: mi dispiace. “Essere culo e camicia”: essere molto simili, uniti, data la vicinanza dell’uno all’altra. “Rizzare ir culo”: “fare il permaloso” (R. Cardellicchio). Mentre “Avé’ culo” significa aver fortuna, nel secondo dopoguerra fra ragazzini veniva usata senza malizia l’espressione “Dammi culo”: per poter superare un ostacolo alto un ragazzo si appoggiava alzandosi sul sedere di un altro. Certi cibi posso portare alla stitichezza ed ecco allora il detto: “La gola impicca ir culo”, mentre un noto personaggio fucecchiese soleva dire: “Finché la bocca prende e il culo rende, vo in culo alle medicine e a chi le vende”: finché il corpo funziona regolarmente, non ho bisogno di medicine e perciò neanche di ricorrere al farmacista. Una caratteristica del culo ha suggerito una battuta simpatica, per quanto volgare, di fronte ad una grande oscurità: “C’è buio come in culo!”. Altre frasi volgari, ma queste diffuse ben oltre l’ambito meramente locale, sono: “Quello lì mi sta sur culo!”: costui mi sta sulle scatole, cioè mi dà molto fastidio, per costui provo una profonda avversione, nonché “Ha più culo che anima”: ha più fortuna che altro, anzi: ha una fortuna davvero sfacciata! Addirittura triviale è la frase, che secondo M. Masani veniva dedetta dai fucecchiesi in riferimento ad una cosa o a una insopportabile: “Se l’avessi in culo, lo scaricherei in Arno!”: se l’avessi nel sedere, lo scaricherei nell’Arno per farlo affogare. Più propria del pis. e del livorn. è l’espressione molto volgare: “Ma ti levi di ‘ulo?”: ma ti levi di torno?

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 28 novembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

cucciòlla, s.f.: “Gonfiore della pelle” anche per una puntura d’insetto, col raddoppiamento della –l-  più espressivo del castagnetano “cucciòla” riportato da L. Bezzini, secondo il quale tale gonfiore  può dipendere anche da “un’allergia o dermatite”. Si tratta però di un termine che dalle nostre parti pare che non si senta dire almeno dal nuovo millennio

cucco, s.m.: “cuculo”, ma anche “babbeo”, voce d’origine onomatopeica (De Mauro). Si pensi al proverbio “Chi mangia tutto, la sera canta cucco”: chi non dimostra nessun senso del risparmio, poi canta come fa il cuculo, cioè si trova senza nulla in mano, “fischia” per la miseria in cui finisce per trovarsi. Da noi esisteva tale proverbio, probabilmente una variante di quello che è riportato dal Lapucci: “Chi la sera mangia tutto la mattina canta cucco”, dal momento che -commenta la stesso studioso- si dice che il cuculo canti: “cucù… non ce n’è più”

cucì, v.tr.: cucire e quando viene detto, come a Massarella, “il vestito a una persona” vuol dire parlarne male

cuffia, s.f. che può essere detto per non dire volgarmente “culo” (e questo si spiega per le due lettere iniziali come per “cupola”) nella frase “Va’ in cuffia!”, appunto, per non dire “Va’ in culo!”. È usato comunque, questo eufemismo, per lo più nell’ambito del linguaggio familiare

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 21 novembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

crocchente, agg.: ancora più intenso di croccante, con quella assimilazione alla –e seguente, chiaramente espressivo in riferimento ad un cibo, ma un dolce caratteristico di tante fiere paesane anche da noi è il croccante, fatto molto (e ancora di più brigidini) nella vicina Lamporecchio

crocione, s.m. accresc. di “croce” (DISC), pur cambiando genere, usato nella frase: “È meglio facci il crocione”, cioè promettere “solennemente di non fare un’altra volta una determinata cosa o di non ripetere lo stesso errore” (R. Cantagalli): solennemente, appunto, come facendoci il segno della croce (addirittura ricorrendo all’accrescitivo) sopra. Comunque “farci il crocione” significa anche non andarci più in un posto per una delusione subìta

crostino, s.m.: individuo difficile a trattarsi. Infatti la crosta (di cui tale termine è chiaramente un diminutivo almeno originariamente) è lo “strato esterno indurito di un corpo” (DEI). Talora può essere detto con la g- iniziale come nella frase: “Se’ proprio un ber grostino!”: sei davvero troppo stucco! con quel significato di “testardo”  che può avere anche nel vernacolo pisano (B. Gianetti)

cruccia, s.f.: gruccia, di cui è una lieve storpiatura del resto venuta meno

cuccà’, v.tr.: cuccare nel senso di prendere, sorprendere (anche nel linguaggio studentesco) anche a fare e dire una cosa non onorevole, come pure una fesseria. Si pensi, per es., alla frase: “Ti c’ho cuccato, eh?”: ti ci ho (sor)preso a far questo o a dire questa fesseria, eh? Significa insomma “prendere in castagna”, cioè cogliere in errore (DISC) una persona oppure sorprendere una persona a fare una cosa in cui non avrebbe voluto essere colta

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 14 novembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

crede’: credere, usato come v. intr.  nell’espressione ironica “Ci crederò!”, nel senso di non credere in una certa cosa. Talvolta si può sentir dire anche nel nostro territorio, ma per influenza livornese: “Ci redo!”: ci credo, con dileguo per aferesi della c- iniziale

cresta, s.f.: traccia ovvero rèsta d’agli (termine usato a Massarella)

crettomane, s.m.: cleptoname, usato nel senso di ladro vero e priprio, ma non in modo esatto essendo – pare- in psicologia psichiatrica la cleptomania una “tendenza morbosa ed irrefrenabile a rubare” (De Mauro), ma la deformazione, linguisticamente ben spiegabile per motivi che abbiamo già trovato, è senza dubbio in declino

crino, s.m.: “cesto rettangolare realizzato con le schiappe di castagno” (M. Catastini), ma anche “grossa cesta di vimini per trasportare o tenere i galletti” secondo il DEI, che lo definisce voce della Toscana meridionale e dell’Italia centrale, ma pare che un tempo venisse usata anche nel nostro contado almeno nella prima accezione

crisso, agg.: “fisso, vitreo” (M. Catastini), ma è una voce scomparsa del tutto, a mio parere

Cristo, appellativo di Gesù, ma al pl. acquista un significato molto diverso, per esempio, nel modo di dire anche pisano, ovviamente tutt’altro che elegante, “ ’un c’è Cristi”: “non ci sono Cristi”, così come “Non c’è santi che tengano” (dove si nota, come altrove in vernacolo, l’uso improprio del sing. al posto del pl. nel verbo “essere”): “non c’è niente da fare”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 7 novembre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

cottrone, s.m.: “coltrone” (M. Catastini), con un raddoppiamento – credo – per assimilazione caduto giustamente in disuso, per quanto raro anche prima

covate, s.f. pl.: sterco molteplice bovino “padellato a terra (mecce)” (M. Catastini), ma il termine è caduto in disuso e viene a mente a questo proposito la “fatta”, oggetto di litigio in una novella un tempo nota di Renato Fucini

crai (a), loc. anche pis.: “a credito” (anche a Firenze), ma alla lettera “a domani”, essendo il pagamento rimandato a un indomani generico. Infatti “crai” deriva  dal lat. “cras” = “domani” (M.Cortelazzo – C.Marcato), “col passaggio regolare di -as in –ai” (Devoto), essendosi generalizzata la caduta di questa consonante durante il Medioevo (DELI) e per vocalizzazione della –s finale (D’Achille)

craziòla (a): loc. avv. che aveva un significato particolare, come nella frase in disuso “Fermassi a craziòla”: “fermarsi a chiacchierare trascurando il lavoro” (M. Catastini), come pare che potesse avvenire anche durante il Medioevo a Fucecchio, se si pensa a una disposizione dello Statuto di quel  Comune risalente al 1307/8 (III, 69, pag. 104)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 31 ottobre 2017 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

cosa o coso, s.f. e m., rispettivamente usati quando non si ricorda bene la persona o l’oggetto di cui si parla o non si vuol nominare per la fretta, il disprezzo o più in generale per una momentanea amnesia, ricorrendo perciò a questi due termini molto generici, ma ad essi si ricorre (e in questi casi si tratta di una voce tipicamente toscana) anche quando non se ne “voglia dire il nome” (DELI). E’ da notare che “coso” è usato anche ne pistoiese ed è attestato in letteratura fin dai primi anni del Seicento (DEI)

cosà’, v.tr. e intr.: cosare, che ha un senso molto indeterminato in toscano, in generale “usato per sostituire il verbo proprio dell’azione che s’intende denotare” (DEI) e che magari non viene in mente lì per lì; in particolare in fucecchiese può significare talora dare noia, molestare. Chiaramente non si tratta invece di un verbo quando viene detto, per es.: “Le cose cambiarono da così a cosà”: la situazione mutò completamente. Invece è verbo quando significa “girare” come nella frase “mi cosi la farinata” (M. Catastini): mi giri la farinata: “minestra” attestata prima del 1300 (DELI)

coscènza (talora erroneamente anche nello scritto), s.f.: coscienza, derivando dal lat. “conscire” = “essere consapevole” (DISC), ma nella pronunzia vernacolare la – i -, imposta dalla derivazione latina (a differenza di “conoscenza”, dal lat. “cognoscere” = “conoscere”), non s’avverte, a differenza, per es., di ciò che avviene nella pronunzia meridionale

còtto, s.m.: portata di “mezzo chilo di fagioli”, per es., ordinata a un rivenditore. È invece un agg. sostantivato, sottintendendo “cose” o “parole” nel modo di dire: “Dirne di cotte e di crude d’una persona”: dirne di tutti i colori, cioè parlar molto male di una persona

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 24 ottobre 2017