Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

fuggì’, v.intr. e tr.: fuggire. Modo di dire: “Ascappa e fuggi” in fretta e furia come “A mordi e fuggi”

fumacchio, s.m. tosc.: “pezzo di legno semicarbonizzato che manda ancora fumo” e, un tempo, ciò che s’innalzava da pentole d’acqua bollente per far lievitare, appunto grazie al vapore acqueo,  dentro la madia, la pasta per la schiacciata di Pasqua

fumaiòla, s. f.: fumo, per es. nell’interiezione “Che fumaiola!”, nell’ambito del linguaggio familiare

fumino, s.m.: individuo irascibile, chiaramente derivato da “fumo”, in cui può finir appunto l’ira da fiammata quale era. Comunque dal soprannome Fummino, un tempo esistente a Fucecchio,  possiamo dedurre che la parola potesse esser pronunciata col raddoppiamento o geminazione della -m-, come avveniva nel Pisano

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 9 ottobre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

frusone, s.m.: frosone (“Coccothraustes coccothraustes”), probabilmente derivato dal lat. tardo “frisione(m)”, possiamo dedurre dal Romanelli

frustagno, s.m.: fustagno, termine attestato a Venezia nel 1265 in riferimento a una “sorta di panno di poco prezzo” (DEI), da cui prese nome a Fucecchio una banda rivale di quella detta del Casentino. Finalmente il 21 settembre 1861 le due bande furono accorpate dal sindaco di Fucecchio Carlo Landini Marchiani nella banda municipale, che poi fu intitolata al Mo. Mariotti, ricevendo l’ambito premio nel medesimo comune il 3 ottobre 1911 in concomitanza col 50° anniversario dell’Unità d’Italia e della fondazione della stessa banda


frustone
, s.m.: “rametto flessibile di salcio” (M. Catastini), ma pare che il significato che conserva ancora il termine sia piuttosto quello di una parte considerata insignificante d’una pianta. Dalle nostre parti c’è chi chiama “frustone” anche il biacco (“Coluber viridiflavus”) perché questo serpente può arrivare a frustare se è disturbato specialmente quando fa all’amore

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 2 ottobre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

frullana, s.f.: “falce fienaria”, insomma “usata per tagliare l’erba”; voce “usata nel fior., lucch., pisano e maremmano”, deriva da “friulano” (in dial. “furlain”) essendo usata nel Friuli (DEI), ciò che non impedisce certo che almeno un tempo fosse molto usata anche da noi per fare il fieno, cioè per tagliare l’erba, fatta poi “essiccare come foraggio per gli animali” (DISC). La differenza della nostra voce rispetto a quella friulana (di cui è come una metatesi espressiva con la solita terminazione in vocale) è evidente

frullo, agg.: confuso, ma si tratta di un termine in disuso. Peraltro si spiega pensando al frullino e al v. “frullare”, che indica il “girare vorticosamente su se stesso” e, in riferimento ai pensieri, “venire improvvisamente alla mente” (De Mauro), come nell’espressione, usata almeno fino a poco tempo fa dalle nostre parti “Ma che ti frulla ner (nel) capo?”. A Firenze si trova addirittura nei pressi della porta di San Miniato un locale intitolato “Baretto del Rifrullo”, probabilmente in riferimento a una festosa confusione

fruolino, s.m.: bambino vivace che “fruga da per tutto” (DEI); infatti deriva da “frugolino” con dileguo della – g – intervocalica

fruone, s.m.: persona che rovista verbo che deriva dal lat. “revisitare” = “tornare a vedere” (De Mauro), mentre invece il nostro lemma (ormai in disuso) deriva da “fruà’ ”, cioè da “fruare” e questo da “frugare” (M. Catastini), col dileguo della –g- intervocalica

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 25 settembre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

fruciataia, s.f.: venditrice di castagne (arrostite in un modo particolare ricorrendo a una padella bucherellata detta “frusciandola”) chiamate “fruciate”.

fruciate, s.f. pl.: bruciate (castagne), ma la f- iniziale rende meglio l’idea delle castagne “arrostite sul fuoco” cui accenna anche Bezzini e fatte frusciare nell’apposita padella forata

fru-frù, s.m.: biscottino friabile “tipo wafer”; deriva dal franc. “frou frou” d’origine onomatopeica poché “imita un fruscìo”; è da considerare un termine regionale (DISC)

frullà’, v. intr.: frullare, andare a giro, muoversi, oltre che “agitarsi nella mente” come riferisce il DISC, secondo il quale giustamente si tratta di un verbo onomatopeico. Infatti l’espressività gli è conferita anche dalle due consonanti iniziali. Frase: “E sa’: gli garba un po’ e via frullà’!”: sai quanto gli piace andare a giro! Altra frase diffusa da noi: “Mi frulla ‘r il capo”: sento confusione nella testa. Dal v. “frullare” deriva il termine “frullino”, che indica quell’attrezzo della giostra della fiera che gira su se stesso azionato da un congegno interno all’abitacolo, oltre allo stesso termine che indica il “beccaccino minore (“Gallinago gallinula”)”, voce toscana, “a Lucca il gambecchio” (DEI)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 18 settembre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

frittata, s.f.: a Fucecchio in senso metaforico poteva indicare il “pateracchio” in senso sfavorevole almeno un tempo, cioè quando una donna rimaneva incinta senza volerlo e senza avere sposato, ma in tempo di convivenze, senza il ricorso prima al matrimonio, anche questi due termini hanno perso il senso sfavorevole che avevano allora. Così la frase “Ha fatto la frittata” è rimasta per lo più in campo culinario e perciò non più in senso metaforico

fritte (come a Castagneto Carducci e a La Rotta e perciò rispettivamente nel livorn. e nel pis.), s.m.: flit con la tipica epitesi: “petrolio raffinato insetticida”; voce commerciale modellata sull’anglo-amer. Flytox “tossico” per le mosche: DEI, ma la voce è venuta meno da diversi anni. Era chiamato anche “DDT” (C.Giani)

froso, s.m. volg.: sedere, ma in senso traslato anche fortuna, con cui ha in comune la lettera iniziale, mentre nel primo senso è più usato la var. “pròso”, ma si tratta di due parole volgari diffuse specialmente nel linguaggio giovanile fucecchiese del secondo dopoguerra

fruciàndolo, s.m. tosc.: “pertica con un pannaccio legato in cima che serve per pulire il forno” (DEI), ma sarebbe meglio dire “che serviva”, essendo un termine in netto declino questo, che secondo lo stesso Diz. deriva da “frucare”, cioè “frugare” con la contaminazione di “strusciare”

 

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 11 settembre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

frignà’, v. intr.: “piagnucolare noiosamente”: DEI, in riferimento appunto al v. frignare, definito giustamente toscano e voce onomatopeica forse nata dall’incontro di “fri(ggere)” con “(la)gnare”, cui mi sembra da aggiungere che da noi è usato soprattutto in riferimento al pianto dei bambini. Si pensi infatti all’espressione “Come frigna quel figliolo!”, col significato, quest’ultimo sostantivo, di bambino. Poi passa, pensiamo per estensione, almeno nel nostro linguaggio popolare, a indicare anche il pianto lagnoso di adulti e in particolare delle donne

frignettà’, v.intr.: frignettare, piagnucolare in modo fastidioso, formato dal v. “frignare” col suff. dimin. “-etto”: il toscano della nostra zona sembra amare abbastanza i diminutivi anche quando si tratta di verbi

frìgnolo, s.m.: eruzione cutanea più accentuata di un semplice bollicino; piccolo foruncolo e perciò “brùfolo” secondo il DISC, che lo chiama “fignolo” considerando già questa una voce toscana; rispetto a questa, la nostra, usata anche nel pis., è più espressiva grazie all’epentesi della –r- , a mio parere: non a caso sono stati considerati onomatopeici il gruppo fr- e in particolare la –r-

fringuellino, s.m. formato col suff. dimin. “-ino”: pène di un bambino, detto senza malizia, così come “cincerino” e “pisellino”

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 4 settembre 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

frescone, s.m.: omosessuale, se non, peggio ancora, sodomita 

frescurina, s.f. dimin. di frescura e quindi: un po’ d’aria fresca, che può esser più gradita del più comune “freschino” (citato anche dal DISC), come quando viene detto: “Che bella frescurina!”

frigge’, v.tr.: friggere. Per es. nel caso della frase: “Vatti a fa’ frigge’!” (modo volgare per mandare alla malora), ma intr. nel senso di trepidare, non stare alle mosse, cioè essere impaziente per fare qualcosa, termine usato nell’ambito familiare in questo caso

friggibùo, s.m.: friggi buco, cioè fesseria, cosa da niente di cui uno si lamenta noiosamente, bażżecola più che “rammarichio fatto dai ragazzi che hanno guai e dalle persone infermicce” com’è sostenuto dal DEI, del quale Diz. accetto invece almeno in parte la derivazione da “friggere” nel senso di “lamentarsi” per un male lieve che fa ricordare la “bua” dei bambini. Infatti ho sentito più volte una frase tipo questa: “La fa’ finita di lamentarti per codesto friggibuo!”. Pare comunque che un tempo a Fucecchio friggibuo avesse anche il significato, riportato da M. Catastini, di “petulante” e di “noioso”

frigidino, s.m.dimin. di “frigido”, che significa, con chiara derivazione dal lat. “frigidu(m)”, “freddo”, ma acquista il significato in particolare di freddo umido, particolarmente fastidioso, in espressioni come “Che frigidino!” e “È un frigidino!”, accompagnate da una mimica loquace

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 28 agosto 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

freddo, s.m. Modo di dire alla Querce, frazione di Fucecchio: “Freddo appiedi”: freddo ai piedi (Gino Maroletti). In pisano, ma anche a Fucecchio, può capitare di sentir dire: “È un freddo buggerone!”: è un gran freddo!: espressione che si può ben capire perché “buggerare”, da cui “buggerone” deriva, significa anche provocare malanni. Non sembra abbastanza diffuso questo proverbio, verìdico almeno per lo più in riferimento specialmente alla tramontana: “Il freddo i giovani sana e i vecchi rintana”: il freddo fa bene ai giovani, mentre fa rinchiudere i vecchi in casa

frescana, s.f.: “aria fresca” (M.Catastini), per es., che c’è chi dice che faccia cantare ancora di più l’usignolo, ma anche tale termine è in disuso

frescata, s.f.: aria fresca che fa male, potendo far venire il raffreddore, se non uno “stato patologico” peggiore

fresco, agg. sostanzialmente col significato di punito per es., nella frase “Ora sta’ fresco!”: presto vedrai come sarai punito! L’origine di questo modo di dire “ironico”, diffuso anche da noi, ma probabilmente di estrazione fiorentina, potrebbe essere addirittura dantesca. Infatti il “sommo poeta” nel verso 117 dell’Inferno del Canto XXXII dice: “là dove i peccatori stanno freschi” in riferimento ai traditori della patria, condannati nell’Antènora (R. Cantagalli) a stare col viso “più esposto al gelo” (N. Sapegno). È agg. dimin., se si sottintende,  per es. “situazione meteorologica, quando diciamo: “Eh freschina oggi!”: oggi è fresco (il tempo) eh!

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 21 agosto 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

fralloccóne, s.m.: individuo che compiccia veramente poco. La parte centrale della parola (la quale penso che sia veramente nostrana, come del resto non poche altre parole di questo dizionario) fa venire in mente “allocco” in senso metaforico, cioè come “sciocco, tonto, babbeo” (De Mauro), ma dà anche l’idea di una persona troppo lenta

fràola, s.f.: (uva) fragola, col dileguo dell –g- attestato nella nostra zona anche in questo caso e risalente al Trecento secondo il DEI, ma penso che oggi venga usato solo scherzosamente

frascone, s.m.: pianta ingombrante più di una grossa frasca, come significa alla lettera, cambiando il genere, come avviene per molti accrescitivi (DISC), mentre il diminutivo sembra prediligere il femminile anche in italiano

frate, s.m. Proverbio: “Frate sfratato e cavolo riscaldato non fu mai buono” di chiaro significato polemico nei confronti di chi abbandona la strada intrapresa nel primo caso. Per ciò che riguarda il pl., sono indicati con tale nome anche i dolci molto noti da noi (e non a Firenze, bensì a Pisa e Livorno e pure questo è significativo, tenendo presente il nostro legame linguistico con la città della Torre pendente) dal nome derivato dal “fatto che il buco nel mezzo. ricorda la chierica di un frate”: R.Cantagalli. Da noi questi dolci fatti a mo’ di piccole ciambelle sono mangiati soprattutto nel periodo di carnevale o almeno così era specialmente un tempo, allorché le feste erano più circoscritte e perciò più sentite dalla popolazione locale

 

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 14 agosto 2018 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

foto, s.f., chiara abbreviazione di fotografia, ma “Fare la foto” in senso metaforico: ingannare o, con un linguaggio più popolare, fregare
fottìo (un), s.m. volg. tosc.: “grande quantità” (DEI): sinonimo di “sacco” (DISC), implica comunque il concetto di moltitudine. Se diciamo “C’era un fottio di gente”, vogliamo dire c’erano tante persone. Invece implica il concetto di eccesso quando viene detto: “È freddo un fottio!”: è troppo freddo! Si tratta senza dubbio di una voce espressiva, anche se in origine volgare

fottuto, agg. volg.: ingannato, ma invece povero fesso (senza l’accezione proprio negativa che ha tale agg.) nell’espressione “Fottuto Basusi!” (o “Pòro Basusi!”) in cui il secondo termine è tratto dal soprannome probabilmente espressivo di un personaggio fucecchiese del ‘900 (ved. Basusi), ma tale espressione può significare anche: ma che fesserie racconti?

fràgolo, s.m.: fragolino, vino ottenuto dall’uva fragola
fràisse, avv.: molto male. Frase: “Dì’ fraisse d’una persona”: parlar molto male di una persona. Pare che sia un avverbio tipicamente fucecchiese, che secondo A. Morelli deriverebbe dal lat. “plagas” (accusativo pl. di “plaga”): questo termine dal significato originario di “percosse” sarebbe passato a indicare “ferite” (DISC) nel nostro caso morali, ma restano in me forti dubbi in proposito più che sul piano semantico, su quello storico-linguistico: la f- e la –i- da dove vengono fuori, fra l’altro? Altra ipotesi è che derivi dal franc. “fraich”, che si riferirebbe alla spesa fatta in modo abbondante, ma l’abbondanza sarebbe, nel caso della parola fucecchiese, in senso sfavorevole perché, se viene detto “fraisse” d’una persona, vuol dire che ne viene parlato molto male, cioè che ne vengano dette di tutti i colori

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 7 agosto 2018