Il Toscanario

Il Toscanario, ovvero “Parole usate in zone toscane” 

di Giancarlo Carmignani

***

boccine, s.f.pl. dim. lievemente diverso da quello più comune: boccette ovvero bocce “da biliardo” (DISC)

bóccola, s.f.: museruola per buoi, ma è un termine  in decadenza anche nel contado dov’era usato. Il motivo è facile a capirsi: chi lavora più con i buoi da noi?

bóccole, s.f.pl.:orecchini piuttosto vistosi, per lo più  con pendenti, in it. orecchini “in forma” di cerchietti (DEI), ma è una voce in declino, così come la sua variante “bùccole” (M.P. Bini)

bocconcino, s.m. dimin. di boccone: persona attraente per la sua avvenenza fisica, in particolare nell’esclamazione: “Che bel bocconcino!”: che bella creatura!, ma detta con una certa compiacenza erotica in riferimento a una bella ragazza, che fa quasi venire l’acquolina in bocca perché seducente, per es., anche per il suo luminoso sorriso

boccóne, s.m.: pezzetto di terra, se viene precisato, come ha fatto M.Catastini, estendendo il significato del temine, dal momento che alla lettera il boccone è la “quantità di cibo che si può mettere in bocca in una sola volta” (De Mauro)

bocià’, v.intr.tosc.: bociare, cioè “urlare” (M. Catastini)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il 29 marzo 2016 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.