Il Toscanario

Il Toscanario, ovvero “Parole usate in zone toscane” 

di Giancarlo Carmignani

                     ***

aocchià’, v.tr.: adocchiare, ma “aocchiare”, variante popolare toscana in seguito al dileguo della – d– , è una voce antica, oggi piuttosto in disuso

aoncà’, v.intr.: aoncare, “vomitare”  o avere conati di vomito, voce lucchese secondo il DEI, ma a me risulta che la forma tronca sia usata, oltre che a Fucecchio, in particolare nel livornese e in pisano. Deriva dal latino tardo “aduncare” = “fare ricurvo” ( si tenga presente il corso “aonco”= piegato: posizione significativa perché indica il “piegare la testa o il capo per rovesciare” cioè per vomitare. In riferimento a una ragazza tutt’altro che bella, disse un giovane livornese: “Fa aoncà’ i bai!”: fa vomitare i bachi!

aónco, s.m.: conato di vomito

apisse, ma è più diffuso lapisse s.m.: lapis, pensando erroneamente che la l- iniziale faccia parte dell’articolo determinativo (“deglutizione”) “propria dei vernacoli toscani in genere nelle parole  tronche in consonante” (Malagoli): fenomeno accentuato nel fucecchiese.

appannato (ma più usato al femminile, perché in generale è all’aspetto fisico della donna che viene data più importanza), agg.: grassoccio. La derivazione da “panno” si spiega attraverso il concetto di “rivestito di grosso panno” (DEI, secondo cui l’agg. è usato specialmente “a Pisa e Livorno”) a causa della stazza rilevante. Mi sembra simpatico l’agg. dim. “appannatotta” in riferimento a una donna  piuttosto “in carne”

 

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il 7 luglio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.