Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

menuto, s.m.: “minuto” (M. Catastini), ma è in declino (per quanto si trovasse anche in pis. e in livorn.), essendo caso mai relegato a qualche angolo del contado, da cui viene fatto di pensare che sia giunta questa lieve storpiatura, forse derivata dall’influsso di “meno”

Meo, ipocoristico di Bartolom(m)eo, è diventato a Fucecchio, e non solo, quasi un nome comune usato in espressioni come “Trinca, Meo!” in riferimento a una persona che beve molto (si tenga presente che in tedesco “trink” significa “bere”) molto probabilmente perché un certo Bartolomeo beveva molto, ma l’alcolismo almeno a Fucecchio era più diffuso in tempo di miseria rispetto a oggi fra gli adulti

merciaino, s.m.: chi “si occupa della vendita di articoli di merceria”, ma di basso livello, induce a pensare anche il suff. dimin. “-ino” aggiunto a livello popolare a “merciaio”, per quanto tale suff. possa indicare anche un mestiere come nel caso di “contadino” (DISC). Comunque il termine “merciaino” è pressoché scomparso come lo è ormai del tutto tale mestiere almeno nella nostra zona

merda!, esclam. molto volg. detta con rammarico (ohi!) di fronte a una situazione molto spiacevole o rivolta con particolare sdegno a una persona per offenderla molto gravemente

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 19 maggio 2020

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.