Alberto Salvadori, “Il Sor Luca”. Novelle.

Dopo il recupero dei luoghi e delle storie di Montaione, fatto dallo storico Rino Salvestrini, ora, attraverso “il SOR LUCA novelle” di Alberto Salvadori, torniamo a inizio novecento a sbirciare furtivamente la vita dei nostri nonni, attraverso gli occhi e la sensibilità di un loro contemporaneo.

Via Salvadori, Montaione. Ci passiamo spesso, ma chi era questo signore?

Alberto Salvadori nacque il 21 gennaio 1889 a Montaione. Studiò legge e esercitò la professione di avvocato a Firenze. Nel 1930 circa ritornò con la moglie e le due figlie Licia e Mirella, a Montaione nel vecchio palazzo di famiglia in piazza Branchi. Alberto, uomo molto religioso, si occupò in sede locale, dell’Azione Cattolica e delle ACLI militando nel Partito Popolare prima e nella Democrazia Cristiana dopo, ricoprendo la carica di segretario, ma è ricordato soprattutto per aver diretto il Comitato di Liberazione Nazionale di Montaione.

La figlia Licia ricorda che il Comitato si riuniva in casa sua e quando arrivavano i Tedeschi, mettevano una tavola a una finestra e passavano al palazzo Mannaioni. Ricorda Vasco di Eccellenza (Vasco Ciulli), Silio Cecconi, il sardo Soro Gavino che fu poi il primo Sindaco di Montaione e Bellidee (Alberto Gensini).
Alberto Salvadori morì il 4 novembre 1958. A lui è intitolata una strada a Montaione. Ha pubblicato cinque libri di prose e poesie.

(Introduzione tratta dal libro La Nunziatina parte 1 di Rino Salvestrini).

Qui pubblichiamo “Il Sor Luca”, una raccolta di novelle di Alberto Salvadori datata 1952.
Scarica “Il Sor Luca.pdf”.

Cinema. La Belle Epoque

Cari amici,

i problemi tecnici di proiezione sono stati risolti e vi comunichiamo che il  film L’Età GIOVANE sarà recuperata a data da definirsi, per la giornata di domani MARTEDI 26 nov. è confermata la replica del film di Roberto Andò  UNA STORIA SENZA NOME con Renato Carpentieri, Micaela Ramazzotti, Alessandro Gassman, Laura Morante.

Il server del digitale è stato sostituito e ci auguriamo un futuro più tranquillo.

Scusandoci per questo contrattempo per cause indipendenti dalla nostra volontà vi auguriamo BUONE VISIONI.

L’Angelo Azzurro

 

 

 

Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

lisca, s.f. che compare anche nel detto popolare: “Testa e lisca!”: niente!, così simile al detto livorn. “Allora testa e lisca!”: quando nel piatto sono rimaste solo testa e lische, non c’è più niente da mangiare, almeno in generale; così, per analogia, vogliamo dire che non c’è più niente da fare

liso, agg.: “logoro”, detto delle stoffe; voce pis., pist. e lucch. (DEI), ma molto usata anche nel nostro vernacolo

lo, pron. m. con un significato particolare sottinteso come in “Te lo do io, vai!”: te lo farò pagare caro (lo sgarbo che m’hai fatto), vedrai!  

locchettone, agg.: citrullo, probabilmente da “allocco”, possiamo dedurre dal DEI, ma la voce non è più usata. Da “allocco” con aferesi deriva anche “locco”, che significa “stupido” (De Mauro) e che è perciò la parola da cui deriva meno indirettamente “locchettone”

lodola, s.f., nome popolare dell’allodola (“Alauda arvensis”), talora chiamata a Fucecchio (ma dicendo così spesso s’intende anche il suo contado) “dòdola” (C.Romanelli), che ne è una corruzione (per assimilazione alla –d- seguente) significativa del basso livello culturale di tanti cacciatori d’oggi. Comunque “lodola” è un’ aferesi di allodola ed è una voce tosc. attestata dal ‘300 (DEI)

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 3 dicembre 2019

 

Cinema. L’età giovane –VARIAZIONE AL PROGRAMMA–

Cari amici,

a causa di problemi tecnici la proiezione del  film L’Età GIOVANE è sospesa per SABATO e DOMENICA, e verrà sostituita con il film di Roberto Andò  UNA STORIA SENZA NOME con Renato Carpentieri, Micaela Ramazzotti, Alessandro Gassman, Laura Morante.

Una storia senza nome è un film del 2018 diretto da Roberto Andò. La pellicola è ispirata a un fatto di cronaca realmente avvenuto, quando nel 1969 a Palermo fu rubato in circostanze misteriose il celebre quadro di Caravaggio Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi.

Purtroppo il server del digitale è obsoleto, però anche una buona notizia, Lunedi prossimo sarà sotituito.

Siamo mortificati per queste improvvise difficoltà ma cerchiamo comunque di offrirvi sempre prodotti di qualità.

L’Angelo Azzurro