Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

fógo, s.m. usato nella nostra zona e, più in generale, in Toscana, nell’imprecazione volgare: “Che ti metta fogo!”: che ti “vada di traverso”, detto del cibo, o, più in generale, che tu non possa godere, cioè gustare un piacere che non meriti, dato il tuo comportamento disonesto. Secondo il DEI è un  estratto da “affogare” e quindi nella peggiore delle ipotesi sul piano morale: ti uccida il cibo togliendoti il respiro, ma il poeta Teofilo Folengo scriveva in lat. maccheronico: “Fogo multo saltat brodus extra pignattam” (come mi ha gentilmente segnalato Alberto Morelli), da tradurre così: a causa della fiamma molto alta trabocca il brodo fuor della pignatta. Perciò alla lettera appare evidente che fogo significasse fiamma e originariamente fuoco, con la –g- al posto della –c- per lenizione, così come dal lat. “locu(m)” è derivato luogo, ma nel nostro caso senza la dittongazione. Comunque l’imprecazone sopra riferita si può interpretare in senso metaforico come un augurio, tutt’altro che benevolo, che una persona indegna non goda un frutto che non merita, come abbiamo visto, anche se, parlando più in senso stretto, si può definire fogo il soffocamento provocato da un cibo o da una bevanda “ingobbiati”, cioè presi troppo avidamente

fondacciòlo, s.m.: fondaccio, ma il prolungamento in –olo, originariamente “suff. diminutivo” (DISC), è in declino in questo caso, mentre non lo è in “figliolo” al posto di “figlio”, nel qual caso può perdere il valore dim. ed assumere quello vezzeggiativo

fondo, s.m. con un significato particolare  nell’espressione “esse’ in un fondo di letto” usata quando un individuo giace, per così dire, nel profondo di letto perché è “malato cronico o paralizzato da tempo” (R. Cantagalli). Proverbio nostrano: “Chi fa il letto avanti ar (al) fondo dura poco a questo mondo”: chi fa le cose in modo irrazionale, come chi pensasse per assurdo di fare una casa cominciando dal tetto invece che dalle fondamenta (ma in architettura è usato propriamente il termine “fondazioni”), campa per poco tempo

fòo, s.m.: fuoco. Modo di dire: “A tutto fòo”: a tutta velocità. Si tratta di una voce diffusa anche in pisano e in livornese. Al pl. non indica solo i falò (come quelli di S.Giovanni, fatti appunto nella vigilia della festa di questo santo, ma in riferimento al Battista e non all’Evangelista), bensì anche i fuochi d’artificio

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  https://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  https://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 17 luglio 2018 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.