Un ricordo di Gino Terreni, pittore, scultore e cittadino onorario di Montaione

di Rino Salvestrini

Gino Terreni è nato a Empoli (frazione di Tartagliana) il 13 settembre 1925 da una famiglia di coltivatori diretti. Dopo la guerra di Liberazione a cui partecipò come volontario nei reparti d’assalto della divisione Legnano sulla Linea Gotica, riprese gli studi al magistero fiorentino sotto la guida di Pietrino Parigi e Francesco Chiappelli. Insegnò matematica, educazione fisica, disegno e storia dell’arte nei licei classici e scientifici ed educazione artistica nelle scuole medie. Ha illustrato libri e ha esposto in Italia e nel mondo: Venezia, Roma, Pistoia, Assisi, Padova, Prato, Torino, Milano, Livorno, Firenze, Città del Messico, Parigi, Melbourne, New York, Mosca, San Pietroburgo, Berlino, Dresda, Barcellona, Cracovia, Tokyo, Lubiana, tanto per citare le più prestigiose.

ginoterreniDa ricordare anche molti monumenti in varie città con sculture e mosaici, nonché opere di affreschi e vetrate. Nel 2002 ha terminato il monumento alle vittime del Padule di Fucecchio, dedicato anche alla stazione partigiana e alla tragedia di Cefalonia, inaugurato dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Vive principalmente a Bellosguardo, nella sua azienda agricola del “Selvatico”.

Insegnò nei primi anni della scuola media di Montaione e qui organizzò molte edizioni della “Estate montaionese”, specialmente i premi di pittura estemporanea, cioè lanciò il seme per far conoscere Montaione che poi ha continuato con le iniziative turistiche con i risultati che tutti conosciamo: per questo si è meritato la cittadinanza onoraria di Montaione .

Gino, colpito dal primo ictus volle essere portato nell’estate appena trascorsa a vedere le colline di Montaione. Ci ha lasciato sabato 28 novembre. Ciao Gino, Montaione ti deve molto.

Rino Salvestrini, tuo amico da 50 anni.

Per approfondimenti vedi anche:
http://www.gonews.it/2015/11/29/empoli-morte-di-gino-terreni-il-cordoglio-del-sindaco-barnini-se-ne-va-un-testimone-del-novecento/

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.