Il Toscanario

Il Toscanario, ovvero “Parole usate in zone toscane” 

di Giancarlo Carmignani

***

battióda, s.f.: batticoda, vale a dire la cutrettola (“Motacilla flava”), termine “tipicamente toscano”, ma a Fucecchio, oltre a chiamarsi in tal modo perché dondola “continuamente la coda” (si noti che anticamente si chiamava “cutretta” per la derivazione dal latino “cauda” = “coda” e “trepida” = “tremante”), si chiama, sia pur più raramente, “battiódola” o strisciaiòla” perché questo uccello sembra “strisciare sul terreno”, e “cutì” per il verso: C. Romanelli

battiscarpa (a), loc. avv.: senza smettere di camminare e perciò “in fretta”, velocemente, ma pare che almeno una volta venisse detto “L’ho mangiato ( e nel contado “l’ho mangio”) a battiscarpa”: l’ho mangiato senza condimento, modo del resto più veloce di mangiare

batulèsse, s.m.: “litigio al buio” (M. Catastini), ma il termine è da tempo in disuso e questo lo possiamo capire anche perché non ne vedo le connessioni sul piano linguistico- semantico

baudòro (con la variante baodòro), s.m.: cetonietta grigio-nerastra e “pelosa” (M. Catastini), voce molto diffusa fra i bambini di Fucecchio nel secondo dopoguerra, ma il termine “baco d’oro” (significato originario dello stesso, modificato anche nel significato indebitamente per un arbitrario accostamento chiaramente erroneo) era e forse è ancora diffuso “nell’Italia sett. e centrale”, compresa la Toscana, per la cetonia dorata e se ne comprende bene il motivo, dati i colori che presenta: “baco” nel “senso generico di insetto” dal “colore dorato a riflessi metallici” (DEI). Si pensi all’espressione scherzosa, per quanto volgare: “Fottuto baudoro!” quasi intraducibile nell’ italiano corretto, se non con : ma cosa dici?ma non dire fesserie!

“Bau sette!” esclamazione del linguaggio infantile e perciò espressivo per far paura o divertire i bambini piccini

bavettina, s. f.: pastina molto sottile, dim. di “bavetta”, altro tipo di pasta sottile usata in Toscana. Invece in pisano almeno un tempo bavetta indicava una cosa da nulla

bavoso, agg. usato nell’ ambito del linguaggio familiare: vecchio libidinoso o comunque morbosamente sensibile alle giovanili bellezze femminili

 

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il 22 dicembre  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.