Il Toscanario

Il Toscanario, ovvero “Parole usate in zone toscane” 

di Giancarlo Carmignani

                     ***

àspito, (anche in pis.: B. Gianetti) s.m.: aspide, serpente velenoso; termine caduto in disuso, ma collegabile col toscano settentrionale in riferimento a una “lucertola creduta velenosa”: entrambi corruzione  di “aspide”, derivato dal greco “aspís, aspídos”= “scudo”, forse in origine in riferimento a un “animale e arma provvisti di scaglie” (DEI)

asserbà’, v. tr.: asserbare, serbare, conservare. Era diffuso specialmente presso il popolo pistoiese “per il semplice Serbare” anche verso il 1863 e vi si nota la tendenza, “comune al popolo toscano in genere, ad aggiungere anche a molti altri verbi la preposizione A  in principio” (P. Fanfani). Deriva dal latino “ad” + “servare” col “trattamento fonetico del nesso latino /rv/ proprio del toscano”, com’è scritto nel DISC a proposito del verbo “serbare”.

Proverbio: “Chi asserba, asserba a Pasqua”, invito a non conservare avidamente denaro e oggetti col rischio di perdere poi ciò che è stato così conservato.

Un’altra espressione molto diffusa da noi è: “Tira su e asserba a Pasqua!”, detta a chi, invece di soffiarsi il naso come dovrebbe, tira su il muco come se lo dovesse conservare per una grande solennità qual è la Pasqua nel mondo cristiano

assitarsi, v.rifl.: annusarsi in riferimento agli animali (M. Catastini) da “sito” nel significato di “odore”, ma il verbo “assitare”, “ant. e tosc.” (DEI), da noi è caduto in desuetudine

asso, s.m. Modo di dire: “Sarebbe l’asso!”: sarebbe “proprio quello che ci vorrebbe”: Malagoli in riferimento al pisano, ma è usato anche da noi

assodato, agg.: fermo in un cespuglio, in riferimento ad un uccello che ci mette del tempo prima di riprendere il volo. E’ un termine proprio del linguaggio venatorio

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per l’ 1 settembre 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.