Il Toscanario

Il Toscanario, ovvero “Parole usate in zone toscane” 

di Giancarlo Carmignani

                     ***

armà’, v.tr.: armare. Modo di dire popolare e scherzoso: “Armà’ la pipa”: caricare la pipa, riempirla di tabacco (anche in pisano)

armeggióne, s.m.: individuo che sa riparare tante cose, che “si dà da fare” approdando però in sostanza a poco per la sua superficialità

arnése, s.m.: persona che non dà adeguato affidamento, se è in riferimento a un adulto

aroplano, s.m.: aeroplano (e non aereoplano, caso mai abbreviato, come spesso avviene, in “aereo”) in “fior., lucch., pis.” (DEI), ma da noi è usata specialmente la variante “arioprano” più che altro nel linguaggio infantile, pur senza escludere che esso sia chiamato così anche da adulti per ignoranza o per semplificare

arpéggio, s.m.: approccio erotico. Deriva da “arpa”, che richiede tocchi delicati, e, in modo più immediato, da “arpeggiare”: è perciò un  deverbale

arpìa, s.f.: strozzino (come nel fiorentino di diverso tempo fa,  essendo attestato questo significato anche in P. Giacchi): comunque persona avida; del resto anche in greco “Hàrpya” significava “la rapace”, derivando da “harpàzein”= “afferrare” (DISC)

 arrabbiata, agg.: troppo salata specialmente in riferimento alla minestra

arraganito, agg.: arrochito (cioè diventato rauco), ma si tratta di una voce probabilmente scomparsa, mentre non lo è ancora del tutto il suo sinonimo “arroito” (M. Catastini), forma chiaramente derivata da arrochito

 

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il 4 agosto

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.