Il Toscanario

logoToscanario

di Giancarlo Carmignani

***

coróllo, s.m.: “ciambella, dolce casalingo fatto con farina, uova e zucchero”: DEI secondo cui è una voce toscana (in particolare pist. e pis.). A Fucecchio c’era chi mangiava il corollo il Sabato Santo, essendo usanza festeggiare allora, prima del Concilio Vaticano II, la Resurrezione di Cristo, verso mezzogiorno, anziché la notte di Pasqua. Secondo M. Catastini tale ciambella, di cui mi risulta sparito anche il nome, veniva “fatta con i resti di pasta della schiacciata pasquale”: dolce che a Fucecchio risale all’Ottocento

córpa, s.f.: colpa, come nel motto molto diffuso anche nella “costa tirrenica”, dove però viene aggiunto “perché nissuni la voleva”, secondo R. Cantagalli: “La corpa morì fanciulla”: la colpa morì molto presto perché nessuno la voleva

Corrazzano, toponimo: Corazzano, frazione di San Miniato (Pisa), secondo il Pieri derivato dal nome lat. di persona “Quadratus” o “Quadratius”, da cui “Quadratiana” e quindi “Quaratiana”, attestato già nel 793 D.C. e “Quarattiana” (885): villa di Quarazio, mi viene fatto di pensare, così come che il raddoppiamento della –r- secondo la pronuncia fucecchiese di questa località possa dipendere da un motivo espressivo a maggior ragione, per sottolineare l’idea della forza nel caso di corrazziere e corrazzata, nell’italiano regolare rispettivamente corazziere e corazzata

correggiato, s.m.: strumento usato qualche tempo fa “per battere il grano”, ma anche fagioli e ceci (R. Bettarini): voce toscana dal lat. mediev. “corrigiata (scutica)” = “staffile”, si deduce dal DEI  

ABBREVIAZIONI

ABBREVIAZIONI EVENTUALI

Presentazione del 4/2/2015,  http://www.montaione.net/il-toscanario/

Tutti gli articoli on line,  http://www.montaione.net/category/toscanario/

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è previsto per il giorno 10 ottobre 2017 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.