IHP. Cavallo positivo all’anemia infettiva equina salvo. Anagrafe equina: qualcosa si muove

Sprit 20170221_181116Cavallo positivo all’anemia infettiva equina salvo grazie a un tempestivo intervento delle associazioni che evitano la sua macellazione.

L’ennesimo episodio di “cavalli vaganti” stavolta ha preso una piega diversa e a lieto fine, ma il racconto di questa storia fa capire come le attuali norme possano essere spietate nei confronti degli equidi. In Campania, come in altre regioni, esiste il fenomeno di cavalli gestiti da pseudo allevatori che spesso operano nella più totale illegalità: cavalli comprati e rivenduti senza documenti, a volte rubati, spesso lasciati in giro a cercare cibo anche nei terreni altrui o per le strade. Nel salernitano, negli ultimi sei mesi, due cavalli sono morti di stenti, lasciati legati a un albero e segnalati solo quando ormai era troppo tardi.

Dopo le nostre denunce ne sono stati sequestrati 17 ad Agropoli qualche mese fa, e attualmente si trovano presso un Centro di incremento ippico regionale in attesa del provvedimento che consenta alle associazioni di trasferirli e trovare loro nuova sistemazione.

La storia di Spirit l’abbiamo scoperta giusto un giorno prima che venisse ucciso.

Ritrovato vagante e gravemente debilitato lo scorso novembre, era messo sotto sequestro amministrativo dal Sindaco del Comune di Monte San Giacomo (SA). Nonostante fosse privo di microchip, si era materializzato uno pseudo allevatore per rivendicarne la proprietà. Nel frattempo, però, il cavallo era risultato positivo al test per l’anemia infettiva equina: a causa dell’attuale normativa, da quel momento sarebbe stato obbligatorio gestirlo in regime di isolamento sanitario con una serie di prescrizioni. A quel punto lo pseudo allevatore ha cambiato versione dichiarando che il cavallo non era suo e dileguandosi.

Dopo 3 mesi di mantenimento presso una stalla di sosta autorizzata, il Comune ha ritenuto non più sostenibile quella situazione: così, il 30 gennaio, Il Sindaco aveva emanato un’ordinanza di macellazione. Per fortuna alcuni volontari di zona hanno avvisato Progetto Islander e IHP che, in sinergia, hanno prima convinto il Sindaco a revocare l’ordinanza e poi a farsi cedere il cavallo per trasferirlo presso il Centro di recupero IHP a Montaione.

“Il fenomeno dei cavalli vaganti sta assumendo proporzioni preoccupantidichiara Nicole Berlusconi, Presidente di Progetto Islandersoprattutto perché le autorità locali non hanno, da sole, i mezzi per fronteggiare l’atteggiamento arrogante di questi pseudo allevatori. Serve un tavolo tecnico tra Ministero della Salute, Autorità, forze di polizia e associazioni per studiare i possibili rimedi e bloccare questi abusi”.

“La vicenda di Spirit ci pone ancora una volta di fronte all’anacronismo delle norme sull’anemia infettiva equinadichiara Sonny Richichi, Presidente di IHPche prevedono misure a nostro parere eccessive e ingiustificate di fronte a una malattia poco contagiosa e con una diffusione bassissima. In casi di malattie endemiche nonché più pericolose, come ad esempio la leishmania dei cani, si sono giustamente perseguite altre strade grazie al buon senso, facendo una sana informazione e un’opera di prevenzione per contenere i rischi. Sarebbe ora che anche ai cavalli, asini, muli e bardotti venissero riconosciuti pari dignità e diritto alla vita”.

Comunicato IHP 24 febbraio 2017

 Anagrafe equina – segnali positivi dal Ministero della Salute

In una lettera inviata in data odierna al Direttore Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario del Ministero della Salute, Dott. Silvio Borrello, il Presidente di IHP ha espresso apprezzamento in merito ai contenuti di un incontro svoltosi qualche giorno fa tra la Direzione Generale e una delegazione di Fiesa Confesercenti e del Gruppo Italiano Carni Equine.

A quanto si legge nel resoconto pubblicato da Fiesa, il Ministero auspica una revisione della normativa nazionale che possa armonizzare anche per gli equidi lo stesso regime di registrazione e tracciabilità già in vigore per le altre specie animali. Non solo: il Dott. Borrello ha fatto esplicito riferimento ad una iniziativa legislativa già programmata e in attesa di essere varata dal Parlamento per realizzare l’Anagrafe Equina presso la Banca Dati Nazionale di Teramo.

Già in passato IHP si era espressa più volte in maniera critica verso l’attuale anagrafe equina – troppo frastagliata e facilmente aggirabile, tanto da favorire la “sparizione” di cavalli macellati in maniera irregolare se non addirittura clandestina – chiedendo al Ministero della Salute iniziative urgenti per modificarla e sanarne le incongruenze.

Le dichiarazioni del Direttore Generale fanno ben sperare e pertanto IHP, nella lettera odierna, ha chiesto di essere coinvolta in questo percorso, rinnovando la propria disponibilità a partecipare a eventuali incontri o tavoli di lavoro sulla possibile revisione dell’anagrafe equina.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.