I vecchi acquedotti di Gambassi Terme, Montaione e Castelfiorentino

Di Silvano Pucci
A cura di Rino Salvestrini

Questo lavoretto, al solito frutto del contributo dei tanti amici che già conosciamo e soprattutto di Raffaello Donati, si pone come la naturale prosecuzione delle mie “Storie di miniere e sorgenti nei Comuni di Montaione, Gambassi Terme e dintorni”, alle quali rimando e che da ora in avanti, quando necessario, citerò semplicemente come “Storie di miniere …”.
Per tante altre informazioni non posso dimenticare il prezioso ulteriore contributo di Sandro Bertelli, Alessandro Bartolomei, Remo Favilli, Alessio Pucci, Gaudenzio Sinigaglia, Claudio Simoncini, Maurizio Campidori, Filippo Vannini, Leonardo Poli, Bruno Birindelli, questa volta non in ordine alfabetico, ma cronologico, “di arrivo”. Senza la loro collaborazione un capitolo di questo libretto sarebbe stata ancor più poca cosa.
I vecchi acquedotti di Gambassi Terme Montaione e Castelfiorentino parte 1Tanti sono anche gli Enti, Associazioni ed Istituti che in vario modo hanno aiutato le mie ricerche e ai quali, pur non elencandoli, va il mio sentito ringraziamento. Ma cosa c’entrano, dirà qualcuno, le miniere con gli acquedotti che si dicono collegati; qual è il nesso fra i minerali e le sorgenti? Le relazioni ci sono, eccome! Basta ricordarne una che taglia la testa al toro. Secondo le vigenti leggi, giustamente, l’acqua è considerata un minerale che al pari di quelli non è nelle disponibilità del proprietario del terreno.

Come per lo sfruttamento dei minerali veri e propri pei quali occorre la relativa concessione, così per l’utilizzazione dell’acqua (fiumi, pozzi, sorgenti…) il Demanio Idrico concede il suo benestare. E a questo punto l’acquedotto si configura come un’impresa industriale che si serve di una risorsa mineraria. Vedremo peraltro che ai tempi che ci riguardano, le cose non stavano esattamente così, e lo puntualizzeremo.
Per l’interesse particolare e specifico che mi pare meriti l’argomento acquedottistico, ho quindi ritenuto opportuno estrapolare queste notizie da una più complessa e articolata fatica in preparazione che è dedicata alla disamina a tappeto delle emergenze idriche anche minori del Comprensorio (che sono tantissime) e che richiederà un po’ di tempo per vedere la luce. In quel contesto cercherò anche di spiegare cosa sono le sorgenti, come si formano e si originano, come si classificano e racconterò le storie (e storielle) che le riguardano.

 

 

Scarica I vecchi acquedotti di Gambassi Terme Montaione e Castelfiorentino parte 1 (pdf)

Scarica I vecchi acquedotti di Gambassi Terme Montaione e Castelfiorentino parte 2 (pdf)

 

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.