Formazione sulle demenze a Villa Serena

Inizia oggi (5 marzo 2016, n.d.r.) a Villa Serena un importante ciclo di riunioni di aggiornamento rivolto ai Medici di Medicina Generale della Valdelsa sul “Percorso diagnostico terapeutico-assistenziale (PDTA)  sulle demenze ed in particolare per i pazienti con Alzheimer”.

IMG_4272L’Agenzia per la Formazione dell’Azienda USL Empolese ha organizzato 6 giornate formative, a seguito di una sperimentazione che la Regione Toscana ritiene di attivare per migliorare i processi organizzativi e pertanto potenziare e qualificare i servizi nell’ambito dell’integrazione sociosanitaria e definire i percorsi di accesso, valutazione e definizione del Piano di Assistenza Personalizzato (PAP), dedicando una attenzione specifica ai bisogni determinati dalla demenza, sottolineando l’esigenza di implementare forma di informazione e sostegno, anche in collaborazione con le associazioni di tutela (AIMA, ecc.).

Tra le malattie croniche, dovute anche al progressivo invecchiamento della popolazione, la malattia di Alzheimer e le altre forme di Demenza sono fra le principali cause di non autosufficienza per le persone anziane, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita nei nuclei familiari.

Per la sede di svolgimento degli incontri formativi è stata scelta Villa Serena, perché proprio in questa struttura è in funzione dal 1995 un nucleo specializzato all’avanguardia a livello nazionale per l’assistenza delle persone con demenza grave ed in particolare affette dal Morbo di Alzheimer, dove viene garantita un’assistenza protesica, specifica e qualificata. Partendo dall’applicazione del modello Gentle Care di Moyra Jones basato sulla persona, sulle sue difficoltà, su deficit provocati dalla malattia, a Villa Serena sono stati ulteriormente sviluppati e adattati questi principi, con l’idea di costruire un NUCLEO TERAPEUTICO in grado di gestire anche situazioni di compensazione. Villa Serena collabora attivamente con i servizi territoriali della ASL per favorire il rientro di ogni persona affetta da Alzheimer al proprio domicilio, con la presa in carico delle varie situazioni e un rapporto continuo con i familiari di condivisione ed educazione.

IMG_0170L’ambiente del nucleo Alzheimer è stato completamente ristrutturato nel 2002 e riadattato in base alle caratteristiche specifiche determinate da queste patologie.

Collegato al nucleo  è presente uno spazio esterno, il Giardino d’inverno, dove i residenti possono muoversi con sicurezza, che favorisce il loro bisogno di movimento in un ambiente  sicuro e con numerosi stimoli.

L’ammissione nel nucleo è subordinata alla valutazione ed all’autorizzazione dei servizi preposti dell’ASL n°11. Il nucleo è riservato ad anziani affetti da una forma di demenza nella fase in cui prevalgono i disturbi comportamentali non gestibili a domicilio o in altro nucleo. L’ASL n°11 effettua periodici controlli per valutare la situazione di ogni residente nel nucleo.

Dal 2013 è stato attivato  un ulteriore nucleo, anch’esso completamente ristrutturato dando grande importanza all’apertura dello spazio, alla luminosità ed alla possibilità di movimento.

La presenza di 2 nuclei Alzheimer, fra loro collegati tramite il giardino d’inverno, permette di gestire al meglio le situazioni comportamentali difficili che si possano creare, con interscambi in base alle esigenze e alle risorse del momento

L’evento formativo prevede anche una visita guidata ai Nuclei Alzheimer con l’analisi di casi clinici e successiva discussione di gruppo.

Gli incontri avranno luogo ogni sabato da oggi al 16 aprile prossimo.

Fonte: U.O.C. Villa Serena

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.