Assemblea pubblica

NETWORK ICON_43L’Amministrazione Comunale di Montaione organizza, per giovedì 19 marzo 2015 alle ore 21:30, una Assemblea pubblica sul Piano Strutturale – 1^ Variante. L’assemblea si terrà nella sala del Consiglio Comunale.


Introduzione e conduzione del dibattito a cura di:

FRANCESCA VILLANI, consigliere del Comune di Montaione

Interverranno:
PAOLO POMPONI, Sindaco di Montaione

STEFANO RAMERINI, Responsabile Ufficio Comune
Settore Gestione del Territorio

Sarà presente LUCIA BARAGLI, Garante dell’informazione

SI INVITA LA CITTADINANZA A PARTECIPARE

Fonte: Comune di Montaione

Raccolta di interviste alla comunità

video-iconAbbiamo raccolto in una pagina apposita i link alle varie interviste realizzate dal Comune di Montaione e dal blog Tuscany Holidays Montaione (al momento sospeso da novembre 2014) ed ospitate su youtube. In queste interviste i cittadini raccontano storie personali e il proprio rapporto con Montaione.

Nel pieno spirito della nostra associazione culturale, che è quella di diffondere “informazione montaionese” ai montaionesi, abbiamo pensato di riproporvele. Un materiale prezioso e ben realizzato, del quale la nostra comunità non deve perdere assolutamente le tracce.

http://www.montaione.net/interviste/

Comunicato IHP 9 marzo 2015

logoihpc

CONI, Ministero della Salute e FISE: iniziativa per il benessere del cavallo.

Venerdì 6 marzo abbiamo partecipato all’iniziativa organizzata a Roma presso il salone d’onore del CONI, dal titolo “Principi di tutela e di gestione degli equidi”.

Si tratta di una pubblicazione promossa da CONI, Ministero della Salute, Comitato Paralimpico Italiano e Federazione Italiana Sport Equestri: una sorta di manuale che racchiude il Codice per la tutela e la gestione degli equidi, il regolamento FISE per la tutela del cavallo sportivo e la legge contro il maltrattamento (189/2004).

CONI 20150306Al tavolo dei relatori erano presenti il presidente del CONI Giovanni Malagò, il Sottosegretario di Stato alla Salute l’On. Vito De Filippo, il presidente di CONI Servizi Franco Chimenti, il presidente del Comitato Paralimpico Italiano Luca Pancalli, il commissario straordinario della Fise Gianfranco Ravà, ai quali si è aggiunto il noto paroliere e scrittore Mogol. Continue reading Comunicato IHP 9 marzo 2015

Montaione comunica stima dei danni alla Regione

La gratitudine del Sindaco a quanti si sono adoperati nell’emergenza.

IMG_5364In relazione allo stato di emergenza per la Toscana, dichiarato dal Governatore Enrico Rossi per i disastri subiti dal territorio regionale a causa delle bufere di vento avutesi in questi giorni, il Comune di Montaione ha prontamente inviato alla Regione una prima stima dei danni registrati nel proprio territorio.

I danni a Montaione riguardano sia edifici privati (molti tetti danneggiati), sia edifici e spazi pubblici (divelta una parte del manto di copertura del cimitero, alberi sradicati con pesanti conseguenze sulla viabilità, alberi abbattuti in seguito a seria compromissione della loro stabilità). IMG_5360Con l’occasione il Sindaco e l’Amministrazione Comunale esprimono tutto il loro apprezzamento per il grande lavoro svolto collegialmente per fronteggiare l’emergenza.

Particolare gratitudine va al personale tecnico e agli operai del Comune, al personale del Comando territoriale di Polizia Municipale, e al Comando dei Vigili del fuoco il cui intervento è stato provvidenziale per rimuovere in sicurezza una pianta di grandi dimensioni.

IMG_5361Ma un pensiero grato va anche ai cittadini che a vario titolo si sono adoperati, anche semplicemente facendo pervenire le segnalazioni e affrontando con senso civico i disagi.

IMG_5363

Fonte: Comune di Montaione

3° Tappa Nazionale di Footgolf e 4° tappa Regions’ Cup Toscana organizzata al Golf Club Castelfalfi

Stefano Santoni in gara E’ Stefano Santoni il campione della Coppa Italia individuale 2015 di footgolf. Con un punteggio di -1 sul par, il footgolfer livornese ha superato la concorrenza e alzato il trofeo al cielo. Un successo conquistato al Golf Club Castelfalfi di Montaione, dove Footgolf Toscana ha organizzato la prestigiosa competizione, valevole anche come terza tappa nazionale per la stagione 2014/15 di Fifg (Federazione italiana footgolf) e quarta tappa della Regions’ Cup Toscana.
Oltre 130 giocatori da tutta Italia si sono sfidati in cerca dei colpi migliori per spedire il pallone in buca. Questo è lo sport che unisce calcio e golf: si gioca con un pallone da calcio e l’obiettivo è fare buca, che ha un diametro di 50 cm., nel minor numero di calci possibili. Le regole sono le stesse del golf e, a seconda delle distanze, le buche sono par 3, par 4 o par 5. Le buche sono sempre 18 e per terminare il percorso si passano circa tre ore in un ambiente suggestivo, immersi nel verde.Stefano Santoni - Premiazione
A Montaione, il vincitore assoluto a livello individuale è una sorta di vate del footgolf in Italia, tanto è il contributo dato alla diffusione di questa disciplina nel nostro paese da Stefano Santoni. La conquista della Coppa Italia 2015 fortifica il suo intento di puntare al titolo italiano individuale assoluto e al podio nel campionato europeo organizzato dalla Federazione Europea Footgolf. Dietro a Santoni, nella categoria Assoluto Maschile Individuale si sono piazzati sul podio Luca D’Aveni (Footgolf Torino, par) e Massimiliano Melis (Footgolf Genova, par). Nella gara nazionale a squadre, successo di Footgolf Genova, che guida la classifica generale. Questi, invece, i titoli assegnati nelle altre categorie: Over 40, Luca D’Aveni (Footgolf Torino); Over 50, Antonio Ferranti (Footgolf Torino); Over 60, Alessandro Bagnoli (Footgolf Livorno); Under 14, Giorgio Canepa (Footgolf Livorno); Under 18, Alessio Anichini (Footgolf Livorno). Nella categoria Femminile, vince la Coppa Italia Silvia Cagnoni della squadra Footgolf Liguria; seconda Federica Laddaga (Footgolf Milano), terza Jessica Iannello (Footgolf Genova). Nell’Over 40 vince Silvia Grugni (Bitta Footgolf Team Toscana). A squadre, successo di Footgolf Liguria.

Per quanto riguarda la classifica speciale riguardante la Regions’ Cup Toscana, ecco l’elenco dei premiati: Cat. Maschile Assoluto, 1st Stefano Santoni (Fabio&Friends), 2nd Riccardo Cogoni (Footgolf Coteto), 3rd Giampaolo Bini (Footgolf Rosignano); Squadre, Fabio & Friends (Livorno); Over 40, Simone Grassi (Footgolf Prato); Over 50, Antonio Ferranti; Over 60, Alessandro Bagnoli (Fabio & Friends); Under 14, Giorgio Canepa (Footgolf Rosignano); Under 18, Alessio Anichini; Cat. Femminile, 1st Silvia Grugni, 2nd Valentina Rosini, 3rd Silvia Salucci; Over 40 Femminile, Silvia Grugni; Squadra Femminile, Bitta Footgolf Team Toscana.

Tutti i campioni delle varie categorie sono stati premiati dalla direttrice Manola Alberti insieme allo staff del Golf Club Castelfalfi, che la Federazione Italiana Footgolf e Footgolf Toscana ringraziano per la cortesia e la disponibilità.
Il prossimo impegni nazionali sarà Sabato 21 marzo, con 2° MAJOR 2015/4° tappa Nazionale a Marciaga (Verona) Golf Club Ca’ degli Ulivi.

La stagione 2014/15 di Footgolf Toscana prosegue. Ecco i prossimi appuntamenti:

5° tappa, sabato 14 marzo – Siena, Golf Club Valdichiana – 1° Major 2014/15
6° tappa, domenica 29 marzo – Pistoia, Golf Club Quarrata – Coppa Toscana Individuale
7° tappa, sabato 11 aprile – Firenze, Golf Club Castelfalfi
8° tappa, sabato 9 maggio – Livorno, Casale del Mare – 2° Major 2014/15
9° tappa, sabato 24 maggio – Pistoia, Golf Club Quarrata – Gara individuale + Finale regionale a coppie
10° tappa, mercoledì 24 giugno – Massa, Cà del Moro Golf Club – 3° Major 2014/15 e Wild Card Region’s Cup
11° tappa, sabato 11 luglio – Firenze, Golf Club Castelfalfi – 4° Major 2014/15
12° tappa, sabato 30 agosto – Prato – Golf Club Le Pavoniere – Coppa Toscana a squadre + Premiazione attività 2014/15

MAJOR: è una tappa speciale che assegna un maggior numero di punti disponibili per i giocatori
WILD CARD: i migliori classificati delle varie categorie otterranno la qualificazione alle Finali Naizonali Region’s Cup, ch si disputeranno a Jesolo sabato 4 e domenica 5 luglio.

Nel weekend 8-9 agosto 2015, a Verona, si svolgeranno le finali per l’assegnazioni dei titoli regionali a squadra, a coppie e individuali.

Per tutte le info e iscrizioni: www.footgolftoscana.it, info@footgolftoscana.it, 392/9847182 – pagina Facebook, Footgolf Toscana.

Cosa aspettate? Footgolf want you!
Contatti
Ufficio Stampa Footgolf Toscana
email: ufficiostampa@footgolftoscana.it
tel: +39.3336851604
www.footgolftoscana.it

Estumulazioni salme cappella n. 6 del capoluogo

Il Sindaco, con ordinanza n. 2 del 25.02.2015 ha disposto, a partire dal giorno 13.04.2015, l’estumulazione delle salme tumulate nella vecchia cappella n. 6, piano terra, del cimitero di Montaione. Le operazioni di estumulzione interesseranno le salme dei defunti deceduti nel periodo dal 1926 al 1958.
I familiari o i discendenti dei defunti che intendessero dare ai resti mortali una determinata sistemazione sono pregati di contattare con URGENZA l’Ufficio Ambiente (0571699233) oppure l’Ufficio Segreteria (0571699253 – 0571699207) del Comune.
Sulla home
Fonte: Comune di Montaione.
Vedi http://www.comune.montaione.fi.it/index.php/notizie-dal-comune/1378-estumulazioni-salme-cappella-n-6-del-capoluogo.html

Inaugurata l’area di sgambatura cani al parco dei Mandorli

Oggi alle ore 12.15 è stata inaugurata la cosiddetta “area di sgambatura cani” presso il Parco dei Mandorli. L’area si trova per l’esattezza dietro il tendone del vecchio campo da Tennis.
panoramicasgambaturacani

Il sindaco Paolo Pomponi, con la presenza del nostro parroco Luigi Campinoti e alcuni assessori e consiglieri, ha ufficialmente inaugurato l’area con un breve accenno a quelli che saranno anche altri interventi futuri per “restituire il parco” ai montaionesi. IMG_5336Parlando della zona dedicata ai nostri amici animali, Pomponi l’ha introdotta come un’opera della quale a Montaione si sentiva l’esigenza e che è stata ricavata in tempi rapidi con la collaborazione degli operai e dei mezzi comunali.

IMG_5330L’area si raggiunge agevolmente da La Perla, attraverso un percorso in discesa, breve e ripulito. E’ recintata e chiusa da un cancello sempre apribile. Dentro l’area si trovano due panchine, una fontanella per l’acqua ed un cestino. Al momento non è presente un tavolino, che forse completerebbe l’opera, ma questo arriverà in futuro. All’esterno è esposto invece il regolamento che, anche senza leggerlo, è fondato su regole basilari di educazione, come la raccolta delle feci del proprio cane e il divieto di accesso a cani feroci che potrebbero nuocere agli altri animali o relativi padroni. sgambaturacani
L’illuminazione è effettutata con dei lampioni ad accensione automatica; il nostro sindaco ha sottolineato che la zona non è attualmente sorvegliata da polizia o carabinieri e che si punta quindi all’educazione già citata per il rispetto del regolamento ma che comunque sono presenti delle telecamere di videosorveglianza puntualmente segnalate. IMG_5331-1Questo non perché si voglia creare una sorta di “Grande Fratello” bensì per costituire un deterrente, poiché la zona è stata purtroppo oggetto di numerosi atti vandalici.

Footgolf. COPPA ITALIA – 3° Tappa Nazionale a Castelfalfi

bucainprimopianoFOOTGOLF TOSCANA organizza:

Sabato 28 febbraio 2015 – Golf Club Castelfalfi, Montaione (Firenze)
COPPA ITALIA – 3° Tappa Nazionale di Footgolf
4° tappa Regions’ Cup Toscana
www.footgolftoscana.it
“Unisci l’eleganza del golf alla popolarità del calcio!”

Sabato 28 febbraio, presso il Golf Club Castelfalfi di Montaione, in provincia di Firenze, si giocherà la 3° Tappa Nazionale del Campionato Italiano di FootGolf 2015, dove si assegnerà anche la COPPA ITALIA INDIVIDUALE maschile e femminile 2015 di tutte le categorie.Footgolf
La gara sarà valevole anche per la 4° Tappa della Regions’ Cup Toscana.
Tutta l’organizzazione dell’evento è affidata a Footgolf Toscana, in collaborazione con Opes Italia, con il patrocinio di FIFG (Federazione Italiana FootGolf).
Locandina Castelfalfi 28-2-15

Continue reading Footgolf. COPPA ITALIA – 3° Tappa Nazionale a Castelfalfi

Inaugurazione area di sgambamento cani al Parco dei Mandorli

dog-parkE’ con grande piacere che il Sindaco Paolo Pomponi annuncia l’inaugurazione della nuova area di sgambamento per cani realizzata a Montaione presso il Parco dei Mandorli. L’Amministrazione Comunale ha preso spunto da una proposta avanzata da diversi cittadini per creare un apposito spazio in cui condurre i cani in libertà, in una zona – quella del Parco dei Mandorli – che presto sarà oggetto di ulteriori interventi di riqualificazione, già in programma per questo anno.

L’invito dunque è per Sabato 28 febbraio alle ore 12:15. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, naturalmente accompagnata dai nostri fedeli amici a quattro zampe!

Comunicato IHP 24 febbraio 2015

logoihpc

Endurance, ennesima atroce morte di un cavallo. Lettera a FEI e FISE per chiedere provvedimenti urgenti

L’Italian Horse Protection, pur confermando di non sostenere nè promuovere in alcun modo la pratica degli sport equestri, ritiene urgente che le Federazioni prendano provvedimenti per evitare altre vittime. Non è più tollerabile assistere a spettacoli agghiaccianti come quello di Al Reef senza che le autorità preposte muovano un dito.

Riportiamo integralmente il testo della lettera inviata in data odierna alla FEI e alla FISE. Continue reading Comunicato IHP 24 febbraio 2015

La stella marina

Un pezzetto di storia di Montaione di Rino Salvestrini

Nell’anno 1852 il Consiglio Comunale di Montaione donò un interessante fossile al Regio Museo di Storia Naturale di Pisa. Ma di che si trattava?

Semplicemente di una lastra del selciato di pietra arenaria trovata in una cava fra San Vivaldo e Castelfalfi, che era stata posizionata sul sagrato della chiesa di San Regolo, proprio davanti al portone. Il Professor Giuseppe Meneghini, geologo e paleontologo di fama internazionale che veniva spesso a Montaione per seguire le miniere, di rame a San Biagio e di mercurio a Iano, notò questa pietra sulla quale appariva una stella marina fossile, un po’ consumata dallo strofino dei piedi, ma ancora ben visibile. Il Comune, come detto all’inizio, la donò al Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa e l’anno dopo, 1853, fu pubblicato il libro Nuovi fossili toscani, in appendice al quale il Professor Meneghini scriveva che la stella marina appartenente al genere Crenaster, era di una specie sconosciuta e la battezzava Crenaster montalionis. Proprio come era successo per la balena trovata alla Casina Ciulli fra San Vivaldo e Piaggia, che, essendo di una specie sconosciuta, fu descritta come_Balaena montalionis.

In sostituzione, con precisazioni e correzioni, all’articolo pubblicato su www.montaione.net il 23 febbraio 2015, riporto la storia di questa pietra, che gentilmente mi ha inviato la Dottoressa Chiara Sorbini referente per le collezioni paleontologiche del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa:

“Il Crenaster montalionis dal momento della sua donazione, verso metà ottocento, non ha mai lasciato le collezioni del Museo di Storia Naturale dell’Università ma, o in seguito ai bombardamenti subiti da via Santa Maria nella seconda guerra mondiale o durante il trasloco nella Certosa a Calci, il cartellino con il nome è andato perso.

Trattandosi di un pezzo di grandi dimensioni e buona conservazione, dal 2000 al 2012 è stato esposto in una mostra dedicata ai fossili come esempio di stella di mare, ma senza altri riferimenti, e successivamente è stato prestato al Dipartimento di Scienze della Terra per un’esposizione temporanea tutt’ora in corso. L’interessamento del Sig. Salvetrini, che reputo prezioso, ha richiamato l’interesse sul reperto che era stato a suo tempo pubblicato e descritto minuziosamente, anche se non figurato, permettendone il riconoscimento. Nei prossimi mesi, il Crenaster montalionis tornerà alla sede del Museo di Storia Naturale alla Certosa di Pisa, presso Calci per essere nuovamente catalogato e riassociato alle pubblicazioni che ne parlano.”

 

 

Pietro Ciulli e la balena della Casina Prima parte (pdf)
Pietro Ciulli e la balena della Casina Seconda parte (pdf)

stellamarina
La stella marina Crenaster montalionis, che, forse era apparsa nella preparazione su una lastra, era stata murata nel selciato del sagrato in omaggio alla chiesa.

Scarica La famiglia Figlinesi (pdf)

Comunicato IHP – 20 febbraio 2015

logoihpc

Caso Saphira e situazione anemia infettiva equina, ieri incontro IHP – FNOVI

Il presidente IHP è stato invitato ieri a Roma presso la sede della FNOVI Federazione Italiana dell’Ordine dei Veterinari Italiani, nell’ambito di una riunione della Consulta Nazionale su etica, scienza e professione veterinaria, per una audizione sulla vicenda di Saphira, la cavalla mandata al macello dopo essere risultata positiva al test per l’anemia infettiva equina (leggasi il nostro comunicato del 10 ottobre 2014).Saphira 20140727

L’IHP aveva chiesto urgenti chiarimenti e aveva inviato un esposto, condannando il modus operandi dei veterinari dell’ASL di Brescia che, a fronte di una normativa che sempre più favorisce il mantenimento in vita e il benessere di equidi sieropositivi, non aveva concesso neanche un giorno di tempo al proprietario per cercare soluzioni. Peggio ancora, gli aveva prospettato solo le possibilità di abbattimento o macellazione: a causa di questo e delle pressioni subite anche dai frequentatori del circolo ippico, il proprietario aveva quindi firmato un’autorizzazione all’abbattimento, credendo che la cavalla sarebbe stata sottoposta a eutanasia (cosa che comunque IHP avrebbe considerato illegale e prontamente denunciato), scoprendo invece con sconcerto – e solo grazie alla nostra istanza di accesso agli atti – che Saphira è stata macellata presso il macello pubblico di Rovato, nello stesso giorno in cui si emanava l’ordinanza di sequestro sanitario. Continue reading Comunicato IHP – 20 febbraio 2015

Dove i cavalli nitriscono. Di gioia

logoihpcRiportiamo un articolo di Toscanaechiantinews.it che parla di IHP

Alle porte di Montaione, sulle colline fiorentine, esiste un luogo dove è possibile veder pascolare o passeggiare splendidi esemplari di cavalli in totale libertà, in uno spazio di diversi ettari di terreno. È qui che si trova l’Italian Horse Association, che si occupa della protezione e della tutela degli equini. “I cavalli, sono l’esemplare di animale più sfruttato” spiega Sonny Richichi, fondatore,”non solo per la macellazione, per la quale l’Italia detiene purtroppo il quinto posto al mondo, ma anche nelle competizioni, nel circo, per non parlare delle carrozze in città”. L’associazione, nata 5 anni fa per supplire la totale mancanza di progetti specifici dedicati alla protezione di questi animali, è impegnata ad oggi su due fronti importanti. Da un lato, l’intervento immediato su casi di sfruttamento intenso e maltrattamento, dall’altro la cura e gestione tramite il centro di recupero per cavalli. Lo staff, composto da 4 persone fisse e numerosi volontari, ricercatori e tirocinanti provenienti da tutto il mondo, “si avvale della collaborazione di tecnici specializzati dell’ Università di Pisa – dice ancora Richichi – tra cui un veterinario che ogni mese monitora la salute dei nostri ospiti e il nostro coordinatore scientifico, l’etologo Paolo Baragli”. Attualmente si contano circa una settantina di cavalli, la maggior parte dei quali èstata vittima di abusi o di maltrattamenti dovuti anche all’incuria e alla negligenza dei padroni. La cura e la riabilitazione dei cavalli sono l’impegno primario dell’associazione, che interviene spesso a fianco delle forze dell’ordine o tramite denunce dirette. Parallelamente, si impegna a divulgare le modalità per relazionarsi a questi animali tramite una conoscenza profonda, imparando a rispettare le necessità e lo stile di vita equino. L’associazione, non potendo contare su fondi pubblici, si autofinanzia grazie a iniziative interne e donazioni. “Quello che auspichiamo – conclude Richichi -è che in futuro si possa arrivare alla stesura di un vero e proprio protocollo di intervento con leggi ben precise, valide in tutta Italia e che la salvaguardia dei cavalli assuma un ruolo specifico, come avviene per altri animali”. Intanto, con passione e tenacia, i membri dell’IHP hanno regalato a questi meravigliosi animali un piccolo angolo di paradiso.

Arriva il registro delle unioni di fatto

registro-400xIl Comune di Montaione si doterà del registro delle unioni di fatto e delle convivenze, comprese quelle tra persone dello stesso sesso. L’impegno della giunta Pomponi a istituire il registro è passato martedì sera in consiglio comunale, sede in cui è stata discussa la mozione di Linea Civica. Dopo un emendamento Pd, e in seguito ad ampia discussione, il mandato alla giunta è passato a voti unanimi. «Per la predisposizione degli atti normativi ha spiegato ieri il sindaco Paolo Pomponi il consiglio ha investito l’apposita commissione. Abbiamo deciso che nel registro non vi siano distinzioni di sesso.

Però, è importante sapere una cosa: il registro manifesta una volontà, ma non ha ancora un valore giuridico poiché sarebbe tema che spetta alla legislazione statale. Non ai Comuni. Non ha, insomma, valore di stato civile. Montaione, come altri Comuni dell’Empolese Valdelsa, ha fatto questa scelta che è politica, anche per dare un segnale ai livelli istituzionali superiori». Adesso, quindi, la commissione consiliare si metterà al lavoro per predisporre in pratica gli atti normativi del registro, che poi sarà deliberato dalla giunta. Da qui, il discorso si sposta appunto a Roma, poiché il vero valore di stato civile delle unioni di fatto potrà (o potrebbe) arrivare solo da una legge. Dai Comuni valdelsani è partito un segnale forte.

Fonte: La Nazione. Articolo di Andrea Ciappi.

“1945 – 2015” – 70° anniversario fondazione Misericordia di Montaione

misericordia– 2014: un anno molto positivo per la Misericordia di Montaione, importanti donazioni, il nuovo doblò, il pellegrinaggio da Papa Francesco, la Gita a Mirabilandia e San Marino, il corso per soccorritori e tanto altro ancora.

Entro il mese di aprile sarà pronto il Bilancio Sociale, strumento di rendiconto e di comunicazione esterna ed interna dell’attività.

– ASSEMBLEA: il Consiglio ha deliberato di effettuare l’Assemblea dei Confratelli e delle Consorelle per la presentazione del Bilancio Sociale ed approvazione del Bilancio d’Esercizio, domenica 10 maggio 2015 con il pranzo dei volontari al Carpe Diem offerto dalla Confraternita.

– 2015: 70° anniversario della Fondazione della nostra associazione, a breve inizieremo i lavori di restauro del carro lettiga del 1800 e la ristrutturazione del fondo di Piazza della Concordia dove verrà messo in esposizione il bene storico dell’associazione, vediamo se riusciamo ad inaugurarlo in occasione dell’annuale Festa.

– FESTA della Misericordia: si terrà domenica 13 settembre 2015 in collaborazione con la Filarmonica Donizetti, che effettuerà il concerto di fine estate nel pomeriggio. Abbiamo previsto inoltre la consegna di benemerenze ai Volontari che effettuano servizio da più di 30 anni.

– VIDEO MISERICORDIA MONTAIONE: avremo un video della nostra associazione, realizzato gratuitamente dagli amici di Visual Groove di Castelfiorentino, con foto e musica. Il video sarà condiviso sul sito internet www.misericordiadimontaione.it, su www.Montaione.Net, sui Social Network, su youtube ed avevamo pensato di creare dei CD da distribuire a tutti i Soci (Confratelli Sostenitori) in occasione della Festa. Sempre i ragazzi di Visual Grovve digitalizzeranno le videocassette che abbiamo di Feste ed inaugurazioni degli anni passati, molto passati e di Palcoscenico del 2001 e sempre in occasione della Festa pensiamo di organizzare un Flash Mob dei Volontari.

– CASA SQUIRTERS: Non sappiamo ancora la data, ma parteciperemo al programma della web radio www.radioradicchio.it, Casa Squirters, le belle e giovanissime ragazze di Montaione, tra le quali anche la nostra Viola, che ogni giovedì ci fanno compagnia con musica, chiacchere e cultura.

– NONNO BEPPE COMPIE 80 ANNI: mercoledì 11 marzo 2015 il nostro grande e mitico Beppe compie 80 anni.

– FORMAZIONE:  inizia il retraining martedì 17 febbraio 2015 ore 21.30 in sede. Il corso per soccorritori di livello base inizierà martedì 17 marzo 2015, giorno del 154° anniversario dell’Unità d’Italia.

– SCUOLE: se qualcuno è disponibile per una mattina dalle ore 11.00 alle ore 13.00 durante la settimana lo faccia sapere, stiamo organizzando un incontro formativo “divertente” con le scuole medie, da farsi presso la nostra sede, faremo vedere ai ragazzi dei videoclip e cercheremo di trasmettere un pò di ciò che siamo ed un pò di “cultura del primo soccorso”.

BUON 2015 con la Misericordia di Montaione!

Alessio Gronchi

Adesione all’iniziativa “M’illumino di Meno”

thIl Comune di Montaione aderisce all’iniziativa della trasmissione di Rai Radio 2 “Caterpillar” “M’illumino di meno”, che si propone di sensibilizzare al risparmio energetico e all’utilizzo consapevole delle fonti rinnovabili. Per la sera e la notte di Venerdì 13 febbraio si terrà spenta una parte dei lampioni del centro storico, per una riduzione di circa il 30% dell’illuminazione pubblica.

Oltre all’azione simbolica della giornata, il Comune di Montaione da anni persegue politiche concrete di riduzione dell’energia consumata con interventi di efficientamento energetico sia nel campo dell’energia elettrica che in quello della produzione di calore, giungendo anche alla certificazione energetica ISO 14000 e 50000 come primo Comune in Italia.

Fonte: comunicato stampa del 12.02.2015
Link esterno: http://caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/

Ultimi aggiornamenti dalla pallavolo femminile UISP

di Irene Perrone

foto(9)Dopo la striscia positiva di tre vittorie collezionata nel 2014, le ragazze della pallavolo UISP aspettavano con ansia lo scontro al vertice contro l’ASD Olympia Certaldo (squadra al momento prima in classifica a punteggio pieno) che si sarebbe dovuta tenere venerdì 19 dicembre 2014.

La partita è stata però rimandata all’anno nuovo per mancanza di giocatrici nella squadra avversaria. La pausa natalizia di più di un mese non ha però portato bene alle montaionesi. Nella gara di lunedì 19 gennaio, tenutasi presso il Pala Aramini di Empoli, le nostre giocatrici hanno infatti perso nettamente per 3-0 contro l’ASD Doriana 1999 (ricordiamo che la gara di andata si era invece conclusa con una vittoria per 3-1).

Il match successivo si è fatto di nuovo attendere: la partita in programma per giovedì 22 gennaio contro l’ASD Olympia Certaldo è stata di nuovo rimandata per mancanza di giocatrici, questa volta nella squadra montaionese decimata dall’influenza. Lo scorso venerdì 30 gennaio le nostre ragazze si sono presentate cariche e con tanta voglia di rifarsi dopo l’ultima gara persa, ma questo non è bastato. Il match contro le giocatrici certaldesi si è concluso con un risultato netto di 3-0 in favore della squadra avversaria.

Adesso non resta altro che attendere l’esito dell’ultima gara in programma per giovedì 12 febbraio (salvo ulteriori imprevisti) per conoscere se la squadra montaionese riuscirà ad aggiudicarsi il secondo posto per poter così accedere allo spareggio contro le prime due squadre classificate nel girone UISP di Livorno.

 

 

Il libro e la trilogia di Amici miei

logocinemalibroPronti a divertirvi? Montaione propone un febbraio all’insegna della comicità toscana, quella più schietta e bella…quella di AMICI MIEI!

A partire da domenica 8 febbraio, infatti, presso il cinema teatro Scipione Ammirato di Montaione, si susseguiranno tre appuntamenti dedicati alla celebre trilogia di Amici Miei, curati dal circolo del cinema “Angelo Azzurro” in collaborazione con il Comune di Montaione.

L’iniziativa inizia domenica 8 febbraio alle 17:30, con la presentazione del libro “Caro Amici Miei”, scritto a quattro mani da Fabrizio Borghini e Jacopo Nesti, dell’associazione Toscana Cultura. Come suggerisce il titolo, il libro è dedicato al film, ai suoi personaggi, a Monicelli, ma in senso più ampio, è dedicato alla Firenze degli anni ’70 e più in generale alla toscanità ed alla comicità graffiante dei toscani, perché è proprio a queste che Mario Monicelli e Pietro germi si ispirarono quando diedero vita ad Amici Miei!

Abbiamo pensato che la presentazione di un libro, seppur interessante, non fosse sufficiente, e quindi ad essa seguirà la proiezione del film. Amici Miei Atto II e III saranno invece proiettati sabato 14 e sabato 21 febbraio.

Buona visione! E buon divertimento!
Scarica la locandina AMICI MIEI 2015 (pdf)

Fonte: Comune di Montaione

ASD Gelsomino ranch: medaglia di bronzo per l’equitazione western

nasco podio manerbio-1L’anno agonistico 2014 si è chiuso veramente con un grande successo da parte dell’Associazione Sportiva Gelsomino Ranch presso le FINALI NAZIONALI DI REINING A MANERBIO BRESCIA.

I nostri allievi si erano già distinti durante l’anno sia vincendo il TROFEO DI MONTA WESTERN organizzato dalla FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI / CONI sia vincendo il Campionato Toscano di Reining categoria OVER 50 NON PRO.

manerbio 14 premiazioneI meritati sacrifici hanno portato due allievi della nostra scuola FISE/CONI a rappresentare la Toscana alle NAZIONALI 2014 di MANERBIO, confrontandosi con oltre 400 cavalieri.

Andrea Salvadori in sella al suo “SAILOR MAJORETTE“ è riuscito a salire sul terzo gradino del podio aggiudicandosi la MEDAGLIA DI BRONZO.

nasco manerbio premiazione

Aurora Rossi in sella al “ CAPITANO “ è stata premiata come AMAZZONE PIU GIOVANE DI ITALIA (9 anni) DALLA RIVISTA “Cowboy Magazine“ nella categoria Under 13.premiaz. aury manerbio

Ovviamente, una soddisfazione enorme per la nostra Associazione, che nonostante operi in una piccola e modesta realtà è riuscita ad ottenere GRANDI risultati.

Fonte: ASD Gelsomino Ranch

IMU 2014 sui terreni agricoli. Si paga

Per l’IMU 2014 il recente Decreto in materia prevede una clausola di tutela che salvaguarda le esenzioni definite dal precedente Decreto del 28 novembre 2014, basate sulla suddivisione dei comuni secondo tre fasce di altitudine (0-280m, 281-600m e oltre 600m), come confermato anche dal comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 46 del 23/01/2015.

In sostanza chi era esente secondo il criterio dell’altitudine resta esente per il 2014, anche alla luce della nuova classificazione e nulla dovrà versare alla scadenza del 10 febbraio. Questo significa che nei comuni toscani compresi tra 281 e 600m di altitudine come Montaione per il 2014 resta l’esenzione per imprenditori agricoli e coltivatori diretti, i quali non devono versare l’IMU alla scadenza del 10 febbraio. Tutti gli altri, non esenti, devono pagare entro il 10 febbraio.

Per l’IMU 2015 (che si pagherà a giugno e dicembre 2015) invece Montaione è stato classificato, secondo nuovi criteri, tra i Comuni NON MONTANI. Quindi tutti dovranno pagare. Anche gli imprenditori agricoli e coltivatori diretti.

Altre informazioni su:
http://www.comune.montaione.fi.it/index.php/iuc-imposta-unica-comunale.html
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-01-23/imu-agricola-cdm-fissa-nuovi-criteri-esenzione-totale-3456-comuni-155536.shtml?uuid=ABc8fziC

Lettera dell’Amministrazione Comunale a Il Tirreno

Pubblichiamo il testo intero della lettera scritta dal nostro sindaco Paolo Pomponi alla testata giornalistica “Il Tirreno”, a seguito dell’articolo uscito sullo stesso giornale e che tramite somme di voci non corrette faceva risultare in modo assurdo Montaione il comune più tassatore dell’Empolese-Valdelsa.
Vedi anche il comunicato della stessa amministrazione comunale dove si contestano e si correggono gli stessi dati.

Egregio Direttore Dott. Chiorazzo,
è con grande amarezza che, come Le ho anticipato telefonicamente lunedì, Le manifesto l’incredulità, mia personale e di tutta l’Amministrazione Comunale di Montaione, per la leggerezza con cui lunedì 19, il suo giornale ha sbattuto in prima pagina (edizione locale di Empoli) il nome di Montaione come Comune “super tassatore”.
Come Le ho già manifestato, la presunta “indagine giornalistica” (ci vuole coraggio a definirla tale) presenta in modo distorto una serie di dati prelevati da una piattaforma informatica, senza alcuna analisi critica o “riclassificazione” degli stessi, con il risultato di dare una rappresentazione non conforme alla realtà circa l’effettiva pressione tributaria comunale cui sottostanno i cittadini montaionesi.
In relazione ai tributi comunali, Montaione è il comune dell’Unione dell’Empolese Valdelsa con le aliquote fra le più basse, se non le più basse (cosa facilmente verificabile con una “indagine giornalistica” seria, che magari necessita di un po’ più di tempo e passione giornalistica per informare i lettori in modo serio, corretto, trasparente). E non è necessario essere esperti di statistica per capire che se le aliquote di un Comune (come pure le rendite catastali su cui si calcola l’IMU) sono più basse che in altri, è poi difficile che i cittadini di quel Comune siano vessati per il doppio o il triplo come emerge dal Vostro articolo. E guardi che questo vale, a Montaione, sia per i cittadini residenti (parametro di riferimento della Vostra “indagine”) che per le attività produttive.
Credo che una volta completato il lavoro, un giornalista serio e preparato forse si sarebbe potuto domandare se qualcosa non andava. Ritenere possibile che a Montaione si paghi il triplo rispetto al poggio di fronte, Montespertoli, forse qualche dubbio poteva generarlo e con una semplice telefonata forse si sarebbe potuto evitare di rappresentarci, come non siamo, i “super tassatori”.
In allegato Le trasmetto un comunicato che diffonderemo, con il quale intendiamo evidenziare la distorsione dei fatti prodotta dal Vostro articolo, e quindi “rimediare” al danno di immagine quasi irreparabile causatoci (a distanza di due giorni, se lo rileggo la mia indignazione se possibile aumenta).
Sono quindi a chiederLe come atto minimio riparatorio di concederci lo stesso spazio nella stessa prima pagina dell’edizione locale per pubblicare questa mia missiva, e il nostro comunicato (sinceramente mi aspetterei anche delle scuse, e non piuttosto un commento con cui, arrampicandosi sugli specchi, si cerchi di riaffermare la validità inesistente di una “indagine” veramente poco professionale).
In attesa di un Suo cortese riscontro, La informo che sia io personalmente, che i competenti uffici del Comune, siamo a disposizione per qualsiasi eventuale chiarimento.

Cordialità.
Il Sindaco
Paolo Pomponi

Fonte: Comune di Montaione

Tasse super a Montaione, anzi no: è tra quelli con l’imposizione complessiva meno elevata

“Tasse super a Montaione, tre i Comuni low cost”. Così titolava un articolo apparso su “Il Tirreno” il 19 gennaio, con il quale si intendeva dare la misura della “pressione fiscale dei sindaci” nell’Empolese Valdelsa, e mettere a confronto quelli più “clementi” con quelli più “tassatori”. A corredo dell’articolo, una tabella metteva in fila i Comuni secondo la presunta tassazione media pro capite, e si poteva osservare che il valore medio del Comune al primo posto – Montaione – risulta quasi il doppio di quello del Comune al secondo posto – Gambassi Terme – e tre volte tanto quello del Comune all’ultimo posto – Montespertoli.

Già queste differenze avrebbero forse dovuto suggerire prudenza e far venire qualche dubbio circa la correttezza della metodologia seguita nella lettura e analisi dei dati forniti. In un territorio sotto molti punti di vista omogeneo come l’Empolese Valdelsa, che un Comune tassi i propri residenti il triplo di un altro, è poco credibile, o almeno avrebbe dovuto indurre a porsi qualche domanda in più e ad approfondire l’indagine.
Già, perché il limite dell’articolo in questione è proprio questo, l’approssimazione e i presupposti metodologici non propriamente corretti. Ma vediamo di andare con ordine.

Anzitutto la fonte. L’articolo prende a base la banca dati Siope della Banca d’Italia, che registra i movimenti di cassa dei Comuni. Di cassa per l’appunto, non di competenza. Questo significa che alle entrate complessivamente registrate in un anno concorrono anche importi relativi ad esercizi precedenti. Invero l’articolo riporta questa avvertenza, ma poi non se ne cura più di tanto quando con disinvoltura suddivide il totale delle entrate di cassa 2014 (con esclusione dell’imposta di soggiorno e del fondo di solidarietà comunale, “in quanto non richiesti ai residenti”) per il numero dei residenti, ritenendo così di calcolare la tassazione media pro capite dei Comuni.

Fra i limiti della banca dati SIOPE si rileva anche un errore di classificazione di una rilevante quota dei trasferimenti statali (circa 500.000 euro) ricompresi fra “altri tributi speciali ed altre entrate tributarie proprie” anziché nel “fondo di solidarietà comunale” che contribuisce a far lievitare il “totale tasse pro-capite”.
Ma è su un altro punto che si registra l’approssimazione più vistosa, laddove si istituisce un rapporto (aritmetico) tra elementi non omogenei. Nell’ammontare complessivo delle entrate tributarie considerate per calcolare la pressione media pro capite, l’articolo include anche imposte come Tares, Imu e Tari, che gravano in misura rilevante sugli immobili a scopo produttivo, e molto meno, in valore assoluto, su quelli residenziali. Rapportare quindi l’entrata tributaria complessiva, alla popolazione residente, senza operare le dovute distinzioni, significa fornire una visione distorta della realtà.

Per chiarire il ragionamento, se un Comune ha molte attività produttive (quindi un alto gettito da Tares, Imu e Tari) e pochi residenti, il semplice rapporto gettito/residenti sarà elevato. Nel Comune che presenti invece la situazione inversa, il rapporto sarà molto inferiore, senza però che questo chiami in causa la volontà impositiva di una Amministrazione nei confronti dei propri residenti, né tantomeno implichi che risiedere in quel Comune si fiscalmente meno costoso.

L’esempio concreto di Montaione illustra bene la questione: senza contare altri tipi di attività produttive, a Montaione operano oltre 100 aziende turistico ricettive (con oltre 3000 posti letto), gran parte delle quali di proprietà di non residenti. Se si divide il gettito Tares, Imu e Tari, proveniente da tali attività, per la popolazione residente, non si ottiene un indice della “pressione fiscale del Sindaco”, si è solo fatto un grossolano errore di metodo e cattiva informazione.
Oltretutto – sia detto per inciso – le aliquote Tari sono uguali per tutti i Comuni dell’area, quindi a parità di condizioni esse pesano dovunque allo stesso modo nel territorio; mentre per l’Imu sugli immobili non residenziali, le aliquote di Montaione sono certamente tra le più contenute dell’Empolese Valdelsa, accompagnate da rendite catastali mediamente più basse.

In un momento così difficile da un punto di vista economico e sociale, nel quale è giustamente molto alta l’attenzione dell’opinione pubblica verso le politiche fiscali, sia centrali che periferiche, ed è d’altra parte doverosa la più ampia trasparenza e informazione in merito ad opera
della pubblica amministrazione, articoli siffatti non solo non aiutano a fare chiarezza, ma contribuiscono a generare grossi equivoci. Dagli organi di stampa ci si attende certo che facciano inchieste, informino i cittadini, e agiscano da formatori della pubblica opinione. Ma ci si attende anche che lo facciano con senso di responsabilità e discernimento.
La pressione fiscale esercitata da un Comune sui propri residenti, si misura soprattutto dall’addizionale comunale Irpef, dalla Tasi sull’abitazione principale e dalla tassa sui rifiuti, per altro, anche questa, uguale in tutti i Comuni dell’area. Se lo scopo del giornale era di fare un raffronto sulla pressione fiscale nei vari Comuni del territorio, sarebbe stato utile cercare (e reperire facilmente attraverso le delibere) soprattutto questo tipo informazioni. Avrebbe così offerto un’informazione più puntuale, accurata ed esaustiva ai propri lettori. E avrebbe anche scoperto che Montaione, lungi dall’essere il Comune “più tassatore”, è tra quelli con l’imposizione complessiva meno elevata.

Fonte: Comune di Montaione

Vedi anche la lettera dell’amministrazione comunale a Il Tirreno

Brevetto Beccari a Roma

Giuseppe Beccari nacque a Montaione il 22 settembre 1862 da Angiolo e Assunta Gennai, abitava fuori Porta Pisana o Piccina, nella casa fuori le mura e ad essa attaccata, casa distrutta dalle mine tedesche nell’ultima guerra e poi ricostruita.

Cento anni fa il montaionese Giuseppe Beccari ideò le celle zimotermiche per trasformare le spazzature delle città in concime per l’agricoltura. Un sistema tutto al naturale e gli impianti da lui brevettati, furono realizzati nei Comuni della Valdelsa, poi della Provincia di Firenze, quindi della Toscana, dell’Italia per continuare con Grecia, Francia, Inghilterra e Stati Uniti d’America.

Un nostro attento lettore di Roma ha notato vicino a casa sua (sulla collina del Celio) e per l’esattezza nel parco della chiesa di San Gregorio una palazzina ancora in ottime condizioni che riporta la scritta “Brevetto Beccari – Cabina di Fermentazione”.

L’edificio si presenta come una palazzina composta da piano terra e primo piano, raggiungibile tramite una scala esterna. Apparentemente sono stati ricavati dei locali abitabili.

Il Beccari  è stato il primo a dare una soluzione alle spazzature delle città, con oltre un secolo di vantaggio  sugli attuali che credono di aver inventato il recupero degli avanzi. Qui a Roma si tratta del recupero della cella zimotermica o di fermentazione Beccari, forse l’unica rimasta. La forma è proprio quella con le due porte per il recupero, in questo caso sulla parte superiore è stata tolta la torretta e rialzato un  piano che si distingue bene, e con l’aggiunta di una scala esterna.

Un sentito ringraziamento al Sig. Marchiori per la segnalazione, che costituisce una testimonianza importante per la storia del nostro concittadino montaionese.

Per approfondimenti, leggere anche l’opera:
Giuseppe Beccari – Un montaionese antesignano rel recupero dei rifiuti urbani (pdf)

beccari001
Il progetto di Beccari
beccari002
Roma. Il progetto Beccari trasformato in una palazzina.
La scritta BREVETTO BECCARI CAMERA DI FERMENTAZIONE
La scritta BREVETTO BECCARI CAMERE DI FERMENTAZIONE davanti alla palazzina

 

Recensione “Spoglia di sillabe”, di Aurora Coppola

280_0_4538201_458062[1]L’autrice di questo libro Aurora Coppola è originaria di Montaione . La mamma vive nella frazione Le Mura. Aurora è intenzionata dopo anni di residenza a Dublino a tornare a vivere a Montaione.

Titolo: Spoglia di Sillabe
Autore: Aurora Coppola
Collana: Tracciare Spazi
Pagine: 52
Prezzo: 11,50
Ebook: 5,49
Isbn: 9788868543815

Immergersi con tanta dedizione nell’esistenza fino a perdersi quasi nel suono di pensieri e trasformare questo suono in parole che segnano immancabilmente il percorso emotivo, fino a ritrovarsi nudi, spogli di tutti, eppure ricchi, puri.
Ecco quello che ha fatto Aurora Coppola nella sua prima silloge, Spoglia di sillabe, una raccolta nella quale l’autrice si lascia trascinare dalla forza della vita per estrapolarne il midollo, raggiungere la sua essenza.
D’altronde è alla poesia di matrice irlandese che fa costantemente e sottile riferimento, alla petrosità di Yeats, alla polisemicità di Beckett alla spigolosità di Joyce, e su questi ben pasciuti campi fa crescere una scrittura diretta, rocciosa e fiera.
Sinestesie, rime baciate, accostamenti ossimorici, incontri (in apparenza) casuali tra le sillabe, accompagnano lo scorrere dei versi, l’andare fluido nel profondo dell’inconscio.

Aurora Coppola, toscana d’origine ma irlandese d’adozione vive a Dublino dove ha approfondito le letture in lingua orginale di Beckett, Joyce e Yeats e studiato la tecnica delle Limericks. Per i propri componimenti attinge maggiormente dalla letteratura contemporanea di lingua inglese e francese. Aurora utilizza varie tecniche di scrittura per le sue rime (dalla classica baciata alla più libera) facendo uso del suo backround musicale a seguito di anni passati ad esercitarsi e a suonare batteria e percussioni in vari gruppi emergenti italiani e stranieri.

Per il New York Post c’è anche Castelfalfi tra le 8 più belle ville del mondo

villaibianchiIl New York Post, nella sua edizione online, ha annoverato una villa di Castelfalfi tra i posti nel mondo più degni di essere visitati.

http://nypost.com/2015/01/12/the-8-most-luxurious-new-villas-to-visit-this-year/

Traduzione per i non anglofili…

Non è cosa da tutti i giorni riuscire ad essere ospitati in un villaggio toscano di 800 anni fa, sebbene sia stato trasformato in un raffinato resort completo di un hotel a cinque stelle, un campo di golf, un circolo sportivo, spa, negozi e diverse ville sparse negli oltre 1000 ettari della proprietà.

Una di queste ville è stata completamente ricostruita: è il Casale I Bianchi, di oltre 2000 metri quadri, con cinque camere, molti camini, una piscina privata e – in modo da essere come Gwyneth Paltrow – un forno a legna esterno per la pizza.

Il resort riaprirà a metà Marzo, con tariffe settimanali a partire da circa 10.000 dollari (dal 16 al 31 Marzo) e fino a 15.400 dollari per l’alta stagione (da Aprile a metà Settembre).

Suonate la cetra con arte

suonatecetraÈ uscito il nuovo fascicolo “Suonate la cetra con arte” che raccoglie una serie di proposte per la liturgia delle ore, introdotte da un sunto delle indicazioni tecniche che vengono date durante un corso di base.

Gli argomenti  principali trattati sono i seguenti: conoscenza delle particolarità della cetra, impostazione delle due mani, postura, smorzamento, repertorio, principi di accompagnamento del canto e della salmodia, ricerca del suono, accordatura.

“Queste pagine sono nate quasi per gioco, nel tentativo di mettere per iscritto tutti quegli argomenti che vengono trattati durante un corso di base. L’intento non è quello di fornire un manuale (strumento che ritengo non funzionale allo studio della musica), ma alcune schede riassuntive che gli studenti possano portare a casa dopo un corso, per ritrovare, riportate in modo chiaro e schematico, tutte quelle spiegazioni che hanno ascoltato: spesso, infatti, i corsi sono così intensi e le informazioni così concentrate che risulta difficile memorizzarle per intero.

Sono assolutamente convinta che soltanto la presenza di un insegnante può trasmettere la pratica viva di uno strumento ed è per questo che non ho mai pensato di scrivere un manuale.

Queste schede, pertanto, sono del tutto insufficienti per imparare a suonare, ma credo siano utili ad affiancare il lavoro che svolgiamo durante un corso di primo livello, servendo da memorandum, esatto e non esauriente, degli argomenti che si affrontano” (Dall’Introduzione).

Per informazioni 0571 69482.
Fraternita’ di Maria Immacolata Madre – Oasi Cuore Immacolato di Maria
50050 Iano Montaione (FI) – Tel. 348 9524993

Un saluto da Leoni

di Maurizio Volpi, tratto da Vita di Comunità n.727

dongotti
don Francesco Gotti

Martedì mattina sono andato a Sughera per il funerale di don Francesco. Poco prima della chiesa, su un muro di cemento armato che sostiene un argine, ho visto una frase scritta con la bomboletta spray rossa. Penso che l’abbiano notata in tanti: «20/12/2014 Ciao Priore Hic Sunt Leones». È un saluto che qualcuno ha voluto lasciare lì, vicino ai due campi sportivi che il «priore della Sughera» aveva costruito agli inizi degli anni Settanta per i «ragazzi del 64», come ha ricordato alla fine della messa un amico e collaboratore di don Francesco, visibilmente commosso. Di fatto, molti di quei ragazzi – oggi cinquantenni – erano presenti a quella celebrazione per dire grazie a un prete che trent’anni fa, in un contesto certamente poco stimolante dal punto di vista sociale, attraverso lo sport, ha saputo offrire una preziosa opportunità per valorizzare al meglio la loro giovane vita. La riconoscenza non è una virtù da poco.

Ritornando alla scritta devo dire che mi ha subito incuriosito, non solo per quelle insolite parole in latino, ma soprattutto perché ha smosso dentro di me pensieri che ora proverò a raccontarvi. Anzitutto mi sono chiesto che senso avessero quelle parole proprio lì sul quel muro: non riuscivo cioè a capire il collegamento con don Francesco. Poi ho saputo che hanno a che fare con un’associazione sportiva: è il nome di un’associazione di calcetto a 5. C’è anche un sito Internet. Da perfetto ignorante in materia, non ci sarei mai arrivato. Ma intanto avevo già cominciato a rimuginare su quell’espressione latina che conoscevo. Per chi non sapesse di cosa si tratta, dico due parole sull’origine di questa frase. Hic sunt leones (“qui ci sono i leoni”) è una frase che si poteva trovare nelle antiche carte geografiche in corrispondenza di quei territori non ancora scoperti o esplorati dell’Africa e dell’Asia. Era dunque sinonimo di realtà sconosciuta, inesplorata. Non si sapeva cosa si trovasse in quelle terre, a parte il fatto che fossero abitate da bestie feroci alle quali era bene prestare attenzione. Il significato originario è questo. È vero che Sughera è un posto un po’ fuori mano, ma fino a questi punti mi sembra eccessivo.

A me è venuto da collegare quelle parole alla vita di don Francesco. Come lui stesso qualche volta ha raccontato, quando a trent’anni arrivò a Sughera con la strada tutta poggi e buche, senza luce e senz’acqua, con l’ironia di cui non era mai sprovvisto, potrebbe davvero aver pensato: hic sunt leones! Ma dove sono capitato! Come d’altra parte immagino sarà successo ad altri preti vissuti in certi posti intorno alla prima metà del Novecento. Di fatto egli dovette rimboccarsi le maniche per affrontare una condizione logistica davvero poco rassicurante. Poi, dopo una decina d’anni passati lì, la vecchia chiesa andò in rovina e fu necessario costruirne una nuova, che è quella attuale. Poi, un secondo pensiero mi è andato al suo temperamento piuttosto determinato, che talvolta lo ha condotto a vivere una certa condizione di “marginalità” rispetto alla realtà diocesana. E tuttavia in tali circostanze non si è mai isolato dagli altri e non è mai venuta meno la capacità di vivere le relazioni. Lo provano le numerose attestazioni di rispetto e di stima nei suoi confronti, emerse soprattutto in questi ultimi tempi della malattia. Tante persone, anche quelle definite (chissà poi perché?) “lontane” dalla Chiesa, sono state raggiunte in qualche modo dalla sua testimonianza di uomo e di prete. Sono certo che in tanti hanno potuto scorgere nel suo sguardo un pezzetto di “cielo”: d’altra parte il colore degli occhi lo metteva in una posizione di netto vantaggio! E il suo sguardo non era mai vuoto o superficiale. Perciò mi viene da pensare soprattutto alla sua vita spirituale, alla sua relazione con il Signore e tramite Lui, con le persone che l’hanno conosciuto. Come ogni esistenza umana, anche la sua ha custodito una parte di “mistero”, una zona “inesplorata” in cui nessuno ha mai messo piede e che soltanto il Signore della Vita ha conosciuto e apprezzato.

Anche per questo si potrebbe dire: hic sunt leones. Comunque sia, ringrazio chi ha scritto quel saluto sul muro, perché mi ha consentito di stare un poco in comunione con la vita di questo fratello sacerdote. E di pensare che la nostra esistenza umana e cristiana è chiamata a seminare qualche traccia di Luce dietro di sé, che possa servire al cammino di quelli che abbiamo lasciato e di quelli che verranno dopo: «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno» (Ebrei 13,8).

Ripartono i campionati del settore giovanile

Dopo la sosta natalizia ripartono i campionati del nostro settore giovanile per il fine settimana del 10-11 gennaio 2015.
Calendario:
Campionato juniores provimciali MONTAIONE – SAN GIUSTO LE BAGNESE MONTAIONE STADIO COM.LE 10/01/15 18:00

Campionato allievi provinciali GIOVANI CALCIO VINCI – C.G. AURORA MONTAIONE
COM.LE RIPALTA VINCI 10/01/15 15:00

Campionato giovanissimi provinciali C.G. AURORA MONTAIONE VIRTUS GAMBASSI TERME
MONTAIONE STADIO COM.LE 10/01/15 16:15

Campionato esordienti a 11 2002 LIMITE E CAPRAIA A.S.D. – C.G. AURORA MONTAIONE MAURO CECCHI 11/01/15 9:30

Campionato esordienti a 9 2003 C.G. AURORA MONTAIONE – VIRTUS GAMBASSI TERME
MONTAIONE STADIO COM.LE 11/01/15 11:00

Campionato pulcini a 6 II anno PROGRESSO MONTELUPO – C.G. AURORA MONTAIONE
MONTELUPO F/TURBONE VIA PESA 10/01/15 15:00

Si passa da Gambassi e dopo un po’ c’è Montaione

“Si passa da Gambassi e dopo un po’ c’è Montaione” qualcuno dirà che lo sapeva di già. Ma sapeva anche che si sta parlando di Roma?

Eh sì. A Roma abbiamo trovato Largo Gambassi ed alla fine di Largo Gambassi inizia proprio Via Montaione. Un Istituto di istruzione superiore, i carabinieri, un’autorimessa, diversi, parrucchieri, un noleggio auto, una banca, ecc. Insomma, in via Montaione ci abitano, lavorano e vanno a scuola molte persone; la via è lunga e densa di palazzi…chissà forse ci sono più abitanti qui che nel corrispondente Comune nostro.
Nel cartello (prima foto) c’è scritto: “Montaione. Comune della Toscana”.

A questi punti però, a parte la sorpresa, ci sorge – ironicamente – un dubbio: nel caso di fusione tra Montaione e Gambassi Terme, ci sarebbe anche la fusione tra le due vie di Roma?

Carabinieri in Montaione...
I Carabinieri di Via Montaione.
Sulla sinistra Villa Serena?
Via Montaione a Roma. Sulla sinistra è Villa Serena…?

 

La fine di Largo Gambassi e l'inizio di Via Montaione
La fine di Largo Gambassi sulla destra e l’inizio di Via Montaione
Istituto di scuola superiore "Pacinotti-Archimede"
L’Istituto di scuola superiore “Antonio Pacinotti” di Via Montaione

 

Inventario di fine anno 2014…

Anche per questo sito è tempo di tirare le somme.
Nel 2014 il sito Montaione.NET è stato visitato da 16.764 visitatori totali per un totale di 38.274 pagine lette.
Pertanto rispetto al 2013 i visitatori così come le pagine lette sono triplicati.
Gli articoli pubblicati nel 2014 sono stati 618.
La quasi totalità dei lettori sono italiani, seguiti da americani e francesi.
Continuate a seguirci…abbiamo ancora tante altre idee!
Vi ricordiamo che pubblicare su Montaione.NET è semplice, veloce e gratuito.
Un grazie veramente di cuore a tutti i lettori e tutti quanti contribuiscono ad inviarci puntualmente notizie.

Buon Montaione a tutti!

La redazione

Risultati del nostro sondaggio sulla chiusura del centro scolastico al traffico

sondaggio

Sondaggio iniziato il 10/11/2014 e terminato il 31/12/2014 alle 23:59. Il quesito è stato:
Alcune precise ore del giorno, quando i due piazzali scolastici sono il luogo di maggiore concentrazione di anidride carbonica del capoluogo, contemporaneamente sono anche le ore maggiormente frequentate da individui in giovane età. In più, muoversi in uno spazio delimitato e fortemente transitato da autoveicoli può costituire un pericolo per bambini e genitori. Saresti favorevole alla chiusura totale del centro scolastico al traffico?

I votanti sono stati in tutto 89. Le risposte “Sì” sono state 81 mentre i “No” sono stati 8. Grazie a tutti i nostri lettori che hanno espresso il loro voto.

91% favorevole alla chiusura
9% contrario alla chiusura

 

Liberati l’asino e il pony esposti a San Miniato

20141226 S.Miniato-asinoA seguito delle segnalazioni indignate di alcuni cittadini, alla vigilia di Natale apprendevamo che un asino e un pony erano stati posti in due differenti allestimenti natalizi nel Comune di San Miniato: isolati e perennemente chiusi in spazi ristretti, a detta dei proprietari sarebbero rimasti lì fino alla befana. Entrambi manifestavano segni di insofferenza ed estremo disagio, come si vede ad esempio in questo VIDEO:

https://www.youtube.com/watch?v=NHn2GayF2-4&feature=youtu.be

Ricordiamo che gli equidi, per le loro caratteristiche etologiche, dovrebbero avere sempre ampi spazi a disposizione dove muoversi liberamente e dovrebbero vivere in compagnia dei loro simili, essendo animali fortemente sociali. Dopo aver fatto una prima verifica con nostri volontari, abbiamo contattato il Comandante della Polizia Municipale, che ha dichiarato di non sapere dell’esistenza di questi allestimenti.

Abbiamo dunque chiamato telefonicamente il Corpo Forestale di Pontedera, che si è recato sul posto sabato 26: il Comandante ci ha però dichiarato che a loro avviso “non c’erano gli estremi per un intervento” e che non era nemmeno il caso di scomodare l’Asl, visto che gli animali “sembravano in buone condizioni fisiche”. A quel punto abbiamo contattato direttamente noi l’Asl 11 di Empoli, che per fortuna è prontamente intervenuta riscontrando quanto da noi segnalato e disponendo l’allontanamento dell’asino e del pony da quegli allestimenti precari. Non solo: nel corso delle verifiche sarebbe emerso che i proprietari non avevano alcuna autorizzazione a detenere animali esposti al pubblico in quei luoghi e addirittura pare che i due equidi non fossero correttamente identificati (controlli, a quanto pare, omessi dal Corpo Forestale).

Ringraziamo dunque l’Asl di Empoli e i cittadini che ci hanno fatto la segnalazione. Allo stesso tempo chiediamo agli amministratori locali e alla Polizia Municipale di essere maggiormente attenti al benessere animale e di intervenire di propria iniziativa in caso di attività non autorizzate e che peraltro potrebbero configurare l’ipotesi di maltrattamento.

I nostri auguri…

Un altro anno sta per finire ed è tempo di consuntivi. Più precisamente per questo sito web dedicato al nostro territorio è stato il secondo anno di attività. Un anno pieno di crescita e quindi anche di soddisfazioni, ancora di più considerando che il tempo e il lavoro che vi dedichiamo è tutto di volontariato e, dunque, senza alcun scopo di lucro.

La nostra sincera gratitudine è rivolta a tutti coloro che ci leggono ma, anche e soprattutto, a coloro che sono enti e associazioni, nonché privati cittadini,  che hanno collaborato con noi per  dare vita nel corso dell’anno 2014 ad oltre 600 articoli pubblicati  rappresentando una incredibile documentazione dedicata al luogo in cui viviamo.

 Auguriamo a tutti un sereno Natale ed un felice 2015.

La redazione

Lettera del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ai bambini di Montaione

regione-toscanaFirenze, 24 dicembre 2014
Agli alunni della Scuola Primaria di Montaione

Carissimi,
ho ricevuto dal Vostro Sindaco il biglietto di auguri e desidero ringraziarvi di cuore per il contributo che avete dato all’istituzione che più di tutte è vicina ai cittadini. Stiamo affrontando un momento non facile, ma il nostro compito è quello di lavorare per dare speranze al vostro futuro.

Vi auguro di trovare sotto l’albero ciò che desiderate e che possiate realizzare in ogni momento i vostri sogni che dovrebbero animare il nostro lavoro.
Portate i miei auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo ai vostri insegnanti e alle vostre famiglie.
Un abbraccio

Enrico Rossi

E’ uscito il numero 5 di Citt@diniNews

logocittadininews

E’ uscito il quinto numero di “Citt@diniNews”, la newsletter del Comune di Montaione. Citt@diniNews è inviata per posta elettronica agli utenti registrati ed è pubblicata anche sul sito del Comune di Montaione.
Per registrarsi a “Citt@diniNews” e ricevere la newsletter via email è sufficiente inserire il proprio nome/cognome ed il proprio indirizzo email nell’apposita sezione sull’home page del Comune.

Scarica CittadiniNews- 5-2014

Esposizione di Paolo Staccioli

20141218_081919Un prestigioso evento espositivo arricchisce il programma del Natale Montaionese. Per tutto il periodo delle feste natalizie, in Piazza della Repubblica sarà possibile ammirare l’opera Carri dell’artista toscano Paolo Staccioli. Collocata significativamente ai piedi del campanile della Chiesa di San Regolo, in una cornice già ricca delle suggestioni create dal nuovo sistema di illuminazione che anima di immagini proiettate le facciate della piazza, l’opera si compone di due unità scultoree in bronzo e corten, realizzate nel 2012.
Artista della materia, maestro di creazioni in ceramica, bronzo e rame, Paolo Staccioli è figura tra le più significative del panorama artistico nazionale, al quale sono state dedicate, tra le altre, importanti mostre in Italia, Stati Uniti e Cina.
L’esposizione di Carri a Montaione si collega alla più ampia mostra sull’artista, dal titolo Il viaggiatore immobile, che fino al 15 marzo sarà visitabile presso la sede della fabbrica Ciemmeci di Empoli. Il viaggiatore immobile è un progetto promosso dalla associazione culturale Téchne. Arti e culture dell’industria in Toscana, nel quadro di un più vasto programma di iniziative che si propone di riflettere sul rapporto tra territorio, industria e arte.
Insieme alla Regione Toscana, ai Comuni di Empoli e Castelfiorentino, il Comune di Montaione ha patrocinato l’evento, ed è lieto di esserne parte attiva ospitando l’opera Carri. Per questo l’Amministrazione esprime la propria gratitudine a Paolo Staccioli e all’Associazione Téchne, invitando tutti a soffermarsi di fronte all’opera e a non perdere l’occasione di visitare la mostra di Empoli.

Ci ha lasciato Don Francesco Gotti

Don Francesco Gotti
Don Francesco Gotti

Il Comune di Montaione annuncia con dolore la scomparsa di Don Francesco Gotti, parroco della Sughera. Nativo di Peccioli nel 1935, Francesco Gotti era giunto a Montaione da Volterra nei primi anni Sessanta, e da allora ha servito ininterrottamente la comunità montaionese svolgendo la sua azione pastorale anche nelle parrocchie di Alberi, Tonda, Mura e S. Stefano.

Alla Sughera negli anni Settanta fu artefice della costruzione dell’attuale chiesa a pianta ottagonale dedicata ai Santi Pietro e Cerbone, avvenuta in seguito alla demolizione della vecchia chiesa, irrimediabilmente segnata dal tempo e dalle calamità.

Oltre che per l’alto magistero di fede, la figura di Don Gotti è cara ai Montaionesi per la sua attività di animatore sociale e costruttore di comunità, esercitata instancabilmente soprattutto verso le giovani generazioni. Sia sufficiente ricordare al riguardo l’impegno appassionato nello sport come elemento di aggregazione e educazione giovanile: le squadre di calcio per i ragazzi e quelle di pallavolo per le ragazze, la costruzione del campo sportivo alla Sughera. I meno giovani rammenteranno senz’altro con commozione il pulmino con cui, anni addietro, quasi ogni giorno si recava personalmente a prendere, e poi riportare, i ragazzi a casa per condurli agli allenamenti. Non meno importante per la collettività è stata l’apertura e gestione del Circolo MCL della Sughera, portata avanti con passione fino agli ultimi suoi giorni.

Per questo e per molto altro, la comunità di Montaione è fortemente debitrice verso Don Gotti, e la sua scomparsa rappresenta un evento particolarmente doloroso. Nel tributargli l’ultimo saluto, l’Amministrazione Comunale è certa di interpretare il sentimento comune dicendo a Francesco Gotti un caloroso grazie.

In particolare il Sindaco Paolo Pomponi, si dice colpito e addolorato per la profonda amicizia che lo legava personalmente a Don Francesco, “una persona speciale di cui sentiremo a lungo la mancanza”.

La salma di Don Gotti giungerà oggi alle ore 15.00 presso la parrocchia della Sughera, dove per le 21.15 è prevista una veglia di preghiera. Le esequie domani, martedì 23, alle ore 10.00.

Le nuove Divise Sanitarie per i soccorritori della Misericordia di Montaione

diviseIn linea con i colori confederali delle Misericordie, giallo/ciano e rispettando le norme di sicurezza ed alta visibilità del soccorso, sono state fatte le nuove divise per tutti i Soccorritori che effettuano servizio sull’ambulanza di primo soccorso e supporto all’automedica e sull’ambulanza ordinaria.

–        Felpa 100 % cotone color ciano,
–        Maglia di cotone polo mezza manica color ciano, colletto e bordi gialli,
–        Maglia di cotone polo manica lunga color ciano, colletto e bordi gialli,

Felpe e Maglie con ricamo anteriore Misericordie e logo “Prendi a Cuore la Vita” e ricamo posteriore Misericordia Montaione,

–        Pantaloni alta visibilità, tessuto elasticizzato, color giallo/ciano
–        Giubbino doppio uso, estivo ed invernale, alta visibilità color giallo/ciano
–        Scarpe antinfortunistiche
–        Cappellini e cinture

Sono state acquistate inoltre le divise nuove per i Volontari del gruppo di Protezione Civile e sono stati dotati di maglia, giubbotto e gilet estivo i volontari dei servizi sociali con auto.

Alessio Gronchi