Adesione all’iniziativa “M’illumino di Meno”

thIl Comune di Montaione aderisce all’iniziativa della trasmissione di Rai Radio 2 “Caterpillar” “M’illumino di meno”, che si propone di sensibilizzare al risparmio energetico e all’utilizzo consapevole delle fonti rinnovabili. Per la sera e la notte di Venerdì 13 febbraio si terrà spenta una parte dei lampioni del centro storico, per una riduzione di circa il 30% dell’illuminazione pubblica.

Oltre all’azione simbolica della giornata, il Comune di Montaione da anni persegue politiche concrete di riduzione dell’energia consumata con interventi di efficientamento energetico sia nel campo dell’energia elettrica che in quello della produzione di calore, giungendo anche alla certificazione energetica ISO 14000 e 50000 come primo Comune in Italia.

Fonte: comunicato stampa del 12.02.2015
Link esterno: http://caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/

Ultimi aggiornamenti dalla pallavolo femminile UISP

di Irene Perrone

foto(9)Dopo la striscia positiva di tre vittorie collezionata nel 2014, le ragazze della pallavolo UISP aspettavano con ansia lo scontro al vertice contro l’ASD Olympia Certaldo (squadra al momento prima in classifica a punteggio pieno) che si sarebbe dovuta tenere venerdì 19 dicembre 2014.

La partita è stata però rimandata all’anno nuovo per mancanza di giocatrici nella squadra avversaria. La pausa natalizia di più di un mese non ha però portato bene alle montaionesi. Nella gara di lunedì 19 gennaio, tenutasi presso il Pala Aramini di Empoli, le nostre giocatrici hanno infatti perso nettamente per 3-0 contro l’ASD Doriana 1999 (ricordiamo che la gara di andata si era invece conclusa con una vittoria per 3-1).

Il match successivo si è fatto di nuovo attendere: la partita in programma per giovedì 22 gennaio contro l’ASD Olympia Certaldo è stata di nuovo rimandata per mancanza di giocatrici, questa volta nella squadra montaionese decimata dall’influenza. Lo scorso venerdì 30 gennaio le nostre ragazze si sono presentate cariche e con tanta voglia di rifarsi dopo l’ultima gara persa, ma questo non è bastato. Il match contro le giocatrici certaldesi si è concluso con un risultato netto di 3-0 in favore della squadra avversaria.

Adesso non resta altro che attendere l’esito dell’ultima gara in programma per giovedì 12 febbraio (salvo ulteriori imprevisti) per conoscere se la squadra montaionese riuscirà ad aggiudicarsi il secondo posto per poter così accedere allo spareggio contro le prime due squadre classificate nel girone UISP di Livorno.

 

 

Il libro e la trilogia di Amici miei

logocinemalibroPronti a divertirvi? Montaione propone un febbraio all’insegna della comicità toscana, quella più schietta e bella…quella di AMICI MIEI!

A partire da domenica 8 febbraio, infatti, presso il cinema teatro Scipione Ammirato di Montaione, si susseguiranno tre appuntamenti dedicati alla celebre trilogia di Amici Miei, curati dal circolo del cinema “Angelo Azzurro” in collaborazione con il Comune di Montaione.

L’iniziativa inizia domenica 8 febbraio alle 17:30, con la presentazione del libro “Caro Amici Miei”, scritto a quattro mani da Fabrizio Borghini e Jacopo Nesti, dell’associazione Toscana Cultura. Come suggerisce il titolo, il libro è dedicato al film, ai suoi personaggi, a Monicelli, ma in senso più ampio, è dedicato alla Firenze degli anni ’70 e più in generale alla toscanità ed alla comicità graffiante dei toscani, perché è proprio a queste che Mario Monicelli e Pietro germi si ispirarono quando diedero vita ad Amici Miei!

Abbiamo pensato che la presentazione di un libro, seppur interessante, non fosse sufficiente, e quindi ad essa seguirà la proiezione del film. Amici Miei Atto II e III saranno invece proiettati sabato 14 e sabato 21 febbraio.

Buona visione! E buon divertimento!
Scarica la locandina AMICI MIEI 2015 (pdf)

Fonte: Comune di Montaione

ASD Gelsomino ranch: medaglia di bronzo per l’equitazione western

nasco podio manerbio-1L’anno agonistico 2014 si è chiuso veramente con un grande successo da parte dell’Associazione Sportiva Gelsomino Ranch presso le FINALI NAZIONALI DI REINING A MANERBIO BRESCIA.

I nostri allievi si erano già distinti durante l’anno sia vincendo il TROFEO DI MONTA WESTERN organizzato dalla FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI / CONI sia vincendo il Campionato Toscano di Reining categoria OVER 50 NON PRO.

manerbio 14 premiazioneI meritati sacrifici hanno portato due allievi della nostra scuola FISE/CONI a rappresentare la Toscana alle NAZIONALI 2014 di MANERBIO, confrontandosi con oltre 400 cavalieri.

Andrea Salvadori in sella al suo “SAILOR MAJORETTE“ è riuscito a salire sul terzo gradino del podio aggiudicandosi la MEDAGLIA DI BRONZO.

nasco manerbio premiazione

Aurora Rossi in sella al “ CAPITANO “ è stata premiata come AMAZZONE PIU GIOVANE DI ITALIA (9 anni) DALLA RIVISTA “Cowboy Magazine“ nella categoria Under 13.premiaz. aury manerbio

Ovviamente, una soddisfazione enorme per la nostra Associazione, che nonostante operi in una piccola e modesta realtà è riuscita ad ottenere GRANDI risultati.

Fonte: ASD Gelsomino Ranch

IMU 2014 sui terreni agricoli. Si paga

Per l’IMU 2014 il recente Decreto in materia prevede una clausola di tutela che salvaguarda le esenzioni definite dal precedente Decreto del 28 novembre 2014, basate sulla suddivisione dei comuni secondo tre fasce di altitudine (0-280m, 281-600m e oltre 600m), come confermato anche dal comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 46 del 23/01/2015.

In sostanza chi era esente secondo il criterio dell’altitudine resta esente per il 2014, anche alla luce della nuova classificazione e nulla dovrà versare alla scadenza del 10 febbraio. Questo significa che nei comuni toscani compresi tra 281 e 600m di altitudine come Montaione per il 2014 resta l’esenzione per imprenditori agricoli e coltivatori diretti, i quali non devono versare l’IMU alla scadenza del 10 febbraio. Tutti gli altri, non esenti, devono pagare entro il 10 febbraio.

Per l’IMU 2015 (che si pagherà a giugno e dicembre 2015) invece Montaione è stato classificato, secondo nuovi criteri, tra i Comuni NON MONTANI. Quindi tutti dovranno pagare. Anche gli imprenditori agricoli e coltivatori diretti.

Altre informazioni su:
http://www.comune.montaione.fi.it/index.php/iuc-imposta-unica-comunale.html
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-01-23/imu-agricola-cdm-fissa-nuovi-criteri-esenzione-totale-3456-comuni-155536.shtml?uuid=ABc8fziC

Lettera dell’Amministrazione Comunale a Il Tirreno

Pubblichiamo il testo intero della lettera scritta dal nostro sindaco Paolo Pomponi alla testata giornalistica “Il Tirreno”, a seguito dell’articolo uscito sullo stesso giornale e che tramite somme di voci non corrette faceva risultare in modo assurdo Montaione il comune più tassatore dell’Empolese-Valdelsa.
Vedi anche il comunicato della stessa amministrazione comunale dove si contestano e si correggono gli stessi dati.

Egregio Direttore Dott. Chiorazzo,
è con grande amarezza che, come Le ho anticipato telefonicamente lunedì, Le manifesto l’incredulità, mia personale e di tutta l’Amministrazione Comunale di Montaione, per la leggerezza con cui lunedì 19, il suo giornale ha sbattuto in prima pagina (edizione locale di Empoli) il nome di Montaione come Comune “super tassatore”.
Come Le ho già manifestato, la presunta “indagine giornalistica” (ci vuole coraggio a definirla tale) presenta in modo distorto una serie di dati prelevati da una piattaforma informatica, senza alcuna analisi critica o “riclassificazione” degli stessi, con il risultato di dare una rappresentazione non conforme alla realtà circa l’effettiva pressione tributaria comunale cui sottostanno i cittadini montaionesi.
In relazione ai tributi comunali, Montaione è il comune dell’Unione dell’Empolese Valdelsa con le aliquote fra le più basse, se non le più basse (cosa facilmente verificabile con una “indagine giornalistica” seria, che magari necessita di un po’ più di tempo e passione giornalistica per informare i lettori in modo serio, corretto, trasparente). E non è necessario essere esperti di statistica per capire che se le aliquote di un Comune (come pure le rendite catastali su cui si calcola l’IMU) sono più basse che in altri, è poi difficile che i cittadini di quel Comune siano vessati per il doppio o il triplo come emerge dal Vostro articolo. E guardi che questo vale, a Montaione, sia per i cittadini residenti (parametro di riferimento della Vostra “indagine”) che per le attività produttive.
Credo che una volta completato il lavoro, un giornalista serio e preparato forse si sarebbe potuto domandare se qualcosa non andava. Ritenere possibile che a Montaione si paghi il triplo rispetto al poggio di fronte, Montespertoli, forse qualche dubbio poteva generarlo e con una semplice telefonata forse si sarebbe potuto evitare di rappresentarci, come non siamo, i “super tassatori”.
In allegato Le trasmetto un comunicato che diffonderemo, con il quale intendiamo evidenziare la distorsione dei fatti prodotta dal Vostro articolo, e quindi “rimediare” al danno di immagine quasi irreparabile causatoci (a distanza di due giorni, se lo rileggo la mia indignazione se possibile aumenta).
Sono quindi a chiederLe come atto minimio riparatorio di concederci lo stesso spazio nella stessa prima pagina dell’edizione locale per pubblicare questa mia missiva, e il nostro comunicato (sinceramente mi aspetterei anche delle scuse, e non piuttosto un commento con cui, arrampicandosi sugli specchi, si cerchi di riaffermare la validità inesistente di una “indagine” veramente poco professionale).
In attesa di un Suo cortese riscontro, La informo che sia io personalmente, che i competenti uffici del Comune, siamo a disposizione per qualsiasi eventuale chiarimento.

Cordialità.
Il Sindaco
Paolo Pomponi

Fonte: Comune di Montaione

Tasse super a Montaione, anzi no: è tra quelli con l’imposizione complessiva meno elevata

“Tasse super a Montaione, tre i Comuni low cost”. Così titolava un articolo apparso su “Il Tirreno” il 19 gennaio, con il quale si intendeva dare la misura della “pressione fiscale dei sindaci” nell’Empolese Valdelsa, e mettere a confronto quelli più “clementi” con quelli più “tassatori”. A corredo dell’articolo, una tabella metteva in fila i Comuni secondo la presunta tassazione media pro capite, e si poteva osservare che il valore medio del Comune al primo posto – Montaione – risulta quasi il doppio di quello del Comune al secondo posto – Gambassi Terme – e tre volte tanto quello del Comune all’ultimo posto – Montespertoli.

Già queste differenze avrebbero forse dovuto suggerire prudenza e far venire qualche dubbio circa la correttezza della metodologia seguita nella lettura e analisi dei dati forniti. In un territorio sotto molti punti di vista omogeneo come l’Empolese Valdelsa, che un Comune tassi i propri residenti il triplo di un altro, è poco credibile, o almeno avrebbe dovuto indurre a porsi qualche domanda in più e ad approfondire l’indagine.
Già, perché il limite dell’articolo in questione è proprio questo, l’approssimazione e i presupposti metodologici non propriamente corretti. Ma vediamo di andare con ordine.

Anzitutto la fonte. L’articolo prende a base la banca dati Siope della Banca d’Italia, che registra i movimenti di cassa dei Comuni. Di cassa per l’appunto, non di competenza. Questo significa che alle entrate complessivamente registrate in un anno concorrono anche importi relativi ad esercizi precedenti. Invero l’articolo riporta questa avvertenza, ma poi non se ne cura più di tanto quando con disinvoltura suddivide il totale delle entrate di cassa 2014 (con esclusione dell’imposta di soggiorno e del fondo di solidarietà comunale, “in quanto non richiesti ai residenti”) per il numero dei residenti, ritenendo così di calcolare la tassazione media pro capite dei Comuni.

Fra i limiti della banca dati SIOPE si rileva anche un errore di classificazione di una rilevante quota dei trasferimenti statali (circa 500.000 euro) ricompresi fra “altri tributi speciali ed altre entrate tributarie proprie” anziché nel “fondo di solidarietà comunale” che contribuisce a far lievitare il “totale tasse pro-capite”.
Ma è su un altro punto che si registra l’approssimazione più vistosa, laddove si istituisce un rapporto (aritmetico) tra elementi non omogenei. Nell’ammontare complessivo delle entrate tributarie considerate per calcolare la pressione media pro capite, l’articolo include anche imposte come Tares, Imu e Tari, che gravano in misura rilevante sugli immobili a scopo produttivo, e molto meno, in valore assoluto, su quelli residenziali. Rapportare quindi l’entrata tributaria complessiva, alla popolazione residente, senza operare le dovute distinzioni, significa fornire una visione distorta della realtà.

Per chiarire il ragionamento, se un Comune ha molte attività produttive (quindi un alto gettito da Tares, Imu e Tari) e pochi residenti, il semplice rapporto gettito/residenti sarà elevato. Nel Comune che presenti invece la situazione inversa, il rapporto sarà molto inferiore, senza però che questo chiami in causa la volontà impositiva di una Amministrazione nei confronti dei propri residenti, né tantomeno implichi che risiedere in quel Comune si fiscalmente meno costoso.

L’esempio concreto di Montaione illustra bene la questione: senza contare altri tipi di attività produttive, a Montaione operano oltre 100 aziende turistico ricettive (con oltre 3000 posti letto), gran parte delle quali di proprietà di non residenti. Se si divide il gettito Tares, Imu e Tari, proveniente da tali attività, per la popolazione residente, non si ottiene un indice della “pressione fiscale del Sindaco”, si è solo fatto un grossolano errore di metodo e cattiva informazione.
Oltretutto – sia detto per inciso – le aliquote Tari sono uguali per tutti i Comuni dell’area, quindi a parità di condizioni esse pesano dovunque allo stesso modo nel territorio; mentre per l’Imu sugli immobili non residenziali, le aliquote di Montaione sono certamente tra le più contenute dell’Empolese Valdelsa, accompagnate da rendite catastali mediamente più basse.

In un momento così difficile da un punto di vista economico e sociale, nel quale è giustamente molto alta l’attenzione dell’opinione pubblica verso le politiche fiscali, sia centrali che periferiche, ed è d’altra parte doverosa la più ampia trasparenza e informazione in merito ad opera
della pubblica amministrazione, articoli siffatti non solo non aiutano a fare chiarezza, ma contribuiscono a generare grossi equivoci. Dagli organi di stampa ci si attende certo che facciano inchieste, informino i cittadini, e agiscano da formatori della pubblica opinione. Ma ci si attende anche che lo facciano con senso di responsabilità e discernimento.
La pressione fiscale esercitata da un Comune sui propri residenti, si misura soprattutto dall’addizionale comunale Irpef, dalla Tasi sull’abitazione principale e dalla tassa sui rifiuti, per altro, anche questa, uguale in tutti i Comuni dell’area. Se lo scopo del giornale era di fare un raffronto sulla pressione fiscale nei vari Comuni del territorio, sarebbe stato utile cercare (e reperire facilmente attraverso le delibere) soprattutto questo tipo informazioni. Avrebbe così offerto un’informazione più puntuale, accurata ed esaustiva ai propri lettori. E avrebbe anche scoperto che Montaione, lungi dall’essere il Comune “più tassatore”, è tra quelli con l’imposizione complessiva meno elevata.

Fonte: Comune di Montaione

Vedi anche la lettera dell’amministrazione comunale a Il Tirreno

Brevetto Beccari a Roma

Giuseppe Beccari nacque a Montaione il 22 settembre 1862 da Angiolo e Assunta Gennai, abitava fuori Porta Pisana o Piccina, nella casa fuori le mura e ad essa attaccata, casa distrutta dalle mine tedesche nell’ultima guerra e poi ricostruita.

Cento anni fa il montaionese Giuseppe Beccari ideò le celle zimotermiche per trasformare le spazzature delle città in concime per l’agricoltura. Un sistema tutto al naturale e gli impianti da lui brevettati, furono realizzati nei Comuni della Valdelsa, poi della Provincia di Firenze, quindi della Toscana, dell’Italia per continuare con Grecia, Francia, Inghilterra e Stati Uniti d’America.

Un nostro attento lettore di Roma ha notato vicino a casa sua (sulla collina del Celio) e per l’esattezza nel parco della chiesa di San Gregorio una palazzina ancora in ottime condizioni che riporta la scritta “Brevetto Beccari – Cabina di Fermentazione”.

L’edificio si presenta come una palazzina composta da piano terra e primo piano, raggiungibile tramite una scala esterna. Apparentemente sono stati ricavati dei locali abitabili.

Il Beccari  è stato il primo a dare una soluzione alle spazzature delle città, con oltre un secolo di vantaggio  sugli attuali che credono di aver inventato il recupero degli avanzi. Qui a Roma si tratta del recupero della cella zimotermica o di fermentazione Beccari, forse l’unica rimasta. La forma è proprio quella con le due porte per il recupero, in questo caso sulla parte superiore è stata tolta la torretta e rialzato un  piano che si distingue bene, e con l’aggiunta di una scala esterna.

Un sentito ringraziamento al Sig. Marchiori per la segnalazione, che costituisce una testimonianza importante per la storia del nostro concittadino montaionese.

Per approfondimenti, leggere anche l’opera:
Giuseppe Beccari – Un montaionese antesignano rel recupero dei rifiuti urbani (pdf)

beccari001
Il progetto di Beccari
beccari002
Roma. Il progetto Beccari trasformato in una palazzina.
La scritta BREVETTO BECCARI CAMERA DI FERMENTAZIONE
La scritta BREVETTO BECCARI CAMERE DI FERMENTAZIONE davanti alla palazzina

 

Recensione “Spoglia di sillabe”, di Aurora Coppola

280_0_4538201_458062[1]L’autrice di questo libro Aurora Coppola è originaria di Montaione . La mamma vive nella frazione Le Mura. Aurora è intenzionata dopo anni di residenza a Dublino a tornare a vivere a Montaione.

Titolo: Spoglia di Sillabe
Autore: Aurora Coppola
Collana: Tracciare Spazi
Pagine: 52
Prezzo: 11,50
Ebook: 5,49
Isbn: 9788868543815

Immergersi con tanta dedizione nell’esistenza fino a perdersi quasi nel suono di pensieri e trasformare questo suono in parole che segnano immancabilmente il percorso emotivo, fino a ritrovarsi nudi, spogli di tutti, eppure ricchi, puri.
Ecco quello che ha fatto Aurora Coppola nella sua prima silloge, Spoglia di sillabe, una raccolta nella quale l’autrice si lascia trascinare dalla forza della vita per estrapolarne il midollo, raggiungere la sua essenza.
D’altronde è alla poesia di matrice irlandese che fa costantemente e sottile riferimento, alla petrosità di Yeats, alla polisemicità di Beckett alla spigolosità di Joyce, e su questi ben pasciuti campi fa crescere una scrittura diretta, rocciosa e fiera.
Sinestesie, rime baciate, accostamenti ossimorici, incontri (in apparenza) casuali tra le sillabe, accompagnano lo scorrere dei versi, l’andare fluido nel profondo dell’inconscio.

Aurora Coppola, toscana d’origine ma irlandese d’adozione vive a Dublino dove ha approfondito le letture in lingua orginale di Beckett, Joyce e Yeats e studiato la tecnica delle Limericks. Per i propri componimenti attinge maggiormente dalla letteratura contemporanea di lingua inglese e francese. Aurora utilizza varie tecniche di scrittura per le sue rime (dalla classica baciata alla più libera) facendo uso del suo backround musicale a seguito di anni passati ad esercitarsi e a suonare batteria e percussioni in vari gruppi emergenti italiani e stranieri.

Per il New York Post c’è anche Castelfalfi tra le 8 più belle ville del mondo

villaibianchiIl New York Post, nella sua edizione online, ha annoverato una villa di Castelfalfi tra i posti nel mondo più degni di essere visitati.

http://nypost.com/2015/01/12/the-8-most-luxurious-new-villas-to-visit-this-year/

Traduzione per i non anglofili…

Non è cosa da tutti i giorni riuscire ad essere ospitati in un villaggio toscano di 800 anni fa, sebbene sia stato trasformato in un raffinato resort completo di un hotel a cinque stelle, un campo di golf, un circolo sportivo, spa, negozi e diverse ville sparse negli oltre 1000 ettari della proprietà.

Una di queste ville è stata completamente ricostruita: è il Casale I Bianchi, di oltre 2000 metri quadri, con cinque camere, molti camini, una piscina privata e – in modo da essere come Gwyneth Paltrow – un forno a legna esterno per la pizza.

Il resort riaprirà a metà Marzo, con tariffe settimanali a partire da circa 10.000 dollari (dal 16 al 31 Marzo) e fino a 15.400 dollari per l’alta stagione (da Aprile a metà Settembre).

Suonate la cetra con arte

suonatecetraÈ uscito il nuovo fascicolo “Suonate la cetra con arte” che raccoglie una serie di proposte per la liturgia delle ore, introdotte da un sunto delle indicazioni tecniche che vengono date durante un corso di base.

Gli argomenti  principali trattati sono i seguenti: conoscenza delle particolarità della cetra, impostazione delle due mani, postura, smorzamento, repertorio, principi di accompagnamento del canto e della salmodia, ricerca del suono, accordatura.

“Queste pagine sono nate quasi per gioco, nel tentativo di mettere per iscritto tutti quegli argomenti che vengono trattati durante un corso di base. L’intento non è quello di fornire un manuale (strumento che ritengo non funzionale allo studio della musica), ma alcune schede riassuntive che gli studenti possano portare a casa dopo un corso, per ritrovare, riportate in modo chiaro e schematico, tutte quelle spiegazioni che hanno ascoltato: spesso, infatti, i corsi sono così intensi e le informazioni così concentrate che risulta difficile memorizzarle per intero.

Sono assolutamente convinta che soltanto la presenza di un insegnante può trasmettere la pratica viva di uno strumento ed è per questo che non ho mai pensato di scrivere un manuale.

Queste schede, pertanto, sono del tutto insufficienti per imparare a suonare, ma credo siano utili ad affiancare il lavoro che svolgiamo durante un corso di primo livello, servendo da memorandum, esatto e non esauriente, degli argomenti che si affrontano” (Dall’Introduzione).

Per informazioni 0571 69482.
Fraternita’ di Maria Immacolata Madre – Oasi Cuore Immacolato di Maria
50050 Iano Montaione (FI) – Tel. 348 9524993

Un saluto da Leoni

di Maurizio Volpi, tratto da Vita di Comunità n.727

dongotti
don Francesco Gotti

Martedì mattina sono andato a Sughera per il funerale di don Francesco. Poco prima della chiesa, su un muro di cemento armato che sostiene un argine, ho visto una frase scritta con la bomboletta spray rossa. Penso che l’abbiano notata in tanti: «20/12/2014 Ciao Priore Hic Sunt Leones». È un saluto che qualcuno ha voluto lasciare lì, vicino ai due campi sportivi che il «priore della Sughera» aveva costruito agli inizi degli anni Settanta per i «ragazzi del 64», come ha ricordato alla fine della messa un amico e collaboratore di don Francesco, visibilmente commosso. Di fatto, molti di quei ragazzi – oggi cinquantenni – erano presenti a quella celebrazione per dire grazie a un prete che trent’anni fa, in un contesto certamente poco stimolante dal punto di vista sociale, attraverso lo sport, ha saputo offrire una preziosa opportunità per valorizzare al meglio la loro giovane vita. La riconoscenza non è una virtù da poco.

Ritornando alla scritta devo dire che mi ha subito incuriosito, non solo per quelle insolite parole in latino, ma soprattutto perché ha smosso dentro di me pensieri che ora proverò a raccontarvi. Anzitutto mi sono chiesto che senso avessero quelle parole proprio lì sul quel muro: non riuscivo cioè a capire il collegamento con don Francesco. Poi ho saputo che hanno a che fare con un’associazione sportiva: è il nome di un’associazione di calcetto a 5. C’è anche un sito Internet. Da perfetto ignorante in materia, non ci sarei mai arrivato. Ma intanto avevo già cominciato a rimuginare su quell’espressione latina che conoscevo. Per chi non sapesse di cosa si tratta, dico due parole sull’origine di questa frase. Hic sunt leones (“qui ci sono i leoni”) è una frase che si poteva trovare nelle antiche carte geografiche in corrispondenza di quei territori non ancora scoperti o esplorati dell’Africa e dell’Asia. Era dunque sinonimo di realtà sconosciuta, inesplorata. Non si sapeva cosa si trovasse in quelle terre, a parte il fatto che fossero abitate da bestie feroci alle quali era bene prestare attenzione. Il significato originario è questo. È vero che Sughera è un posto un po’ fuori mano, ma fino a questi punti mi sembra eccessivo.

A me è venuto da collegare quelle parole alla vita di don Francesco. Come lui stesso qualche volta ha raccontato, quando a trent’anni arrivò a Sughera con la strada tutta poggi e buche, senza luce e senz’acqua, con l’ironia di cui non era mai sprovvisto, potrebbe davvero aver pensato: hic sunt leones! Ma dove sono capitato! Come d’altra parte immagino sarà successo ad altri preti vissuti in certi posti intorno alla prima metà del Novecento. Di fatto egli dovette rimboccarsi le maniche per affrontare una condizione logistica davvero poco rassicurante. Poi, dopo una decina d’anni passati lì, la vecchia chiesa andò in rovina e fu necessario costruirne una nuova, che è quella attuale. Poi, un secondo pensiero mi è andato al suo temperamento piuttosto determinato, che talvolta lo ha condotto a vivere una certa condizione di “marginalità” rispetto alla realtà diocesana. E tuttavia in tali circostanze non si è mai isolato dagli altri e non è mai venuta meno la capacità di vivere le relazioni. Lo provano le numerose attestazioni di rispetto e di stima nei suoi confronti, emerse soprattutto in questi ultimi tempi della malattia. Tante persone, anche quelle definite (chissà poi perché?) “lontane” dalla Chiesa, sono state raggiunte in qualche modo dalla sua testimonianza di uomo e di prete. Sono certo che in tanti hanno potuto scorgere nel suo sguardo un pezzetto di “cielo”: d’altra parte il colore degli occhi lo metteva in una posizione di netto vantaggio! E il suo sguardo non era mai vuoto o superficiale. Perciò mi viene da pensare soprattutto alla sua vita spirituale, alla sua relazione con il Signore e tramite Lui, con le persone che l’hanno conosciuto. Come ogni esistenza umana, anche la sua ha custodito una parte di “mistero”, una zona “inesplorata” in cui nessuno ha mai messo piede e che soltanto il Signore della Vita ha conosciuto e apprezzato.

Anche per questo si potrebbe dire: hic sunt leones. Comunque sia, ringrazio chi ha scritto quel saluto sul muro, perché mi ha consentito di stare un poco in comunione con la vita di questo fratello sacerdote. E di pensare che la nostra esistenza umana e cristiana è chiamata a seminare qualche traccia di Luce dietro di sé, che possa servire al cammino di quelli che abbiamo lasciato e di quelli che verranno dopo: «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno» (Ebrei 13,8).

Ripartono i campionati del settore giovanile

Dopo la sosta natalizia ripartono i campionati del nostro settore giovanile per il fine settimana del 10-11 gennaio 2015.
Calendario:
Campionato juniores provimciali MONTAIONE – SAN GIUSTO LE BAGNESE MONTAIONE STADIO COM.LE 10/01/15 18:00

Campionato allievi provinciali GIOVANI CALCIO VINCI – C.G. AURORA MONTAIONE
COM.LE RIPALTA VINCI 10/01/15 15:00

Campionato giovanissimi provinciali C.G. AURORA MONTAIONE VIRTUS GAMBASSI TERME
MONTAIONE STADIO COM.LE 10/01/15 16:15

Campionato esordienti a 11 2002 LIMITE E CAPRAIA A.S.D. – C.G. AURORA MONTAIONE MAURO CECCHI 11/01/15 9:30

Campionato esordienti a 9 2003 C.G. AURORA MONTAIONE – VIRTUS GAMBASSI TERME
MONTAIONE STADIO COM.LE 11/01/15 11:00

Campionato pulcini a 6 II anno PROGRESSO MONTELUPO – C.G. AURORA MONTAIONE
MONTELUPO F/TURBONE VIA PESA 10/01/15 15:00

Si passa da Gambassi e dopo un po’ c’è Montaione

“Si passa da Gambassi e dopo un po’ c’è Montaione” qualcuno dirà che lo sapeva di già. Ma sapeva anche che si sta parlando di Roma?

Eh sì. A Roma abbiamo trovato Largo Gambassi ed alla fine di Largo Gambassi inizia proprio Via Montaione. Un Istituto di istruzione superiore, i carabinieri, un’autorimessa, diversi, parrucchieri, un noleggio auto, una banca, ecc. Insomma, in via Montaione ci abitano, lavorano e vanno a scuola molte persone; la via è lunga e densa di palazzi…chissà forse ci sono più abitanti qui che nel corrispondente Comune nostro.
Nel cartello (prima foto) c’è scritto: “Montaione. Comune della Toscana”.

A questi punti però, a parte la sorpresa, ci sorge – ironicamente – un dubbio: nel caso di fusione tra Montaione e Gambassi Terme, ci sarebbe anche la fusione tra le due vie di Roma?

Carabinieri in Montaione...
I Carabinieri di Via Montaione.
Sulla sinistra Villa Serena?
Via Montaione a Roma. Sulla sinistra è Villa Serena…?

 

La fine di Largo Gambassi e l'inizio di Via Montaione
La fine di Largo Gambassi sulla destra e l’inizio di Via Montaione
Istituto di scuola superiore "Pacinotti-Archimede"
L’Istituto di scuola superiore “Antonio Pacinotti” di Via Montaione

 

Inventario di fine anno 2014…

Anche per questo sito è tempo di tirare le somme.
Nel 2014 il sito Montaione.NET è stato visitato da 16.764 visitatori totali per un totale di 38.274 pagine lette.
Pertanto rispetto al 2013 i visitatori così come le pagine lette sono triplicati.
Gli articoli pubblicati nel 2014 sono stati 618.
La quasi totalità dei lettori sono italiani, seguiti da americani e francesi.
Continuate a seguirci…abbiamo ancora tante altre idee!
Vi ricordiamo che pubblicare su Montaione.NET è semplice, veloce e gratuito.
Un grazie veramente di cuore a tutti i lettori e tutti quanti contribuiscono ad inviarci puntualmente notizie.

Buon Montaione a tutti!

La redazione

Risultati del nostro sondaggio sulla chiusura del centro scolastico al traffico

sondaggio

Sondaggio iniziato il 10/11/2014 e terminato il 31/12/2014 alle 23:59. Il quesito è stato:
Alcune precise ore del giorno, quando i due piazzali scolastici sono il luogo di maggiore concentrazione di anidride carbonica del capoluogo, contemporaneamente sono anche le ore maggiormente frequentate da individui in giovane età. In più, muoversi in uno spazio delimitato e fortemente transitato da autoveicoli può costituire un pericolo per bambini e genitori. Saresti favorevole alla chiusura totale del centro scolastico al traffico?

I votanti sono stati in tutto 89. Le risposte “Sì” sono state 81 mentre i “No” sono stati 8. Grazie a tutti i nostri lettori che hanno espresso il loro voto.

91% favorevole alla chiusura
9% contrario alla chiusura

 

Liberati l’asino e il pony esposti a San Miniato

20141226 S.Miniato-asinoA seguito delle segnalazioni indignate di alcuni cittadini, alla vigilia di Natale apprendevamo che un asino e un pony erano stati posti in due differenti allestimenti natalizi nel Comune di San Miniato: isolati e perennemente chiusi in spazi ristretti, a detta dei proprietari sarebbero rimasti lì fino alla befana. Entrambi manifestavano segni di insofferenza ed estremo disagio, come si vede ad esempio in questo VIDEO:

https://www.youtube.com/watch?v=NHn2GayF2-4&feature=youtu.be

Ricordiamo che gli equidi, per le loro caratteristiche etologiche, dovrebbero avere sempre ampi spazi a disposizione dove muoversi liberamente e dovrebbero vivere in compagnia dei loro simili, essendo animali fortemente sociali. Dopo aver fatto una prima verifica con nostri volontari, abbiamo contattato il Comandante della Polizia Municipale, che ha dichiarato di non sapere dell’esistenza di questi allestimenti.

Abbiamo dunque chiamato telefonicamente il Corpo Forestale di Pontedera, che si è recato sul posto sabato 26: il Comandante ci ha però dichiarato che a loro avviso “non c’erano gli estremi per un intervento” e che non era nemmeno il caso di scomodare l’Asl, visto che gli animali “sembravano in buone condizioni fisiche”. A quel punto abbiamo contattato direttamente noi l’Asl 11 di Empoli, che per fortuna è prontamente intervenuta riscontrando quanto da noi segnalato e disponendo l’allontanamento dell’asino e del pony da quegli allestimenti precari. Non solo: nel corso delle verifiche sarebbe emerso che i proprietari non avevano alcuna autorizzazione a detenere animali esposti al pubblico in quei luoghi e addirittura pare che i due equidi non fossero correttamente identificati (controlli, a quanto pare, omessi dal Corpo Forestale).

Ringraziamo dunque l’Asl di Empoli e i cittadini che ci hanno fatto la segnalazione. Allo stesso tempo chiediamo agli amministratori locali e alla Polizia Municipale di essere maggiormente attenti al benessere animale e di intervenire di propria iniziativa in caso di attività non autorizzate e che peraltro potrebbero configurare l’ipotesi di maltrattamento.

I nostri auguri…

Un altro anno sta per finire ed è tempo di consuntivi. Più precisamente per questo sito web dedicato al nostro territorio è stato il secondo anno di attività. Un anno pieno di crescita e quindi anche di soddisfazioni, ancora di più considerando che il tempo e il lavoro che vi dedichiamo è tutto di volontariato e, dunque, senza alcun scopo di lucro.

La nostra sincera gratitudine è rivolta a tutti coloro che ci leggono ma, anche e soprattutto, a coloro che sono enti e associazioni, nonché privati cittadini,  che hanno collaborato con noi per  dare vita nel corso dell’anno 2014 ad oltre 600 articoli pubblicati  rappresentando una incredibile documentazione dedicata al luogo in cui viviamo.

 Auguriamo a tutti un sereno Natale ed un felice 2015.

La redazione

Lettera del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ai bambini di Montaione

regione-toscanaFirenze, 24 dicembre 2014
Agli alunni della Scuola Primaria di Montaione

Carissimi,
ho ricevuto dal Vostro Sindaco il biglietto di auguri e desidero ringraziarvi di cuore per il contributo che avete dato all’istituzione che più di tutte è vicina ai cittadini. Stiamo affrontando un momento non facile, ma il nostro compito è quello di lavorare per dare speranze al vostro futuro.

Vi auguro di trovare sotto l’albero ciò che desiderate e che possiate realizzare in ogni momento i vostri sogni che dovrebbero animare il nostro lavoro.
Portate i miei auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo ai vostri insegnanti e alle vostre famiglie.
Un abbraccio

Enrico Rossi

E’ uscito il numero 5 di Citt@diniNews

logocittadininews

E’ uscito il quinto numero di “Citt@diniNews”, la newsletter del Comune di Montaione. Citt@diniNews è inviata per posta elettronica agli utenti registrati ed è pubblicata anche sul sito del Comune di Montaione.
Per registrarsi a “Citt@diniNews” e ricevere la newsletter via email è sufficiente inserire il proprio nome/cognome ed il proprio indirizzo email nell’apposita sezione sull’home page del Comune.

Scarica CittadiniNews- 5-2014

Esposizione di Paolo Staccioli

20141218_081919Un prestigioso evento espositivo arricchisce il programma del Natale Montaionese. Per tutto il periodo delle feste natalizie, in Piazza della Repubblica sarà possibile ammirare l’opera Carri dell’artista toscano Paolo Staccioli. Collocata significativamente ai piedi del campanile della Chiesa di San Regolo, in una cornice già ricca delle suggestioni create dal nuovo sistema di illuminazione che anima di immagini proiettate le facciate della piazza, l’opera si compone di due unità scultoree in bronzo e corten, realizzate nel 2012.
Artista della materia, maestro di creazioni in ceramica, bronzo e rame, Paolo Staccioli è figura tra le più significative del panorama artistico nazionale, al quale sono state dedicate, tra le altre, importanti mostre in Italia, Stati Uniti e Cina.
L’esposizione di Carri a Montaione si collega alla più ampia mostra sull’artista, dal titolo Il viaggiatore immobile, che fino al 15 marzo sarà visitabile presso la sede della fabbrica Ciemmeci di Empoli. Il viaggiatore immobile è un progetto promosso dalla associazione culturale Téchne. Arti e culture dell’industria in Toscana, nel quadro di un più vasto programma di iniziative che si propone di riflettere sul rapporto tra territorio, industria e arte.
Insieme alla Regione Toscana, ai Comuni di Empoli e Castelfiorentino, il Comune di Montaione ha patrocinato l’evento, ed è lieto di esserne parte attiva ospitando l’opera Carri. Per questo l’Amministrazione esprime la propria gratitudine a Paolo Staccioli e all’Associazione Téchne, invitando tutti a soffermarsi di fronte all’opera e a non perdere l’occasione di visitare la mostra di Empoli.

Ci ha lasciato Don Francesco Gotti

Don Francesco Gotti
Don Francesco Gotti

Il Comune di Montaione annuncia con dolore la scomparsa di Don Francesco Gotti, parroco della Sughera. Nativo di Peccioli nel 1935, Francesco Gotti era giunto a Montaione da Volterra nei primi anni Sessanta, e da allora ha servito ininterrottamente la comunità montaionese svolgendo la sua azione pastorale anche nelle parrocchie di Alberi, Tonda, Mura e S. Stefano.

Alla Sughera negli anni Settanta fu artefice della costruzione dell’attuale chiesa a pianta ottagonale dedicata ai Santi Pietro e Cerbone, avvenuta in seguito alla demolizione della vecchia chiesa, irrimediabilmente segnata dal tempo e dalle calamità.

Oltre che per l’alto magistero di fede, la figura di Don Gotti è cara ai Montaionesi per la sua attività di animatore sociale e costruttore di comunità, esercitata instancabilmente soprattutto verso le giovani generazioni. Sia sufficiente ricordare al riguardo l’impegno appassionato nello sport come elemento di aggregazione e educazione giovanile: le squadre di calcio per i ragazzi e quelle di pallavolo per le ragazze, la costruzione del campo sportivo alla Sughera. I meno giovani rammenteranno senz’altro con commozione il pulmino con cui, anni addietro, quasi ogni giorno si recava personalmente a prendere, e poi riportare, i ragazzi a casa per condurli agli allenamenti. Non meno importante per la collettività è stata l’apertura e gestione del Circolo MCL della Sughera, portata avanti con passione fino agli ultimi suoi giorni.

Per questo e per molto altro, la comunità di Montaione è fortemente debitrice verso Don Gotti, e la sua scomparsa rappresenta un evento particolarmente doloroso. Nel tributargli l’ultimo saluto, l’Amministrazione Comunale è certa di interpretare il sentimento comune dicendo a Francesco Gotti un caloroso grazie.

In particolare il Sindaco Paolo Pomponi, si dice colpito e addolorato per la profonda amicizia che lo legava personalmente a Don Francesco, “una persona speciale di cui sentiremo a lungo la mancanza”.

La salma di Don Gotti giungerà oggi alle ore 15.00 presso la parrocchia della Sughera, dove per le 21.15 è prevista una veglia di preghiera. Le esequie domani, martedì 23, alle ore 10.00.

Le nuove Divise Sanitarie per i soccorritori della Misericordia di Montaione

diviseIn linea con i colori confederali delle Misericordie, giallo/ciano e rispettando le norme di sicurezza ed alta visibilità del soccorso, sono state fatte le nuove divise per tutti i Soccorritori che effettuano servizio sull’ambulanza di primo soccorso e supporto all’automedica e sull’ambulanza ordinaria.

–        Felpa 100 % cotone color ciano,
–        Maglia di cotone polo mezza manica color ciano, colletto e bordi gialli,
–        Maglia di cotone polo manica lunga color ciano, colletto e bordi gialli,

Felpe e Maglie con ricamo anteriore Misericordie e logo “Prendi a Cuore la Vita” e ricamo posteriore Misericordia Montaione,

–        Pantaloni alta visibilità, tessuto elasticizzato, color giallo/ciano
–        Giubbino doppio uso, estivo ed invernale, alta visibilità color giallo/ciano
–        Scarpe antinfortunistiche
–        Cappellini e cinture

Sono state acquistate inoltre le divise nuove per i Volontari del gruppo di Protezione Civile e sono stati dotati di maglia, giubbotto e gilet estivo i volontari dei servizi sociali con auto.

Alessio Gronchi

Montaione si illumina a festa

FullSizeRenderMontaioneE’ un’atmosfera assolutamente inedita quella in cui si svolgeranno le feste di Natale a Montaione quest’anno: una magia di luci, immagini e colori anima e avvolge parte del Centro Storico del capoluogo.madonnina3 Per iniziativa del Comune di Montaione e di Toscana Resort Castelfalfi, un gioco fatto di luci, di immagini fisse e in movimento proiettate su facciate e luoghi storici, renderà unica l’esperienza del Santo Natale per i cittadini e per tutti coloro che vorranno visitare il nostro borgo medievale.
Un’occasione nuova per scoprire, o riscoprire, un borgo antico nel cuore della campagna toscana, ed apprezzarlo ancor più in una prospettiva che ne esalta le bellezze e le suggestioni.

stelle cadenti_3L’innovativo sistema di illuminazione è offerto da Toscana Resort Castelfalfi, la quale ha accolto con piacere la proposta di collaborazione del Comune per una iniziativa che vuole introdurci alle festività cogliendone lo spirito autentico, e accompagnarci nel migliore dei modi verso l’anno nuovo.

L’Amministrazione Comunale esprime quindi la propria gratitudine a Toscana Resort Castelfalfi, per la sensibilità e l’attenzione mostrata verso tutta la comunità montaionese. Ringrazia inoltre l’architetto Tiziano Pucci che ha progettato e seguito la realizzazione della nuova illuminazione.madonnina2

Buon Natale a tutti dunque. E naturalmente, appuntamento a Montaione…

Fonte: Comune di Montaione
La foto a 180° è di Montaione.NET

Biglietti d’auguri molto speciali quest’anno a Montaione

foto-bigliettiPer questo Natale l’Amministrazione Comunale formulerà i propri auguri inviando biglietti “d’autore”. Invece dei consueti biglietti prestampati, è stato scelto di utilizzare biglietti preparati dagli alunni della scuola primaria di Montaione.

Per la prima volta, e con grande entusiasmo, i bambini si sono impegnati nella realizzazione di bellissimi disegni, che hanno reso unico e speciale ogni biglietto di auguri inviato dal Comune.

Il Sindaco e la Giunta porgono quindi i loro ringraziamenti, insieme agli auguri per un felice Natale, a tutti gli alunni e alle insegnanti che li hanno sostenuti in questo progetto: per l’impegno, la magnifica qualità dei disegni e la riuscita di una iniziativa che ha visto protagonisti i più giovani della comunità.

Per consentire a tutti di ammirare il lavoro svolto dai bambini della scuola, l’Amministrazione ha deciso di rendere pubblici i meravigliosi disegni, pubblicandoli sul sito web del Comune e consultabili cliccando sul seguente link:

http://www.comune.montaione.fi.it/index.php/immagini-di-montaione/category/12-biglietti-di-auguri-natale-2014-realizzati-dagli-alunni-della-scuola-primaria-di-montaione.html

Arriva anche la terza vittoria per la pallavolo femminile UISP

di Irene Perrone

volley20141215Si è svolta lo scorso giovedì, presso la palestra di Montaione, la terza gara di campionato femminile UISP. Questa volta le padrone di casa si sono trovate di fronte l’ ASD Doriana 1999. In barba a tutti i pronostici le padrone di casa si sono imposte sulle avversarie con il risultato netto di 3-0, collezionando anche degli ottimi parziali: 25-13, 25-17, 25-16.

Tre punti che portano le giocatrici montaionesi a punteggio pieno con tre vittorie su tre partite disputate.

Nella prossima gara, in programma per venerdì 19 dicembre presso la palestra di Gambassi, le ragazze montaionesi si troveranno di fronte l’ASD Olympia Certaldo.

 

Avis e Misericordia festeggiano con voi

Avis e Misericordia festeggiano con voi.
Babbo Natale ed i suoi aiutanti Elfi vi aspettano mercoledì 24 dicembre con tanti piccoli doni.

Con la passione, l’entusiasmo dei giovani, la voglia di aiutare gli altri, di stare insieme e divertirsi, Avis e Misericordia di Montaione festeggiano il Natale con i montaionesi mercoledì 24 dicembre 2014 dalle ore 19.30, dopo l’esibizione della Filarmonica Donizetti.

Babbo Natale ed i suoi aiutanti Elfi vi aspettano in piazza con tanti piccoli doni,

–        Dalle ore 19.30 Aperitivo e Musica nel Centro Storico
–        Dalle ore 24.00, dopo la S. Messa, Vin brulé, Pandoro e Panettone
–        Ci sarà poi la consegna di un piccolo dono natalizio da parte dei Volontari alla popolazione di Montaione

Dobbiamo sempre far vivere il “bambino” che abbiamo dentro di noi.

La ricchezza che riceviamo tramite la Misericordia e l’Avis, dai volontari e dalle persone che aiutiamo, è immensa e se guardiamo il Mondo da tutte le angolazioni, a 360 gradi, ci rendiamo conto di quanto sia bello e pieno di colori. Continuiamo, come sempre, a trasmettere la “cultura dell’altro” inteso come fratello o sorella e non nemico da combattere.

Cosa possiamo dire ai nostri Volontari?

“Grazie a delle persone stupende, ai più maturi e saggi volontari e all’entusiasmo dei giovani e giovanissimi, belle e belli, fate riscoprire ancora di più la giovinezza che abbiamo dentro. Siete meravigliosi”

Ma un “grazie speciale” va a Maria Corrado Luongo, mamma del Governatore della Misericordia di Montaione, per aver cucito, con precisione ed amore, tutti i vestiti degli aiutanti di Babbo Natale, che li abbiamo chiamati gli Elfi di Nonna Maria.

 

 

 

IHP: Comunicato IHP 5 dicembre 2014

logoihpc

Morte del cavallo Flambo: IHP presenta un esposto alla Procura per chiarire le cause ed accertare eventuali responsabilità

Secondo alcune testimonianze pervenute alla nostra associazione qualche giorno fa, durante una sessione di “lavoro alla corda o longia”, un cavallo di nome Flambo sarebbe rovinosamente caduto a terra a causa dell’improprio uso delle due longie (o corde). Continue reading IHP: Comunicato IHP 5 dicembre 2014

Altra vittoria per la pallavolo femminile UISP

di Irene Perrone

Seconda partita di campionato per la pallavolo femminile UISP di Montaione. Come riassumere questa gara? Stesse squadre, stesso risultato, stesso vincitore. Partiamo però dall’inizio.

Giovedì 4 si è disputata, presso la palestra di Montaione, la partita tra le giocatrici montaionesi e il Cascine (sì, proprio la stessa squadra che le ragazze si erano trovate di fronte la settimana precedente). Non sappiamo infatti il motivo della decisione (alquanto discutibile considerando che le squadre che formano il girone sono soltanto quattro) di far giocare l’ ”andata” e il “ritorno” consecutivamente.

Sta di fatto quindi che, a distanza di poco più di una settimana, le due formazioni si sono trovate di nuovo l’una di fronte all’altra.

Anche il risultato è stato sempre lo stesso: la squadra di casa si è aggiudicata anche stavolta il match purtroppo sempre con il medesimo risultato di 3-1 (23-25, 25-23, 25-13, 25-18 i risultati dei parziali). Il primo set, come ormai da consuetudine purtroppo, è stato lasciato alle avversarie. Il prossimo appuntamento con la pallavolo UISP femminile è fissato per giovedì 11 Dicembre presso la palestra di Montaione dove le padrone di casa sfideranno l’ASD DORIANA 1999, già conosciuta in precedenti campionati.

 

Rino Salvestrini. La famiglia Figlinesi

di Rino Salvestrini

stemmafiglinesiUna ciliegia tira l’altra, dice un vecchio proverbio, così mi succede con le mie piccole ricerche di storia locale da divulgare:

Nei documenti per la storia della Nunziatina (con i Salvadori e le meridiane) mi sono imbattuto nella famiglia Figlinesi, proprietaria della cappella e anche di una grossa fattoria comprendente Sant’Antonio, Pozzolo e dintorni fino alle porte di Montaione Capoluogo e al Poggio all’Aglione, nel Medio Evo detta Figline. E proprio da questa località, che avevano in possesso, presero il nome i Figlinesi, intorno al Mille, per poi vendere tutto e tornare nel Castello di Montaione con alcuni poderi nei dintorni sulla strada per Santo Stefano e per Le Mura e infine lasciare Montaione per Empoli, fino al fallimento nel 1831.

Una famiglia Nobile, erano Conti, perché possessori di terreni in tempi antichi, gli unici nobili residenti a Montaione insieme ai Conti di Collegalli.

La storia è storia e non guarda il rango dei suoi protagonisti, così dopo aver scritto la storia di Pietro Ciulli un contadino della Casina che trovò una balena nel suo podere, ho trattato ora una famiglia Nobile che occupò un posto nella storia di Montaione e di Empoli.

Ora ho in gestazione la storia dei personaggi di Montaione e Gambassi Terme che in quasi un millennio sono nati o vissuti o hanno operato in questi due Comuni. Ne viene fuori una marea di poeti, novellieri, storici, musicisti, pittori, scultori, notai, orologiari, benefattori, santi, aspiranti santi, eremiti, amministratori comunali, vetrai, stampatori, mugnai, streghe, dannati, assassini, ladri, personaggi della leggenda e della letteratura, sindacalisti, scrittori ed anche imprenditori nell’industria, nell’artigianato, nei servizi e nell’agricoltura.

Cesare Pascarella nel suo libro in poesia “La scoperta dell’America” scrive che un tale all’osteria dice agli altri avventori:

Vedi noi? Mò noi stamo a fà bardoria:
Nun ce se pensa e stamo all’osteria…
Ma invece stamo tutti ne la storia.

Scarica La famiglia Figlinesi (pdf)

Interruzione erogazione idrica

Acque SpA comunica che, al fine di effettuare lavori di collegamento di una nuova tubazione sulla rete idrica nel Comune di Montaione, mercoledì 10 dicembre, dalle ore 8.30 alle 14.30, si renderà necessario interrompere l’erogazione idrica nelle vie Amendola, Berlinguer, De Gasperi, Matteotti e Togliatti.

Il ripristino del servizio potrà essere accompagnato da fenomeni di intorbidamento dell’acqua destinati comunque a scomparire in breve tempo. In caso di condizioni meteorologiche avverse l’intervento sarà rinviato al giorno successivo, ovvero a giovedì 11 con le stesse modalità.

Scusandosi per i possibili disagi, Acque SpA informa che per ogni ulteriore chiarimento è possibile contattare il numero verde 800 983 389.

 

 

Alla festa del tartufo di San Miniato il miglior prodotto dell’anno è…di Montaione

La salsa tartufata vincitrice del primo premio
La salsa tartufata

Alla 44a Mostra Mercato del Tartufo di San Miniato per un’azienda montaionese non è tanto profumo di vittoria quanto…vittoria del profumo. Sì, perchè il premio per il miglior prodotto dell’anno a base di tartufo infatti è andato ad un’azienda del nostro territorio.

L’evento “Miglior Prodotto al Tartufo dell’anno” era stato organizzato da La Nazione in collaborazione con San Miniato Promozione ed aveva avuto luogo presso la Piazza del Seminario.

La Piazza del Seminario di San Miniato
La Piazza del Seminario di San Miniato

Una giuria composta da diversi componenti autorevoli ha degustato 8 prodotti al tartufo (senza etichetta che riconducesse all’azienda produttrice) abbinati a vini del terriorio. La giuria doveva attribuire un voto da zero a dieci ad ogni prodotto. L’abbinamento “Salsa Tartufata” di MONTAIONE TARTUFI, il prodotto numero 3, ha ottenuto il punteggio massimo ed è stato giudicato il migliore: ecco così che Sabrina Cappellini ha ritirato il primo premio, che consiste in una pagina pubblicitaria intera sul quotidiano La Nazione.

sabrina
Sabrina Cappellini

La notizia si è diffusa molto velocemente a Montaione ed anche sui social network. Il Sindaco Paolo Pomponi, impegnato in Piemonte insieme alla Filarmonica Donizetti, ha espresso soddisfazione in questa nota indirizzata ai suoi collaboratori:

Era ora che prodotti di altissima qualità di Montaione salissero anche sul podio prestigioso come quello di San Miniato e la sua mostra-mercato.

Il fatto che poi nella denominazione sociale MONTAIONE TARTUFI vi sia anche la parola “Montaione” estende la vittoria anche a noi cittadini: Sabrina e Roberto con la loro attività portano infatti da anni il nome di Montaione in Italia e all’estero. Un biglietto da visita importante per l’economia montaionese. Da anni puntiamo molto sul tartufo e su tutta la nostra produzione tipica agroalimentare con il relativo indotto.

Esprimo a Montaione Tartufi Srl i miei complimenti personali e quelli di tutta l’amministrazione comunale”.

Inizia con una vittoria il campionato di pallavolo UISP femminile

di Irene Perrone

Con un po’ di ritardo rispetto agli anni precedenti, inizia il campionato di pallavolo UISP al quale partecipano le ragazze della POL. MONTAIONE ’95.

Quest’anno la decisione della squadra è stata quella di sperimentare il primo campionato Coppa Italia Amatori Femminile organizzato dalla sezione UISP di Empoli. Purtroppo però le squadre che hanno aderito sono state soltanto quattro; di conseguenza il calendario risulta molto ridotto.

Ecco le date nelle quali le nostre ragazze saranno impegnate:

calendarioUISP20142014
Nella prima partita, già disputata lo scorso lunedì presso il PalaAramini di Empoli, le giocatrici montaionesi si sono imposte sulle avversarie del Cascine per 3 a 1.

Un inizio un po’ incerto per le nostre ragazze che hanno lasciato il primo set alle avversarie. Non deve essere una giustificazione, ma è da considerare il fatto che la squadra quest’anno è stata completamente rivoluzionata: alcune giocatrici hanno lasciato, mentre altre sono entrate da poco a far parte del gruppo. Sarà quindi necessario un po’ di tempo per stabilire tutti gli equilibri in campo.

Prossimo appuntamento Giovedì 4 Dicembre presso la palestra Comunale di Montaione dove le padrone di casa si troveranno ad affrontare di nuovo il Cascine (l’organizzazione del calendario in questo caso non rispetta la classica divisione in “andata” e “ritorno” solitamente adottata).

 

Misericordia: convocazione del Consiglio

misericordie

Ai membri del Consiglio,
Ai Probiviri,
Ai Sindaci Revisori

Siete invitati a partecipare alla riunione del Consiglio, che si terrà presso la sede dell’associazione il giorno giovedì 4 dicembre 2014 alle ore 20.15 in prima convocazione ed alle ore 21.15 in seconda convocazione.

ORDINE DEL GIORNO:

Area Operativa Servizi, (Sociali e Trasporti Sanitari):
– nuova Centrale 118 Pistoia/Empoli e centrale ordinari Misericordie Empolese Valdelsa Valdarno, programmazione incontri con i Volontari,

– consegna del nuovo mezzo attrezzato doblò;

Area Operativa Promozione del Volontariato:
– sviluppi organizzazione festa di Natale, in collaborazione con Avis,

– organizzazione Apericena Volontari;

Area Operativa Formazione:
– organizzazione retraining,

– organizzazione corsi per soccorritori anno formativo 2015;

Attività di Comunicazione della Misericordia di Montaione:
linee di indirizzo generali per articoli su stampa on line e cartacea, comunicati stampa, interviste, sito internet, pagina Facebook, volantini e depliant, sms e mail;

Area Operativa Protezione Civile:
relazione sull’incontro formativo/informativo su tematiche di Protezione Civile  dell’Unione dei Comuni;

Area Operativa Servizio Civile:
Bando Progetto Servizio Civile Nazionale e Progetto Garanzia Giovani;

Comunicazioni al Consiglio riguardo a:
– Proposta di collaborazione tra le Misericordie della Valdelsa;

Varie ed eventuali, discussione su eventuali proposte e richieste da parte dei membri del consiglio.

Il Governatore
Avv. Nicola Luongo

Footgolf a Castelfalfi

Las_Vegas_FootGolfLa FIFG Federazione Italiana FootGolf organizza la 19° Tappa Nazionale di FootGolf, dove si assegnerà anche il TITOLO ITALIANO A SQUADRE 2014 e saranno premiate con una Coppa le prime tre squadre classificate, presso il Golf Club Castelfalfi, a Montaione (FI), sabato 29 novembre.
Il torneo sarà aperto a tutti i giocatori e le giocatrici che vorranno cimentarsi per la prima volta con questo meraviglioso nuovo sport, e sfidare i campioni italiani della categoria!

Il FootGolf unisce l’eleganza del golf alla passione del calcio. E’ un nuovo sport molto divertente e alla portata di tutti, uomini e donne. Si gioca con un pallone da calcio e l’obiettivo è fare buca, che ha un diametro di 50 cm., nel minor numero di calci possibili. Le regole sono le stesse del golf, ed a seconda delle distanze le buche sono par 3, par 4, par 5. Le buche sono sempre 18 e per terminare il percorso si passano all’incirca tre ore in un ambiente suggestivo, immersi nel verde. Il gioco del footgolf è individuale, ma per renderlo più divertente si può formare una squadra, partecipando così anche ai premi riservati alle squadre.

In pratica una squadra è formata da almeno 4 giocatori, se sono ad esempio 7 i giocatori che la formano si prenderanno i 4 risultati migliori, scartando gli altri tre punteggi. L’abbigliamento di gioco richiesto è il seguente: bermuda, calzettoni da gioco fino al ginocchio, polo. Le scarpette devono essere rigorosamente da calcetto o da tennis, e sono proibite quelle da calcio perché rovinerebbero il campo. In caso di basse temperature è consentito l’utilizzo di tute o k-way. La formula di gara del torneo sarà la tradizionale Stroke Play dove vincerà chi effettuerà il minor numero di calci sulle 18 buche del percorso di gara per un par 72 di circa 2.500 metri totali.
Le 18 buche sono state realizzate nell’incredibile percorso “Lake”, progettate ad hoc per i footgolfers più esigenti, in un paesaggio da fiaba. Tantissimi i premi: al 1°, 2°, 3° assoluto, 1° Over 40, 1° Over 50, 1° Over 60, 1° Under 18, 1° Under 14, e SQUADRA CAMPIONE D’ITALIA 2014!

PROGRAMMA DELLA GIORNATA: ore 8:30 apertura del CHECK-IN in Club House. Dalle 9:30 alle 13:00, dalla buca 1 partiranno gruppi formati da 4/5 giocatori, ogni 10 minuti. Premiazioni dalle ore 17:30 circa in avanti.

La Federazione Italiana FootGolf, insieme con la direzione del Golf Club, offre una grande opportunità a tutti gli sportivi, sarà in fatti possibile provare il campo sia il giovedì 27/11 che il venerdì 28/11 dalle ore 14 in avanti!

Per iscriversi basta inviare una mail a: segreteria @federfootgolf.it, indicando nome-cognome-data di nascita, eventuale squadra di appartenenza. Via mail si può anche prenotare il proprio orario di partenza (dalle 9:30, orario di inizio del torneo, in avanti ci saranno partenze ogni 10 minuti) e occorrerà presentarsi almeno un’ora prima al check-in presso la Club House per l’iscrizione e per tutte le informazioni sul regolamento del torneo.
Per info contattare il numero: 392/9847182.

FootGolf Toscana sarà il partner ufficiale che coordinerà tutti gli aspetti organizzativi. Se volete essere sempre aggiornati sui social network c’è la pagina
www.facebook.com/federfootgolf e su twitter www.twitter.com/federfootgolf.
Il sito internet di riferimento è: www.federfootgolf. it

CHI SIAMO
Nato in Olanda nel 2009 dall’idea di Roy Makaay*, si è diffuso rapidamente in ampie aree di tradizione calcistica (Argentina, Francia, Regno Unito). Il FootGolf approda in Italia nella primavera del 2013 con la nascita della FIFG
(Federazione Italiana FootGolf), presieduta da Mario Giobbe e promossa dal Professor Luciano Roccia, Presidente del Golf Club “I Girasoli”. La FIFG ha l’obiettivo di diffondere nel nostro paese la pratica sportiva di questa nuova disciplina in collaborazione con la FIG (Federazione Italiana Golf). Il FootGolf unisce l’eleganza del golf alla passione del calcio, avvicinando ai circoli golfistici gli sportivi di tutte le età, uomini e donne. Per iniziare è sufficiente un pallone e minime nozioni di tecnica di base. Le regole sono le stesse del golf, ma si utilizza un pallone da calcio e le buche sono adeguate alle dimensioni della sfera, hanno quindi un diametro di circa 50 cm. Si può giocare da soli o in squadra, sulla distanza di 9 o 18 buche, in modalità match play (vince chi si aggiudica più buche) o stroke play, per la quale valgono le regole del golf tradizionale: vince chi completa l’intero percorso con il minor numero di colpi.

*ex attaccante della nazionale olandese Contatti
Ufficio Stampa Federazione Italiana FootGolf
email: ufficiostampa@federfootgolf.it
tel: +39.335.8201282
www.federfootgolf.it

Allegato: comunicato Stampa 19° Tappa Nazionale FootGolf Finale Campionato Italiano 2014 a Squadre – Golf Club Castelfalfi – 29 novembre 2014.pdf