500° di San Vivaldo. La Moglie del Procuratore

Domenica 18 giugno alle ore 18.00 San Vivaldo ospiterà La Moglie del Procuratore, una lettura drammatica tratta dall’omonimo racconto di Elena Bono.500 San Vivaldo_La Moglie del Procuratore_ITA-page-001

La riduzione della piéce è curata da Francesco Marchitti, mentre le musiche e la regia sono di Salvatore Ciulla, che salirà anche sul palco come lettore con Silvia Pagnin e Andrea Giuntini.

Elena Bono (Sonnino 1921 – Lavagna 2014) è stata delle maggiori scrittrici italiane del secondo Novecento. Apprezzata, tra gli altri, da Emilio Cecchi e Pier Paolo Pasolini, è stata autrice di poesie, romanzi e opere per il teatro, nonché traduttrice dal greco e dal latino. La Moglie del Procuratore è tratta da quello che è unanimemente riconosciuto il capolavoro della scrittrice, la raccolta di racconti Morte di Adamo (Marietti, 2013).

“Nel corso di una notte Claudia Serena Procula, la moglie di Ponzio Pilato, confida all’amico Lucio Anneo Seneca l’antefatto e il seguito della condanna a morte di Gesù di Nazareth. La Moglie del Procuratore è un romanzo breve e intenso, che a tratti sconfina nella suspence del giallo, intessuto sulla lucida esposizione di fatti di cronaca. È un racconto a tinte fosche costruito sul susseguirsi di scene impreviste e di personaggi vividi e reali tratteggiati con perizia magistrale. È una storia che rimane nel cuore”.

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.